Cerca Hotel al miglior prezzo

Sveti Klement (Croazia): cosa vedere a San Clemente in Dalmazia, isole Pakleni

Sveti Klement, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Sveti Klement dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

È l’isola più estesa dell’arcipelago Pakleni, composto dalle venti meravigliose isole segrete Spalmadori, tutte ubicate all’ingresso del porto di Lesina in Croazia: Sveti Klement, conosciuta anche con i nomi alternativi di San Clemente e Palmizana, si può considerare a tutti gli effetti il “giardino tropicale dell’Adriatico” in virtù di una vegetazione incredibilmente lussureggiante ma ordinata e disciplinata secondo la concezione botanica della famiglia Meneghello. Entra di diritto nel club delle Isole sconosciute della Dalmazia, ma non per questo è più avara delle bellezze naturali tipiche del mare di Croazia.

Per oltre cent’anni i loro componenti si sono impegnati ad arricchire le verdi aree mediterranee con piante esotiche, nella fattispecie eucalipti, cactus, palme e bouganville coloratissime accostate a maestosi pini ultracentenari, ulivi e orti aromatici.

L’abbiamo capito, dunque: a Sveti Klement la natura è trionfante ed egemonica, tanto che sull’isola non circolano auto o mezzi di trasporto inquinanti. È un piacevolissimo gioco forza inoltrarsi all’interno di questa terra eccezionale seguendo rigorosamente a piedi i mille sentieri che si intrecciano in un verde permeante, fonte di relax e tanto sospirata armonia con l’ambiente e la fauna che lo popola.

Il mare e le spiagge delle Isole Pakleni

Ricordiamoci che questa è un’isola, ne consegue una miriade di baie, spiagge e incantevoli calette di sabbia, ghiaia e scogli levigati – si citino fra queste Punta Carnieni, Valle Monaca e Porto Spalmadore - disposte in successione lungo ben 30 km di costa, impregnate di un romanticismo alieno, accarezzate dalla freschezza di azzurrissime acque, così azzurre da palesarsi trasparenti per quanto incontaminate. Il mare cristallino serba dei fondali che paiono un miraggio per quanto belli, ricchi di pesci che sguazzano indisturbati e relitti antichi, a comporre un paesaggio marino talmente splendido da risultare irreale, intangibile.

Vi starete ora chiedendo se l’isola sia abitabile. Ebbene, la fortuna vi bacia sulla guancia poiché sì, essa è abitabile comprendendo i villaggi di Palmizana (vi è posto un complesso di ville affittabili e due ristoranti con annesso giardino botanico e museo d’arte), San Clemente (qui potete trovare una pensione a conduzione familiare e un ristorante di pesce, fra i migliori della Dalmazia) e Bebici, ideali per trascorrere in coppia o in famiglia vacanze da consegnare alla memoria.

Pensare che in passato gli stessi luoghi che avrete il piacere di visitare furono calcati da avventurieri e pirati alla ricerca di un rifugio o un riparo durante le rocambolesche fughe. Il fascino dell’isola è perciò legato anche all’epopea picaresca.

Come arrivare a Sveti Klement

Per arrivare a Sveti Klement bisogna necessariamente raggiungere l’isola di Hvar con traghetti in partenza da Spalato, Zadar e Dubrovnik ma anche da Ancona; da Hvar si prosegue fino all’isola a bordo di taxiboat o barche noleggiabili dai turisti.
  •  

News più lette

22 Giugno 2021 Le meduse pił pericolose del Mediterraneo: ...

Il clima sta cambiando, e oramai è assodato come le temperature ...

NOVITA' close