Cerca Hotel al miglior prezzo

Iseo e il suo Lago: week end tra arte, cultura e natura

Pagina 1/2

  • Pieve San Andrea
  • Piazza Garibaldi
Se il Lago d’Iseo potesse parlare, certo narrerebbe un’infinità di storie intricate, che col passare del tempo hanno avuto luogo nelle borgate e nei porticcioli appollaiati alle sue rive. Invece si è dovuto limitare a rispecchiare da sempre le bellezze della costa, regalando ai visitatori un’immagine doppia del paesaggio circostante: è dovuto anche a lui il fascino di molte località, ad esempio di Iseo, cittadina di circa 9 mila abitanti in provincia di Brescia, sul lembo sud-orientale dello specchio d’acqua omonimo.

Distante circa 23 chilometri dal capoluogo di provincia, Iseo è un concentrato di arte, cultura e natura, con una storia lunga e appassionante alle spalle. Dipendente dal monastero bresciano di San Salvatore nel IX secolo, Iseo cadde in mano ai Sozzi e agli Isei nel 1160 per poi divenire, nel XIII secolo, proprietà della famiglia Oldofredi. Era il 1426 quando il Carmagnola acquistava il comune per volere della Repubblica Veneta, e ancora oggi il centro porta i segni dell’architettura e della cultura medievali. Un vero e proprio gioiello tra gioielli, se si tiene conto dello splendido scenario in cui Iseo si inserisce: il territorio del lago è costellato di paesi pittoreschi, tra cui spicca Monte Isola con il suo antico santuario, ma anche di percorsi naturalistici rilassanti e incontaminati. Da vedere la riserva naturale Piramidi di Zone, in cui l’acqua ha eroso il territorio morenico in forte pendenza e ha generato queste particolarissime conformazioni.

Le passeggiate sono incentivate dal clima locale, che generalmente regala temperature piuttosto miti per queste latitudini: le medie del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di -2°C a una massima di 4°C, mentre in luglio e agosto, i mesi più caldi, si passa dai 18°C ai 29°C. Unico neo le precipitazioni, piuttosto frequenti per tutto l’anno: il mese meno colpito è dicembre, con 54 mm di pioggia, mentre il più piovoso è agosto con 85 mm. Immerso nella natura è anche il Monastero Cluniacense di San Pietro in Lamosa, un ex convento nei pressi di Provaglio d’Iseo, sulla statale che conduce al lago. In cima da un’altura, che fa parte dell’anfiteatro morenico del sebino, l’edificio risale all’XI secolo ma continuò a subire modifiche e ampliamenti sino al XVI secolo.

L’originaria impostazione romanica è mutata fortemente nel corso dei secoli, ma la bellezza del paesaggio circostante è rimasta quasi immutata: al di fuori della struttura c’è il verde rigoglioso della Riserva Naturale delle Torbiere d’Iseo, un’area acquitrinosa perfetta per la riproduzione di molte specie di uccelli, divenuta col tempo un grande centro ecologico inserito tra le Zone Umide di Importanza Internazionale protette dalla Convenzione di Ramsar.

... Pagina 2/2 ... Addentrandosi nel cuore storico di Iseo si scoprono altre bellezze imperdibili, come la Pieve di Sant’Andrea che domina la Piazza del Sagrato e costituisce uno dei simboli del paese. Fondata nel V secolo e ampliata successivamente, con l’aggiunta di un campanile in pietra calcarea, la chiesa custodisce un dipinto ad olio di Francisco Hayez del 1839, che rappresenta San Michele Arcangelo mentre trafigge il drago. Nella medesima piazza si possono visitare la Chiesa di San Giovanni Battista e l’ex Oratorio dei Disciplini.

Tra le architetture a carattere militare spicca l’imponente Castello Oldofredi, abbarbicato sulla cima di uno sperone roccioso fuori dal centro di Iseo, a pianta quadrata dotata di quattro torrioni angolari. Fondato probabilmente nell’XI secolo, il maniero venne incendiato dal Barbarossa e successivamente restaurato ad opera di Giacomo Oldofredi. I Cappuccini lo trasformarono in un convento e rimase tale fino al 1798, quando venne abbandonato.

Se i monumenti narrano le glorie e le avventure del passato, a vivacizzare l’oggi di Iseo c’è un ricco repertorio di eventi culturali, manifestazioni popolari e feste della tradizione. Tra gli eventi più allegri c’è la rassegna “Provincia in Fiore”, che coinvolge vari paesi della zona e a metà marzo apre le porte dei giardini e degli orti botanici più belli di Iseo. Ancora più coinvolgenti sono gli appuntamenti dell’estate sul lago, che si susseguono a ritmo serrato da giugno ad agosto, mentre i più golosi apprezzeranno la Settimana della Tinca nella vicina Clusane, nella terza settimana di luglio. Per l’occasione si gusta il prelibato pesce, cotto al forno e accompagnato dalla polenta, e ci si lascia incantare dai concerti, dagli spettacoli sotto le stelle e dalle esplosioni multicolore dei fuochi d’artificio.

Raggiungere Iseo non è difficile, da qualunque parte si provenga e con qualunque mezzo di trasporto. Chi viaggia in auto deve percorrere l’autostrada A4, uscire a Rovato e proseguire per circa 15 minuti seguendo le indicazioni. Dalla stazione ferroviaria di Brescia partono frequenti corse in autobus verso Iseo e altre località costiere, mentre gli aeroporti più vicini sono quelli di Bergamo (38 km), Brescia (48 km), Milano Linate (82 km) e Milano Malpensa (120 km).
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close