Cerca Hotel al miglior prezzo

Visitare l'Algarve: itinerario da Faro a Armação via Albufeira

Algarve, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Quanti giorni occorrono per un viaggio nel sud del Portogallo? Innanzi tutto, partendo da Lisbona, occorre un giorno per il trasferimento dalla capitale a Faro. Sono 300 chilometri di strada buona ma non troppo larga sulla quale, tuttavia, si può tenere una buona media per la scarsità del traffico che si incontra. Da Lisbona, superato l'audacissimo ponte Salazar sul Tago, si raggiunge Setubal e si continua poi per Alcacer do Sal, Ferreira, Castro Verde, Almodovar e Barranco do Velho fino a Faro, superando la Serra do Caldeirao, in un paesaggio verdissimo.Raccomandiamo questo itinerario per percorrere poi l'Algarve da oriente verso occidente, il migliore per il crescendo di emozioni che suscita lo spettacolo della natura.

Giunti a Faro, in teoria basterebbe una giornata per attraversare l'Algarve in tutta la sua lunghezza. Lo fanno le compagnie turistiche con i loro last minute organizzati. Facendo così, però, non si potrebbe più parlare di vacanze in Algarve. Queste richiedono un soggiorno più lungo, soste più frequenti. Ogni villaggio potrebbe essere il luogo ideale per una sosta che chiunque desidererebbe protrarre all'infinito. Faro è la capitale dell'Algarve, una città tutta candida, attiva, animata. I caffè e i negozi lungo la fìorita Avenida da Republica darebbero, in certi momenti, l'impressione di essere a Parigi se, da un lato, la strada non si specchiasse nel piccolo porto affollato di barche e di yachts.

Chi soggiorna a Faro può spingersi fìno a Olhao, un caratteristico villaggio dall'architettura irregolare e africana, importante posto peschereccio, e, passando a nord della città, da Estoi e S. Barbara de Nexe, raggiungere Loulè, nell'interno. È una visita raccomandata a chi ha la curiosità degli edifìci barocchi, dei portali manuelini, dei comignoli lavorati come la fìligrana, dei piccoli, deliziosi giardini che fìancheggiano le strade silenziose; ed ai golosi, ai quali non dispiaceranno i complicati dolci a base di mandorle e fìchi canditi o, dopo cena, i grossi fìchi scuri imbevuti di vino di Porto. Da Loulè, un rettilineo di undici chilometri scende dalla collina al mare fino al villaggio di Quarteira, poche case variopinte intorno a un grumo di vecchie barche che hanno le stesse forme di quelle usate dai fenici. La spiaggia di Quarteira è immensa e affonda lentamente nell'oceano che, lungo tutte le coste dell'Algarve, fìno al promontorio di Sagres, ha le stesse caratteristiche del Mediterraneo: onde morbide, fondali bassi (l'Atlantico diventa violento, con onde altissime, solo quando si raggiunge lo costa occidentale, oltre il capo San Vincenzo). Anche Quarteira, con la suo confortevole Residence Triângulo e con le altre strutture ricettive, potrebbe essere un posto dave trascorrere le vacanze se ci si accantenta di una vita semplice e del cinema nelle sere di festa.

Partendo da Faro, l'unica strada da seguire è la n.125, che corre sempre lontana dal mare. Chi la percorre, se vuole godersi l'oceano, deve andare a carselo. Superata Quarteira, e arrivati al quadrivio di Poço de Boliqueme, una stradina secondaria, affogata nei gerani, conduce ad Albufeira, semicerchio sabbioso delimitato da impervie scogliere. Albufeira è il villaggio turistico-mondano più ricercato dell'Algarve. Offre un albergo architetturalmente spettacolare, il Sol y mar, oppure il Residencias Boa Vista, o Estalagem do Cerro, poi altre numerose e convenienti pensioni familiari e parecchi locali notturni frequentati dagli ospiti più giovani. Albufeira consente anche di visitare comodamente le decine e decine di grotte - alcune d'affascinante bellezza e altre sinceramente paurose, tanto si addentrano nella montagna, misteriose e popolate di pipistrelli - che l'erosione marina ha scavato nella parete rossa della costa di Barlavento.

Anche Armaçao de Pera, a dieci chilometri da Albufeira, è una base eccellente per l'esplorazione delle grotte. Le vecchia «tonnara», con il suo golfo perfetto e liscio, è la preferita dagli appassionati di sci d'acqua. La spiaggia è tranquilla, sabbiosa, popolata di bambini. L'albergo migliore è l'Hotel do Garbe: camere tutte con balcone sul mare e arredamento caratteristico. Dovrebbe però essere evitato da chi è posseduto dal demone del gioco perché, a poche centinaia di metri, è presente un invitante Casinò.

  •  
close