Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Dogliani

Dogliani (Piemonte): sulle Langhe nella cittą del vino Dolcetto

Pagina 1/2

Tra le splendide colline delle Langhe, polmone verde e cuore pulsante del Piemonte, si trova il caratteristico comune di Dogliani, uno dei principali centri di produzione del famoso Dolcetto, vino rosso piemontese.

Qui vino e cibo sono protagonisti e l'ospitalità una vera e proprio filosofia di vita. Arrivando in questa splendida terra, avrete l'imbarazzo della scelta tra ristoranti, piole, cascine e agriturismi che, "incastrati" tra queste splendide colline, vi offriranno la possibilità di assaporare gli ottimi prodotti tipici piemontesi, godere della tranquillità dei paesaggi della Langa, o anche solo gustare un buon bicchiere di vino.

Vino, che da sempre segna la vita, la storia, l'economia di questo paese e anche la sua toponomastica, in quanto numerosi tesi sostengono la provenienza del nome "Dogliani" dal latino "Dolium", che richiamerebbe a una coppa di vino e risalirebbe alla colonizzazione romana del paese. Solo nel medioevo però, la configurazione urbanistica del paese comincerà ad assomigliare a ciò che è oggi.

La città è infatti divisa in due rioni: Borgo, il rione inferiore, più moderno e attivo dal punto di vista abitativo e commerciale, e Castello, il nucleo medievale di Dogliani, il cui inizio è delimitato in due punti da altrettante porte d'accesso: Porta Soprana e Porta Sottana, due luoghi di grande interesse storico e artistico. L'architettura medievale ha sicuramente caratterizzato in maniera maggioritaria l'urbanistica doglianese e molti dei poli d'interesse storico-artistico della città risalgono appunto a questo periodo storico. Alcuni esempio sono il Palazzo municipale, la Torre Civica; la Casa castellata dei Perno e la Casa-cappella di San Giacomo, che nel primo Novecento fu residenza del presidente Luigi Einaudi.

Oltre a essere arte e architettura, Dogliani è anche e soprattutto natura, una natura collinare dalla maestosa bellezza, che offre paesaggi mozzafiato e tante opportunità di escursioni. Il comune di Dogliani ha infatti ideato sette itinerari percorribili a piedi, in bicicletta e a cavallo, perfetti per chi, magari dopo un bel piatto di agnolotti e un bicchiere di Dolcetto, non rinuncia a una bella e rilassante escursione nella natura, in questa splendida terra sabauda che non smette mai di stupire. Imperdibile per chi visita queste zone, è dunque una visita alle cantine e alle aziende vinicole della zona, in cui oltre a degustare, è possibile scoprire appieno la storia e i processi di produzione del vino, il tutto magari accompagnato da qualche buon piatto della tradizione piemontese: dalla tradizionale cisrà - un minestrone di trippa e ceci - alle tante declinazioni di pasta fresca, una su tutte gli agnolotti, alla fonduta, fino ad arrivare al tartufo, il principe delle Langhe.

... Pagina 2/2 ... Una grande dichiarazione d'amore a questi prodotti tipici - e soprattutto al vino - si tiene a settembre con la "Sagra del Dogliani", una manifestazione che ogni anno attira visitatori da tutta la regione e che va a celebrare il mondo agricolo della Langa con eventi culturali, esposizioni di prodotti tipici, mostre e, chiaramente, degustazioni di vino.

La "Sagra del Dogliani" è solo uno dei tanti eventi che, durante l'anno, animano la tranquilla vita doglianese. Una bella festa primaverile è, per esempio, l'"Antica fiera della ciliegia", per la quale il rione Castello si trasforma in un grande punto di degustazione e di esposizione artigianale. Ad attendervi per i vicoletti di Castello ci saranno tanti prodotti hand-made a base di ciliegia, dalle marmellate alla biscotteria, ma anche l'esposizione "Manufatti d'autore", le cui bancarelle propongono eccellenze d'artigianato piemontese per tutti i gusti.

Tornando all'autunno, invece, un altro appuntamento apicale nella vita doglianese è la "Cisrà e la Fiera dei Santi", una suggestiva fiera popolare nota a livello nazionale e snodata in tre poli d'interesse: l'antichissima tradizione della distribuzione della cisrà, la fiera commerciale e il mercato del tartufo, che in questo periodo dell'anno diventa protagonista assoluto delle tavole piemontesi.

Per arrivare a Dogliani da Torino, è necessario percorrere la A6 TO-SV, uscire poi a Marene, proseguire per Cherasco e successivamente per Dogliani. Arrivando da Milano, invece, occorre percorrere la A21 TO-PC, uscire ad Asti Est, proseguire per Alba, Barolo, Novello, Monchiero e successivamente per Dogliani. Per chi arriva in treno, infine, Dogliani è raggiungibile tramite autobus dalle vicine stazioni di Bra e Fossano.

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close