Cerca Hotel al miglior prezzo

Chiemsee, il Mare della Baviera: la cittą, il lago e le sue isole

Pagina 1/2

Il nome è uno solo, Chiemsee, ma dice tante cose: parla di uno specchio d’acqua cristallino, tanto grande da essere confuso con un mare; ma parla anche di un comune tedesco affascinante, formato da tre isole incantate. Il lago e il comune hanno lo stesso nome, a suggellare il legame che li unisce: la bellezza dell’uno è strettamente legata alla magia dell’altro. Il Lago Chiemsee è chiamato anche bayerisches Meer, ovvero “mare bavarese”, ed è lo specchio d’acqua più grande della Baviera nonché il terzo lago della Germania per estensione. A metà strada tra Monaco e Salisburgo, il bacino è circondato da un paesaggio splendido che prende il nome di Chiemgau, formato da pascoli e colline, montagne aguzze e torrenti, costellato di borghi suggestivi dal caratteristico aspetto montano.

Sono innumerevoli le escursioni e le visite che si possono intraprendere nelle vicinanze: ci sono Berchtesgaden, con la sua Miniera di Salgemma e il Nido dell’Aquila, Monaco, Salisburgo, Altotting con i suoi luoghi sacri meta di pellegrinaggi, e per finire Wasserburg sull’Inn, paese medievale dalle atmosfere cavalleresche. Chi ama alternare la cultura all’avventura apprezzerà le varie attività acquatiche che si possono svolgere all’aria aperta, dalle lezioni di vela allo sci nautico, per non parlare delle escursioni lungo le sponde lacustri: un dedalo appassionante di sentieri attende di farsi percorrere a piedi, in bici o a cavallo, per mostrare ai visitatori la bellezza incontaminata della natura bavarese. Di sera poi, quando il sole si nasconde dietro alle montagne e si accendono le luci dei paesi, nelle piazze e nei teatri si assiste a concerti, danze, spettacoli drammatici, mostre artistiche e manifestazioni popolari.

Ma i veri gioielli del lago sono le sue isole: le due principali, Frauenchiemsee e Herrenchiemsee, e la disabitata Krautinsel, formano insieme il comune di Chiemsee, che con i suoi 322 abitanti è il secondo paese più piccolo della Baviera per popolazione, e il più piccolo per estensione. A queste si aggiunge una manciata di isolotti minuscoli, pepite affioranti dalle acque. L’Isola Herrenchiemsee è dominata dal castello di Ludwig II, un maniero sontuoso famoso per essere la copia perfetta del castello di Versailles, residenza del Re Sole. Proprio al Re Sole era diretto questo omaggio voluto da Ludwig II, che ammirava la politica assolutistica del sovrano e la vita sfarzosa della sua corte. Accanto al profano, sull’isola, si erge il sacro: si tratta di una castello nato con la funzione di convento agostiniano, oggi utilizzato come museo di storia e sede di mostre artistiche temporanee.

L’isola più suggestiva e romantica, dagli scorci idillici e le luci malinconiche, è la Frauenchiemsee ovvero “l’Isola delle Donne”, che ospita un convento benedettino e una basilica romanica del Settecento. Trenta suore sono le abitanti stabili della struttura, ma ci sono molte camere e molti locali ceduti in affitto per corsi, seminari e soggiorni. Per la delizia dei visitatori, le suore producono tre deliziosi tipi di liquore e una prelibata pasta di marzapane, e l’isola ospita alcuni negozi e botteghe, tra cui il laboratorio di ceramiche, in cui fare shopping o acquistare altri prodotti tipici della Baviera.

... Pagina 2/2 ...Il prodotto culinario per eccellenza, sulle isole e nei pressi del lago, a dire il vero è il pesce: sono molti i pescatori che vivono e lavorano in questa zona, portando sulle tavole di abitanti e visitatori pesce sempre fresco e di ottima qualità, preparato secondo le ricette immortali della tradizione. Squisita la trota affumicata o grigliata sullo spiedo. Chi non rinuncia alle iniziative culturali troverà a Chiemsee un’ampia gamma di musei, mostre, teatri e eventi spettacolari, ma le attività privilegiate sono quelle che hanno a che fare con la natura e con lo sport: agli sport acquatici si affiancano il ciclismo, lungo i percorsi che seguono la riva, e l’escursionismo, da praticare senza sosta nei pressi dello specchio d’acqua sino alle montagne più imponenti.

Un evento intriso di magia si svolge nel periodo natalizio sull’isola Frauenchiemsee: si tratta del mercatino di Natale, che ogni anno, i primi due fine settimana del periodo di Avvento, porta a Chiemsee i profumi della frutta candita e della cannella, della frittata dolce e del caldo vin brulé. L’atmosfera è quella tipica dei borghi montani: in lontananza le cime fredde glassate di neve, lucide sotto i bagliori freddi delle stelle; nel centro del paese la folla in festa, che si scalda con i sorrisi e i dolciumi, tenendo le bevande calde tra le dite infreddolite. Le bancarelle, che invadono l’isola con un apparente disordine allegro, offrono i prodotti artigianali della zona e i piatti della tradizione bavarese, mentre nell’aria echeggiano i canti dell’Avvento in tedesco e le letture delle fiabe natalizie.

Anche il clima è perfettamente a tema: il cielo e le temperature medie fanno sì che l’incanto continui, illudendo i turisti di essere finiti in un libro per ragazzi. I valori medi di gennaio, il mese più rigido, vanno da una minima di -5°C a una massima di 2°C, e in luglio passano dai 12°C ai 23°C: in inverno l’aria è frizzante al punto giusto per riversare in paese tanti fiocchi fragranti di neve, mentre l’estate regala giornate argentine da spendere in passeggiate, senza patire l’afa e respirando a pieni polmoni l’aria pura della montagna. Le precipitazioni, nevose o piovose a seconda della stagione, si presentano in media tra i 12 e i 16 giorni al mese.

Nonostante tutto faccia pensare il contrario, siccome non siamo in un libro di fiabe ma nel mondo reale, raggiungere Chiemsee è piuttosto semplice qualunque mezzo di trasporto si scelga. Il lago è 90 km a sud-est di Monaco e si raggiunge mediante l’Autostrada A8 Monaco-Salisburgo, uscendo a Bernau, oppure in treno, scendendo alla stazione di Prien. Da Prien, in alta stagione, partono i battelli ogni 20 minuti, dalle 7.30 alle 19.30, diretti alle isole di Chiemsee. Chi deve avvicinarsi al lago in aereo può atterrare a Salisburgo, a 60 km circa, o a Monaco, a 128 km.
close