Cerca Hotel al miglior prezzo

Méribel (Les Allues), sci sulle piste del comprensorio Les Trois Vallées

Pagina 1/2

Se si potesse sorvolare la Savoia, ammirando dall’alto il paesaggio innevato delle montagne francesi, le casette di Meribel sembrerebbero zollette di zucchero, adagiate nella bambagia candida delle foreste. Si tratta invece di un paese suggestivo, collocato a 1450 metri di quota, frazione della località Les Allues e parte del comprensorio sciistico Les Trois Vallées.

Rinomata meta turistica, apprezzata soprattutto da sciatori, snowboarder e amanti della neve, Méribel è abbracciata da un paesaggio variegato, che fa assaporare la potenza incontrollabile della natura: ci si sente piccoli e indifesi al cospetto delle Alpi, che qui toccano i 2952 metri sulla cima del Mont Vallon, e lo scenario incontaminato del Parco Nazionale della Vanoise regala scorci panoramici che fanno innamorare.

Il borgo venne fondato da uno scozzese, Peter Lindsay, che cercava una nuova località di vacanza in cui trascorrere gli inverni, in sostituzione delle stazioni sciistiche tedesche e austriache, che in quel periodo subivano l’influsso del dominio nazista. Quando visitò per la prima volta Les Allues era il 1936, e fu amore a prima vista: immediatamente immaginò come potevano diventare accoglienti quei luoghi, intrisi di un fascino selvaggio. Così, nel 1938, venne messo in funzione il primo impianto di risalita meccanico al di sopra del centro abitato, e un anno più tardi si avviò la costruzione dei primi hotel e chalet, nella nuova frazione che assunse il nome di Méribel. Affezionato allo stile architettonico di quelle zone, Lindsay consultò un team di architetti specializzati e li incaricò di creare un villaggio incantevole, rigorosamente in stile savoiardo: per questo ancora oggi, passeggiando per il paese, possiamo ammirare le abitazioni caratteristiche in legno e pietra, con il tetto a punta in ardesia.

Una ventina di alberghi, oltre 40 chalet e altri 4 impianti di risalita vennero realizzati tra il 1946 e il 1954, ma anche negli anni successivi Méribel non arrestò più la sua crescita, sino a diventare la località affascinante, ospitale e suggestiva di cui godiamo ai giorni nostri. Il nucleo principale della vallata è quello di Méribel Les Allues, che si estende tra i 1450 e i 1700 metri di altitudine, costituito soprattutto da residenze di vacanza e caratterizzato tuttora dalle architetture tradizionali, nel rispetto dello spirito autentico savoiardo. La zona più elevata del territorio comunale, invece, è quella di Méribel-Mottaret, appollaiata a ben 1700 metri di quota. Aperta all’inizio degli anni Settanta, la stazione consente di accedere rapidamente e in maniera agevole alle altre stazioni sciistiche del comprensorio Les Trois Vallées.

Sorge invece a 1400 metri di quota Méribel Village, un borgo tradizionale situato sulla Route de Courchevel, sviluppatosi soprattutto nel corso degli anni Novanta da un primo nucleo di ovili isolati. Per passare da poche umili fattorie al villaggio attuale, accogliente e amato dai visitatori, si è attuata una grande opera di valorizzazione, con un investimento notevole che ha consentito la realizzazione di alberghi e strutture turistiche, appartamenti, chalet e un centro benessere con tutti i confort che si possano desiderare. Ristoranti e panifici, dove potrete assaggiare il meglio delle delizie savoiarde, completano l’offerta del pittoresco villaggio, da cui si possono raggiungere facilmente le piste da sci e i sentieri escursionistici.

Dove sciare?

Da Meribel sono raggiungibili, nel raggio di 30km, 3 comprensori sciistici: il comprensorio sciistico Courchevel Fine stagione (a 7 Km), il comprensorio sciistico Aussois Fine stagione (a 23 Km) e il comprensorio sciistico Tignes Fine stagione (a 28 Km).

Per le nevicate previste e l'innevamento delle piste consultate:
» il Bollettino neve Courchevel.
» il Bollettino neve Aussois.
» il Bollettino neve Tignes.
... Pagina 2/2 ...Chi trascorre a Méribel una vacanza invernale la troverà glassata di neve, e potrà godere di un comprensorio sciistico di 1400 metri, che raggiunge nel punto più alto i 2952 metri di quota, in corrispondenza del Mont Vallon, accessibile mediante cabinovia. Questa è la stazione sciistica francese con il maggior numero di seggiovie, 16 in tutto, tra cui spicca la moderna seggiovia a otto posti Altiport, costruita nel 2000 contemporaneamente a quella di Flaine.

Se invece vi trovate nella zona durante l’estate potrete apprezzare un’infinità di percorsi naturalistici, da percorrere in lungo e in largo a piedi, in mountain bike o a cavallo. Nella piscina del borgo potrete fare delle nuotate rigeneranti e rilassarvi al sole, e se siete degli avventurieri potrete provare l’arrampicata, sotto l’occhio vigile dei professionisti.

A garantire il massimo divertimento ci pensa il clima di Méribel, che regala inverni freddi e nevosi, ancora più suggestivi durante le frequenti nevicate, e estati fresche, con temperature fresche e piacevoli, ideali per passeggiare e respirare a pieni polmoni l’aria tersa e pulita della montagna. I valori medi di gennaio, il mese più rigido, variano tra una minima di -2°C e una massima di 7°C, mentre in luglio, il periodo più caldo, vanno da 14°C a 28°C.

Per arrivare a Méribel in aereo si può atterrare a Ginevra, in svizzera, a 130 km circa dalla meta, oppure a Lione, a 180 km. Se usate l’auto, invece, dovete percorrere l’Autostrada A43 poi la A430 fino a Albertville, quindi la N90 fino a Moûtiers e, nell’ultimo tratto, seguire le indicazioni per Meribel.

Cortesia foto: Meribel Tourist Office
close