Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Monte Pratello

Monte Pratello (Montepratello): sciare nella localitą sciistica di Rivisondoli

Pagina 1/2

Tra gli scenari meravigliosi che compongono il Parco Nazionale d’Abruzzo e il Massiccio della Majella affiora il comune abruzzese di Rivisondoli, con la sua località sciistica Monte Pratello. Siamo nella Regione degli Altipiani Maggiori d’Abruzzo, in provincia dell’Aquila, a 1365 metri s.l.m.: qui il bel villaggio montano, popolato da appena 720 abitanti, lancia lo sguardo verso le cime innevati e i pascoli verdeggianti della vallata. Monte Pratello è una località rinomata ormai da molto tempo per la pratica degli sport invernali, e in Abruzzo è tra le stazioni sciistiche più importanti. I suoi impianti di risalita, che vanno dai 1390 ai 1056 metri di quota, sono serviti da una cabinovia ad agganciamento automatico, due seggiovie e sei skilift.

Gli oltre 35 km di splendide piste offrono discese di ogni tipo, dalle più semplici e adatte ai principianti a quelle più ardue, tutte affiancate da panorami sublimi dalla bellezza drammatica, aspri e affascinanti allo stesso tempo. Alcune piste sono addirittura omologate per gare sciistiche nazionali e internazionali. A sancire definitivamente il successo di Rivisondoli e Monte Pratello fu, nel 1913, la venuta in paese dei Reali d’Italia: questo comportò un notevole aumento di interesse verso il piccolo borgo montano, e un sempre maggiore flusso turistico sia estivo che invernale.

Il risultato, dopo anni di crescita e sempre maggiore impegno, è il complesso attuale: alle piste di Monte Pratello si aggiungono le vicine stazioni dell’Aremogna e Pizzalto di Roccaraso, a formare un comprensorio di alta qualità e innumerevoli risorse. Dopo aver sperimentato tutte le possibili appassionanti discese che le montagne riservano, ci si può concedere una pausa rilassante nel centro di Rivisondoli o a Roccaraso, dove non mancano i locali caratteristici dall’aria accogliente o le testimonianze storico-artistiche del passato locale.

Arrivando a Rivisondoli si possono ancora ammirare le porte che immettevano nel borgo antico, la Porta Antonietta, la porta presso Palazzo Sardi e la Porta di Mezzo. Superati gli storici accessi ci si trova in un paesino mite e silenzioso, in parte distrutto da un terremoto nel 1915 ma tuttora ricco di scorci e tesori interessanti. Da vedere il Palazzo Baronale e la vicina Chiesa di Sant’Anna, oltre alla Chiesa del Suffragio del XVIII secolo e il Santuario della Madonna della Portella.

... Pagina 2/2 ...Per tutto il centro, poi, si distinguono alcune residenze settecentesche di grande pregio e eleganza, come Casa De Capite, Casa Torre, Casa Romito, Casa Caniglia, Casa Gasparri, Casa Ferrara e Casa Notar Grossi, con i loro portali massicci riccamente decorati. In alcuni casi l’ingresso è preceduto da un “vignale”, il classico pianerottolo con una breve scalinata, mentre i balconi e i terrazzini si sporgono all’esterno pieni di riccioli e fronzoli in ferro battuto.

Chi ha deciso di sciare a Monte Pratello nel periodo delle feste natalizie, non può farsi sfuggire l’evento tradizionale più suggestivo e famoso di Rivisondoli: il Presepe Vivente del 5 gennaio. E’ il più antico d’Italia e attira un grande numero di visitatori, molti vengono anche da lontano per ammirare la sacra rappresentazione, ancora più magica grazie allo scenario spettacolare della montagna. Ad interpretare Gesù bambino viene scelto, ogni anno, l’ultimo nato del borgo, mentre per la Madonna c’è una vera e propria selezione, che si tiene l’8 dicembre ed è molto attesa dalle giovani ragazze del posto.

Per raggiungere Monte-Pratello si possono scegliere diverse possibilità. Chi viaggia in auto e arriva da Sulmona può prendere la A24 Roma-Pescara e attraversare l’Altopiano delle Cinque Miglia, oppure dalla A1 uscire a Caianello e proseguire per Venafro fino a destinazione. Rivisondoli possiede inoltre una stazione ferroviaria ed è collegata tramite pullman a Pescara, Napoli, Roma e Roccaraso. L’aeroporto più vicino, a circa 108 km, è quello di Pescara.

Giunti a destinazione si viene accolti da un clima montano, ideale per apprezzare Monte Pratello e la natura circostante: in inverno sono frequenti e abbondanti le nevicate, soprattutto in gennaio e febbraio, che rendendo il paesaggio pittoresco e ideale per le prodezze sciistiche; in estate, invece, le temperature fresche ma piacevoli invitano a trascorrere tanto tempo all’aria aperta, passeggiando lungo i sentieri o nel centro del villaggio. I valori medi di gennaio vanno da una minima di -3°C a una massima di 4°C, mentre in luglio si passa da una minima di 13°C a una massima di 25°C.
close