Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Porto Viro

Porto Viro (Veneto), escusione in cittą e nel Parco del Delta de Po

Pagina 1/2

La sua storia è piuttosto recente, ma vanta addirittura due date di nascita. Infatti Porto Viro, un tempo chiamato Taglio di Porto Viro, venne fondato una prima volta dal regime fascista nel 1928, per poi essere sciolto nel 1937, e una seconda volta nel 1995, con la fusione dei vecchi centri di Donada e Contarina. Oggi Porto Viro è una cittadina veneta di quasi 15 mila abitanti, situata in provincia di Rovigo, incorniciata dallo scenario affascinante del Delta del Po.

Racchiuso tra il ramo principale del Po di Venezia, il Po di Maistra, un tratto del Po di Levante e il Mare Adriatico, Porto Viro comprende un territorio variegato, dalle innumerevoli sfaccettature: buona parte della zona è occupata da una campagna rigogliosa e molto fertile, grazie alla sua natura alluvionale, e tutt’intorno si sviluppano valli palustri, lagune, e particolari formazioni sabbiose dette “scanni”, degli isolotti che si creano per deposito di detriti del corso d’acqua.

A testimoniare la bellezza del paesaggio naturale c’è l’istituzione, nel 1997, del Parco Regionale Veneto del Delta del Po, voluta dalla Regione Veneto: l’ambiente è unico, dominato dallo splendore del fiume, dal suo corso impetuoso e tortuoso, da una flora e una fauna interessantissime tipiche delle valli da pesca. In tanta meraviglia, Porto Viro rappresenta il maggiore centro abitato.

L’economia del paese si basa su diverse risorse: la pesca e l’agricoltura sono i settori fondamentali, affiancati da alcune realtà industriali importanti e da alcuni cantieri navali, oltre alle attività commerciali e artigianali. Ma con la creazione del parco si è rinvigorito anche il settore del turismo, grazie all’attenta valorizzazione e alla tutela del territorio, che racchiude veri e propri gioielli naturali. Da non perdere la via delle valli, il Po di Maistra e la magica oasi di Cà Pisani, dove si riconoscono alcuni esempi pregevoli di architettura tipica veneziana e una serie di impianti idrovori, testimoni delle fatiche intraprese in passato per rendere sfruttabili queste terre.

Nel centro non mancano poi alcuni edifici interessanti, tra cui spiccano i luoghi di culto. La zona è compresa nella Diocesi di Chioggia, e vanta belle strutture come la chiesa di Santa Maria Madre in località Scalon, la chiesa di San Bartolomeo Apostolo in località Contarina, la chiesa della Visitazione di Maria nella frazione di Donada e, a breve distanza, la chiesa di San Pio X.
... Pagina 2/2 ...
Tra i monumenti civili c’è invece un monumento dedicato ai caduti del secondo conflitto mondiale, creato utilizzando le schegge delle bombe di quel periodo storico: la scultura rappresenta un militare che protegge un bambino. Da vedere anche un secondo monumento, dedicato ai caduti in mare, e il teatro Eracle, il più importante della città, sede di incontri ed eventi culturali.

A proposito di eventi culturali: a Porto Viro la cultura e le tradizioni sono elementi importanti, che si respirano nella quotidianità e si manifestano particolarmente in occasione delle feste. Per assaporare la storia della civiltà contadina si può visitare il Museo della Corte di Cà Cappello, mentre nel museo del miele della medesima località, di piccole dimensioni, si possono apprendere i segreti di questo delizioso prodotto. Gli eventi che animano le vie del paese, altrettanto preziosi per conoscerne gli usi, sono la mostra mercato del tartufo che si tiene in aprile, la mostra nautica e la fiera campionaria di giugno, la festa del miele di settembre e il mercatino natalizio nel mese di dicembre.

Il tutto in un clima gradevole, caratterizzato da temperature generalmente miti, estati calde e soleggiate e inverni freddi ma non molto rigidi. In gennaio, il mese più freddo, i valori medi vanno da -1°C a 6°C, mentre in luglio si passa dai 18°C ai 28°C. Le precipitazioni sono limitate nella stagione estiva, mentre si concentrano in autunno e toccano il valore massimo in novembre, quando cadono in media 87 mm di pioggia.

Collegano Chioggia con Rosolina, Porto Viro e Taglio di Po. Per arrivare a Porto Viro si possono valutare diverse possibilità. Chi viaggia in auto e viene da Verona deve prendere la A4 Milano-Venezia, quindi la A13 Bologna-Padova e uscire a Boara, procedendo sulla SS 309 Romea in direzione Adria; chi viene invece da Venezia deve percorrere la A4 Trieste-Venezia e uscire alla tangenziale Mestre. Le autolinee Passarella collegano la cittadina a Chioggia, Rosolina e Taglio di Po, mentre gli aeroporti più vicini sono quelli di Venezia, Bologna e Verona, rispettivamente a 80 km, 140 km e 180 km.
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close