Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Varenna

Varenna (Lecco): visita tra la Villa Monastero e la Villa Cipressi

Pagina 1/2

Varenna, Varéna in dialetto insubre, è un minuscolo comune lombardo di appena 859 abitanti situato sulle rive del Lago di Como, praticamente di fronte a Bellagio, all’interno della provincia di Lecco. Questa piccola gemma incastonata a metà strada tra il blu delle acque del lago e il verde dei boschi delle Prealpi lombarde è un’oasi di pace e serenità, e rappresenta una destinazione turistica ideale per tutti coloro che abbiano intenzione di concedersi un periodo di riposo a stretto contatto con la natura. L’elevato standard qualitativo delle strutture recettive, l’efficienza dei servizi e la comodità nel raggiungere il paese rappresentano ulteriori incentivi a concedersi un soggiorno in questo angolo di paradiso nel quale il tempo pare essersi fermato.

La prima citazione dell’insediamento all’interno di un documento ufficiale risale al 769, anche se informazioni più chiare ed esaustive si cominciarono a avere dal XI secolo, quando Varenna si alleò con il Comune di Milano venendo per questo rasa al suolo dai comaschi nel 1126. Nel 1169 la cittadina accolse i vicini compagni dell’Isola Comacina, anch’essi assediati dall’esercito di Como e praticamente privati del loro vecchio villaggio. A tutt’oggi si celebra ancora questa importante ricorrenza, capace di segnare la storia di Varenna, il sabato e la domenica della settimana in cui cade il 24 giugno, giorno della festa di San Giovanni. In questi due giorni la superficie del lago viene illuminata a giorno da migliaia di lumaghitt, lumini galleggianti depositati sulle acque, che stanno a ricordare le anime della gente scacciata dalle proprie case ed in fuga verso Varenna.

I luoghi da visitare sono tanti e molto diversi tra loro. Ad accomunare ville e castelli c’è però lo splendido scenario nei quali sorgono e che avvolge tutta questa zona del Lago di Como, nella quale le montagne si sposano col lago in un’estati di colori e profumi. L’attrattiva principale è il Castello di Vezio, la cui sagoma si staglia contro l’azzurro del cielo sul fondo della Val d’Esino, proprio sopra all’abitato di Varenna. Quest’antica fortezza medievale venne costruita a cavallo tra XI e XII secolo, anche se nei secoli a venire subì numerose modifiche. Dopo aver attraversato l’oliveto secolare che la circonda, potrete accedere all’esposizione di rapaci, con il falconiere, talvolta agghindato secondo i costumi del tempo, che vi darà spettacolari dimostrazioni di volo. Salendo sulla torre più alta del castello si godrà di un panorama incantevole su tutta la zona del Lario.

Da non perdere anche: la Chiesa Prepositurale di San Giorgio, una basilica a tre navate consacrata nel 1313 la cui facciata è arricchita da uno splendido affresco raffigurante San Cristoforo; la Villa Cipressi, che vanta terrazze e giardini a strapiombo sul lago che ospitano tantissime specie vegetali in un turbinio di colori; la Villa Monastero, le cui attrattive si dividono tra l’esterno, dove passeggiare nei sentieri degli immensi giardini in riva al lago, e l’interno, che ospita le sale della Casa Museo; e la Chiesa di San Giovanni. Per quanto riguarda le attrattive di carattere museale, una visita la merita il Museo Ornitologico, nel quale vengono presentata le più note specie animali che popolano la zona del Lario. Semplicemente sbalorditiva è invece la sorgente di Fiumelatte, il fiume più corto d’Italia, che nasce da una cavità scavata nella roccia che nel corso della storia è stata visitata da personaggi del calibro di Leonardo da Vinci.
... Pagina 2/2 ...
Una volta terminate le visite di carattere culturale, non c’è niente di meglio che concedersi qualche ora di meritato riposo distesi su uno dei lettini del Lido antistante al centro di Varenna. Qui, coi piedi immersi nella sabbia calda, avrete a disposizione bar, spogliatoi, docce ed anche un parco giochi per bambini.

Il clima è continentale, freddo e piovoso d’inverno, caldo e umido d’estate. In primavera e autunno la natura si presenta con i suoi abiti migliori, dalle tinte variopinte, nei quali troneggiano rispettivamente i fiori colorati e le foglie ingiallite dai primi freddi. Queste stagioni sono anche quelle in cui il flusso turistico è più scarso e per questo rappresentano i periodi migliori per visitare Varenna.

Per quanto riguarda i trasporti, Varenna è ottimamente collegata tramite aliscafi e battelli ad alcune incantevoli località poste però sull’altra sponda del lago, come Menaggio, Bellagio e Cadenabbia. Il paese, comodamente raggiungibile da tutta la Lombardia, dal Veneto e dal Piemonte, è collegato fin quasi a Milano dalla S.S.36, che all’altra estremità raggiunge il valico alpino tra Italia e Svizzera nei pressi di Madesimo.
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close