Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Magaluf

Magaluf (Maiorca): vita notturna e divertimento per giovani alle Baleari

Pagina 1/2

Magaluf è ormai la meta prediletta dei giovanissimi di mezza Europa. Anche se il turismo italiano è in crescita, sono ancora i ragazzi inglesi ad essere in netta maggioranza sulle spiagge e nei locali di questa frazione del comune di Calvià sull'isola di Maiorca (Mallorca), in Spagna.

I circa 4000 abitanti che ci vivono in maniera stabile vengono letteralmente invasi ogni anno da orde di ventenni, spesso alla loro prima vacanza da soli dopo la maturità. Già, perché a Magaluf è ormai sparito il turismo classico delle famigliole in spiaggia, sostituito da un turismo di massa spensierato e alla ricerca di divertimento ad ogni costo, dove la vita notturna e le discoteche sono il principale motivo per recarvisi.

La nascita di Magaluf si registrò negli anni Sessanta, quando il dittatore Franco decise di trasformare le isole Baleari – e in particolare Maiorca – in una destinazione turistica. La costruzione di hotel, palazzi e infrastrutture turistiche diede così il via a un'urbanizzazione sfrenata che richiamò vacanzieri da un lato e lavoratori che soddisfacessero l'offerta di impiego dall'altra.

Negli ultimi vent'anni, in particolare, Magaluf ha visto crescere esponenzialmente l'afflusso turistico. Come dicevamo, sono soprattutto i giovanissimi (18-25 anni in media) i principali frequentatori della località: in effetti, qui possono trovare tutto ciò che stanno cercando: mare e divertimenti acquatici durante il giorno, locali, alcool e discoteche alla notte, e soprattutto un'atmosfera molto tollerante verso ogni tipo di eccesso. E il sesso ormai gioca un ruolo importante, come dimostrano alcuni video che hanno fatto scandalo in rete, dove orge, rapporti in pubblico e sesso orale in cambio di un drink in discoteca sono diventati la regola.

Ma tant'è: tutto questo attira irrimediabilmente i ragazzi (soprattutto britannici, seguiti da olandesi, scandinavi e italiani) e la richiesta rimane alta. I punti d'interesse turistico non sono dunque musei, monumenti o edifici storici, bensì il Western Water Park (un parco acquatico a tema vecchio West), la pista di go-kart, la Casa di Katmandu (una sorta di museo-spettacolo-divertimento), le onde artificiali della Wave House presso il Sol Wave House hotel o il Pirate's Adventure show, oltre naturalmente alle spiagge.

A ben vedere, proprio le spiagge sono quanto di più normale si possa trovare. Pur trattandosi di un'unica grande distesa sabbiosa lunga circa un chilometro e larga almeno 50 metri che delimita la baia, è generalmente suddivisa in tre settori principali: Majorca Beach, Palma Nova Beach e Magaluf Beach, tutte rigorosamente attrezzatissime e circondate da bar e negozi di vario genere. Nel mezzo della baia, inolre, si trova l'Isla de Sa Porrassa – nota anche come Black Lizard Island – meta prediletta delle sfide a nuoto tra i ragazzi.
... Pagina 2/2 ...
Le discoteche sono però la ragione principale per cui tanti giovani scelgono Magaluf: la vita notturna qui non ha regole e i locali fanno a gara per accaparrarsi la clientela a colpi di bevute omaggio e offerte allettanti, ma anche con ospiti – soprattutto dj – di fama internazionale. La movida inizia da Punta Ballena (chiamata dagli inglesi The Strip), la strada più frequentata e colma di locali, e per espandersi a macchia d'olio nelle vie della cittadina fino alla spiaggia.

La discoteca più importante è il BCM Planet Dance, su due piani, che può vantare come resident DJ Sammy, un'icona delle notti spagnole, ma non bisogna dimenticare i locali affiliati all'MCP, ovvero il Magaluf Club Pass, un'iniziativa che permette di spostarsi tra il Boomerang Nightclub, il Banana's, il Carwash, Tokio Joe's e l'Honey's Lap Dance.

Insomma, come avrete capito, l'impronta turistica di Magaluf è prettamente votata al divertimento in tutte le forme, e poco importa ai suoi visitatori che a a poca distanza dal paese ci siano anche altri luoghi interessanti da scoprire come le vecchie saline, conosciute con il nome di Ses Salines des Salobral, ormai purtroppo completamente secche, o che l'isola di Maiorca offra anche scorci più belli e incontaminati. Chi cerca queste cose, semplicemente, deve andare altrove.

Come arrivare
L'Aeroport de Palma-Son Sant Joan dista 27 km da Magaluf. L'aeroporto è collegato da voli quotidiani alle principali mete spagnole (Barcellona, Madrid e Valencia su tutte) ed europee. Dall'Italia esistono voli diretti – anche lowcost – per Palma con partenza da Bologna, Milano, Firenze, Napoli e Roma, per citarne solo alcune.
Palma di Maiorca è il capoluogo dell'isola e si trova a 17 km da Magaluf (circa venti minuti in autobus).
loading...
close