Cerca Hotel al miglior prezzo

Pellizzano (Trentino): il Lago dei Caprioli e i dintorni della Val di Sole

Pellizzano, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Abdelmajid Benjelloun, scrittore e poeta marocchino, disse una volta che “Il silenzio è la gentilezza dell’universo”. Ebbene, chi arriva a Pellizzano trova la piena cristallizzazione di questo stupendo aforisma semplicemente ascoltando la natura che suona, il vento che solfeggia fra le piccole case del borgo, l’abbraccio mite del paesaggio che frastorna piacevolmente con il proprio eclatante mutismo a 925 metri di altitudine.

Gli 800 abitanti del bel paese in provincia di Trento vivono di una tranquillità irreale che mai avrebbero il coraggio di scuotere, ben sapendo che la loro località non è come tutte le altre, è una dimensione a sé stante, un giaciglio dell’intimità e dell’anima incastonato nello stupendo scenario naturalistico della Val di Sole rinfrescata dal torrente Noce, deliziata dal suo fresco e placido scorrere.

L’agglomerato urbano sorge in una morbida spianata lussureggiante, impresso in un pittoresco quadro di cui fanno parte le amene frazioni Claiano, Termenago e Castello, sviluppatesi in modo paritetico a Pellizzano successivamente al consumarsi della Seconda Guerra Mondiale, specialmente in termini turistico-ricettivi contemplando nuove costruzioni per la villeggiatura forestiera, edifici pubblici, alberghi e appartamenti esclusivi persi nel verde di una delle valli più belle del Trentino Alto Adige.

I Lago dei Caprioli ed i dintorni di Pellizzano

Da qualunque angolazione è possibile scorgere all’orizzonte tratti di un comprensorio fantastico, il lago dei Caprioli, uno del laghi balneabili più belli del Trentino Alto Adige, tra boschi di conifere, selve di abeti e larici, aree alpine di stampo lacustre e declivi rocciosi come il Passo di Val Gelada. Se esiste un paesaggio così fenomenale, esistono di rimando itinerari che intendono indagarne ogni angolo, per questo ogni anno le escursioni si sprecano, che siano a piedi, in bicicletta o a cavallo. La cornice di Pellizzano offre intrattenimenti soprattutto sportivi, infatti sia in inverno che in estate il divertimento è assicurato, che si tratti di sciare sulle piste di fondo ad alta quota in inverno (stazioni sciistiche di Marilleva, Pejo, Passo Tonale e Madonna di Campiglio), sia che si decida di volteggiare come un aquila facendo dell’adrenalinico parapendio in estate. Presente anche un impianto per il salto dal trampolino, l’unico della Val di Sole. Non mancano inoltre i cultori dell’aeromodellismo, che qui danno sfogo alla loro sfrenata passione.

Cosa vedere a Pellizzano

A impegnare la mente ci pensa il patrimonio architettonico-artistico rappresentato dai solitari luoghi di culto che tappezzano la località, come la Parrocchiale della Natività di Maria, edificio ecclesiastico in stile gotico-rinascimentale che la leggenda vuole essere stato eretto per volere di Carlo Magno. Un possente campanile, tre navate, campate coperte da volte a crociera e colonne circolari concedono l’ambiente ideale a un censo prezioso costituito dai dipinti murali dei fratelli Giovanni e Battista Baschenis, il magnifico affresco ritraente una Madonna col Bambino, alcuni Santi e Disciplini realizzato nella seconda metà del ‘500 da Cipriano Valorsa, e ancora quattro altari lignei, la decoratissima Cappella Canacci e la Via Crucis di Carl Henrici.

Il formaggio è un prodotto di qualità ch’è il risultato della lavorazione del latte direttamente in malga, ma la carne viene per seconda e nel giugno 2018 è stata inaugurata la prima risto-macelleria del Trentino, "Dal Massimo Goloso", attività a conduzione familiare.

Come arrivare a Pellizzano

Per arrivare va percorsa l’Autostrada A22 del Brennero fino a Trento, si prosegue sulla SS 43 imboccando la SS 42 diretta in Val di Sole; la stazione ferroviaria si trova a Trento, da qui parte la ferrovia Trento – Malè, e dalla stessa Malè partono bus navette che giungono a Pellizzano; l’aeroporto più prossimo è il “Valerio Catullo” di Verona, distante 163 km dalla località.

  •  

News più lette