Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Borsh

Borsh (Albania): la spiaggia, il mare e i consigli per la visita

La Riviera albanese brulica di piccoli villaggi poco distanti l’uno dall’altro lungo la costa assolata bagnata dall’Adriatico. La linea di località segue un litorale speciale dove s’adagia anche il paese di Borsh, realtà di 2.500 abitanti prossima ad altri rivieraschi esempi come Fterra, Piqeras e Qepero.

Il Castello

Della sua storia è impregnato il Castello già presente prima dell’avvento dei Romani nel territorio: la fortezza di Sopot fu al centro di numerose controversie che interessarono quasi sempre i conquistatori ottomani, impegnati a ribadire la fede musulmana in una terra comunque destinata al condizionamento cristiano. A singhiozzo il fortilizio riuscì ad arrivare indenne al XVIII secolo, quando venne rinnovato come struttura fortificata da Ali Pasha Tepelena, durante il cui regno Borsh contava appena 700 abitazioni.

La località, liberata da fardelli e crisi belliche dopo il 1914, affrontò anche le piaghe della Seconda Guerra Mondiale e il relativo spopolamento del centro urbano, contrastato dall’arrivo di massicce fiumane di profughi provenienti da Vlora, attuale Valona. L’economia incorse in un repentino rilancio, s’intensificò la produzione di olio d’oliva data l’abbondanza di uliveti sui colli terrazzati e fioccò un turismo che oggi è forse la preminente risorsa in grado di “tirare la carretta”.

La spiaggia di Borsh

L’ingranaggio funziona bene, Albania non significa più terra di nessuno e una volta di più ribadisce un forte e accentuato carattere marittimo il cui maggior impulso è offerto da una costa molto bella, monopolizzata in senso più che positivo dai 7 km sui quali si spalma la spiaggia di Borsh, una delle più estese della nazione, striscia di ombrelloni, stabilimenti balneari ma anche lingue di soffice sabbia libere accompagnate dalla presenza incalzante di hotel e strutture ricettive di prim’ordine.

Dove dormire a Bosh

Tutte hanno ormai raggiunto i più alti standard qualitativi e il confort è per giunta assicurato da tante opzioni di soggiorno: si va dall’Elisabeta Hotel con alloggi separati, ristorante interno e parcheggio privato al Villa Florika, dotata di piscina, terrazza solarium, fino ad arrivare al Blue Days Hotel per un’esperienza molto più simile a quella di un resort. Si accodano e accordano poi tanti efficaci servizi, numerosi locali, chioschi, bar e discoteche ben disposti ad accontentare la voglia giovanile di divertirsi. Per le famiglie è riservato un relax da oasi fuori del tempo, in uno spazio favoloso pervaso da un paesaggio multi cromatico, multiforme e plurisfaccettato.

Sotto un piano prettamente naturalistico, Borsh si pone quale interessante e magnetico punto di congiunzione fra terra e mare, inoltre la morfologia territoriale permette lo scorrere piacevole del torrente Borshi, che arriva fino al centro del villaggio fuoriuscendo da una roccia e creando un translucido gioco d’acqua, una cascata molto suggestiva dal piccolo ma evidente salto.

Come arrivare a Borsh

Borsh è raggiungibile comodamente via mare imbarcandosi dai porti di Bari, Monopoli, Brindisi e Otranto; gli aerei atterrano nella capitale Tirana e questo implica uno spostamento dall’entroterra al litorale da compiersi con auto a noleggio o per mezzo di autobus di linea che ogni giorno percorrono quel tratto di strada.
  •  
loading...
close