Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Altotting

Altotting (Alt÷tting): la cittÓ e il santuario, cuore cattolico della Baviera

Pagina 1/2

Nel cuore della Baviera, abbracciato da una natura verdissima fatta di foreste e capi coltivati, sorge la città tedesca di Altotting (Altötting o Altoetting), capoluogo del circondario rurale e 90 km a est di Monaco. Gli abitanti di Altötting sono circa 13 mila, ma ogni anno la città accoglie ben un milione di turisti e pellegrini: si tratta infatti, oltre al luogo natale di Papa Benedetto XVI, del cosiddetto “cuore religioso della Baviera” e della più famosa meta di pellegrinaggio della Germania cattolica.

A rendere Altotting tanto attraente per i fedeli è la statua della Madonna Nera, realizzata in legno di tiglio e così soprannominata da quando il fumo delle candele, nel corso degli anni, le ha fatto assumere la particolare colorazione scura. Il compito di custodire la celebre statua spetta al piccolo santuario della Gnadenkapelle, al centro della Kapellplatz. In origine il santuario di pianta ottagonale era una cappella, edificata probabilmente intorno al 700 e sede, secondo la leggenda, del fonte battesimale usato dal vescovo Rupertus von Salzburg per il battesimo del primo duca bavarese cattolico.

Solo nel 1330, però, giunse a Altötting la bella statua della Madonna col Bambino, immediatamente collocata all’interno della cappella. Proprio qui, nel 1489, ci sarebbero state ben due apparizioni della Madonna, e in suo onore l’altare venne arricchito nel 1670 di preziose decorazioni in argento. La particolare devozione dei fedeli, accresciutasi nel corso dei secoli, è testimoniata dalla presenza di oltre duemila ex-voto disposti sia nel santuario che lungo il porticato esterno. Chi decide di visitare la cappella, aperta tutti i giorni dell’anno dalle 5.30 del mattino alle 8.30 della sera, rimarrà ammirato di fronte alle urne d’argento che allineate, proprio di fronte alla statua, custodiscono i cuori di tutti i re di Baviera, come quello di Ludwig II morto nel 1886, e di altri nobili membri della famiglia Wittelsbach.

Oltre al santuario, cuore pulsante della vita religiosa ad Altotting, il centro della città riserva però altre piacevoli sorprese. Da vedere ad esempio è la chiesa di Santa Magdalena, un edificio barocco utilizzato dai Gesuiti sino al 1773, anno della soppressione dell’ordine, ma anche: la chiesa di St. Konrad con la tomba del frate cappuccino da cui prende il nome, defunto nel 1894 e canonizzato da Pio XI nel 1934; la basilica di Sant’Anna consacrata nel 1912; la Stiftspfarrkirche in stile gotico del 1500 con la sua camera del tesoro (Schatzkammer); infine, al di fuori dell’ambito religioso, merita un’occhiata il Municipio, per i tedeschi Rathaus, realizzato dall’architetto Rudolf Esterer nel 1906 in impeccabile e maestoso stile neobarocco.

Il culto mariano e la profonda fede di cui è permeata tutta la città sono rispecchiati dalle manifestazioni di Altotting, principalmente a carattere sacro. Si comincia con la Pasqua, quando parte il periodo dedicato ai pellegrinaggi e le liturgia, dalla Domenica delle Palme al Lunedì dell’Angelo, è accompagnata da concerti di altissimo livello. A questo evento si aggiungono poi l’inizio del mese Mariano il primo di maggio, i tre giorni della Pentecoste che accolgono l’arrivo di moltissimi pellegrini e visitatori, la processione del Corpus Domini e, infine, la celebrazione dell’Assunzione della Vergine del 15 agosto, preannunciata la sera precedente da un’emozionante fiaccolata che percorre tutte le vie della città.
... Pagina 2/2 ...
Particolarmente suggestivi sono poi i mesi invernali, a partire dall’Avvento sino al festeggiamento del Natale: il Mercatino di Gesù Bambino, i canti alpini tradizionali, l’allestimento di un grandioso presepe e specialmente il grande concerto della Vigilia contribuiscono a creare un’atmosfera magica e estremamente suggestiva.

Infine, per chi non disdegna il puro divertimento e desidera conoscere anche gli aspetti più ludici di Altotting, durante la seconda metà di giugno si tiene una divertente e coloratissima Festa della Birra, che attira moltissimi visitatori dalla Baviera e oltre.

In ogni periodo dell’anno Altötting è avvolta da un alone di fascino, ma sempre in modo diverso a seconda della stagione e del tipo di visita che si desidera fare. Chi ha intenzione di visitare le chiese e i monumenti, magari approfittandone per spingersi fuori città e godere della natura incontaminata della Germania, potrà recarvisi in estate, quando il bel tempo e le temperature miti si rivekano perfette per le escursioni e le passeggiate. I mesi più caldi sono infatti luglio e agosto, con temperature medie che variabili tra una minima di 13°C e una massima di 24°C. Chi invece preferisce godere dell’atmosfera invernale della cittadina, con le sue tradizioni legate al Natale, ai canti alpini e al buon cibo, da gustare in una calda locanda mentre fuori nevica, troverà il clima ideale tra dicembre e gennaio: a gennaio, il mese più rigido, le temperature medie vanno da una minima di -6°C a una massima di 2°C.

Per raggiungere Altötting ci si può servire dell’aereo, atterrando all’Aeroporto di Monaco e percorrendo l’ultimo tratto coi mezzi pubblici (treno o bus) o noleggiando un’auto. Tra l’aeroporto e la meta finale ci sono circa 84 km. Foto, cortesia: Sito Ufficiale
loading...
01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close