Cerca Hotel al miglior prezzo

Oberstdorf (Baviera): sci sulle vette dell'Allgäu

Pagina 1/2

Nello scenario eccezionale di un’ampia vallata, elevata sul panorama circostante a 483 m s.l.m., sorge la cittadina tedesca di Oberstdorf, il comune più grande della Baviera e più meridionale di tutta la Germania. Costituita per il 75% da territorio protetto, Oberstdorf è una meta turistica amata dai visitatori sin dalla metà del XIX secolo, anche se nel 1865 un rovinoso incendio arrestò momentaneamente la neonata e molto promettente attività turistica. Fu l’allacciamento del centro alla rete ferroviaria tedesca che, nel 1888, rilanciò la cittadina come destinazione rinomata, frequentata dagli sportivi grazie agli impianti sciistici all’avanguardia.

Oggi il comune ha una capacità ricettiva di ben 20 mila persone, attratte non solo dalle piste innevate ma anche, ad esempio, dal grande centro sportivo per il pattinaggio su ghiaccio: qui si allenano regolarmente i pattinatori artistici più famosi, provenienti da ogni parte del mondo e residenti a Oberstdorf per i periodi di intensa attività. Molto famosi sono poi i trampolini per il salto con gli sci: dal 1952 infatti, sul trampolino di Schattenberg, si ripete ogni 29 dicembre la prima gara della Tournée dei Quattro Trampolini, una prestigiosa competizione seconda solo alle Olimpiadi e alla Coppa del Mondo per importanza. Il trampolino di Heini-Klopfer è uno dei sei impianti esistenti al mondo per la pratica del volo con gli sci, e a cadenza decennale vi si disputano i mondiali di tale disciplina.

Ma non saranno soltanto gli sportivi ad apprezzare Oberstdorf: gli amanti della natura si innamoreranno dei paesaggi incontaminati e dell’aria cristallina che sembra rendere ancora più brillanti i colori intensi delle Alpi. Nell’area naturale protetta delle Alpi dell’Algovia si incontra un vero e proprio angolo di paradiso in terra: sul Fellhorn, una delle più belle montagne della zona, si estende il più grande pascolo alpino della Germania. Mantenuto da una cooperativa che, da ben 300 anni, lo utilizza dall’inizio di giugno fino a metà ottobre, il pascolo è una coperta verde ricamata di fiori e guizzante di farfalle, che riempie la valle dello Stillach a sud della città. Qui gli animali brucano e si muovono liberamente, nel pieno rispetto dei loro ritmi quieti, da quando il sole sorge dai prati sino al momento di dormire. Nelle stalle, nel frattempo, si producono litri e litri di latte ogni giorno, secondo la ricetta più antica e genuina: lo gradiranno gli ospiti, che potranno sorseggiarlo fresco mentre fanno merenda con il salame affumicato tipico di questi luoghi.

Gli appassionati di storia e cultura troveranno pane per i loro denti nel cuore del villaggio vero e proprio, in particolare nell’Heimatmuseum, ovvero il “Museo di Storia e Cultura Locale”. La mostra è allestita all’interno di una antica casa colonica in legno, miracolosamente scampata all’incendio terribile del ’65. I turisti possono addentrarsi nelle stanze dai soffitti bassi, con le pareti e i mobili tradizionali in legno, e rimarranno affascinati specialmente dalla camera da letto: in questo ambiente, chiamato “Gaden”, dormivano il fattore e la moglie, che grazie a uno spioncino intagliato accanto alla testata del letto potevano controllare direttamente il sonno degli animali nella stalla.

Un altro museo interessante è quello di Gerstruben, antico villaggio alpino poco fuori Oberstdorf, costituito da appena cinque case e una piccola cappella di 500 anni fa. Sino alla fine del XIX secolo l’agglomerato era abitato dalle famiglie di contadini, e ancora oggi si può rivivere la loro vita quotidiana visitando le camere, la cucina con gli utensili di un tempo, le stalle, il fienile e l’aia. Particolarmente belle è la Jakobe Haus, quasi inalterata nel suo aspetto originario, circondata dal tipico giardino contadino di una volta.

Dove sciare?

Da Oberstdorf sono raggiungibili, nel raggio di 30km, 2 comprensori sciistici: il comprensorio sciistico Alpsee Bergwelt Fine stagione (a 18 Km) e il comprensorio sciistico Lech Zurs Fine stagione (a 24 Km).

Per le nevicate previste e l'innevamento delle piste consultate:
» il Bollettino neve Alpsee Bergwelt.
» il Bollettino neve Lech Zurs.
... Pagina 2/2 ...
Da vedere anche il Parco Archeologico di Cambodunum. Cambodunum, in tedesco Kempten, era un antico insediamento romani che oggi, dopo i ritrovamenti portati alla luce in oltre 100 anni di scavi, è stato aperto al pubblico e suddiviso in tre diversi settori. Il primo è il quartiere gallo-romanico, con le fondamenta originali ma ricostruito nella parte sovrastante; il secondo è quello delle “piccole sorgenti calde” del palazzo del governatore; infine il terzo ospita il forum e la basilica in cui si riunivano i romani per le sedute pubbliche.

Oberstdorf sa conquistare i visitatori in ogni momento dell’anno, grazie a una ricca rassegna di manifestazioni che da gennaio a dicembre non fanno mai mancare il divertimento, e a un clima montano che accresce la magia del paese e della natura circostante. Gli eventi principali che animano le vie cittadine sono: l’“estate musicale di Oberstdorf”, che tra giugno e agosto porta il jazz e la musica classica a riecheggiare nella vallata alpina; la Festa della Transumanza che accoglie festosamente il bestiame, di ritorno dai pascoli estivi; infine l’apertura, in dicembre, della Tourneé Internazionale dei Quattro Trampolini, accompagnata da grandi festeggiamenti.

Per quanto riguarda il clima, invece, le condizioni si riveleranno ottimali sia in estate che in inverno. In estate le temperature sono piacevoli e consentono lunghe passeggiate all’aria aperta, senza diventare soffocanti: il mese più caldo è luglio, con una temperatura media minima di 12°C e massima di 23°C. L’inverno è invece piuttosto rigido, spesso reso magico dalla neve: gennaio, il mese più freddo, ha una temperatura media minima di -5°C e massima di 2°C. Le piogge si distribuiscono in maniera piuttosto uniforme durante l’anno, oscillando tra un minimo di 13 giorni e un massimo di 16 giorni piovosi ogni mese.

Per raggiungere Oberstdorf si può prendere l’aereo e atterrare all’Aeroporto di Friedrichshafen, a 90 km, o a quello di Monaco, a 170 km. Una volta atterrati ci si dirigerà verso Oberstdorf con i mezzi pubblici o noleggiando un’auto: le autostrade che raggiungono la città sono la A7 e la A96, mentre i collegamenti ferroviari ICE-IC-RE connettono Oberstdorf alla stazione di Augusta (Augsburg in tedesco). Foto wikipedia, cortesia: Civvi, SB68Manm
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittà World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close