Cerca Hotel al miglior prezzo

Vacanze nella costa dell'Ambra, nel mare di Santo Domingo

Pagina 1/2

Bagnata dall'Oceano Atlantico, la costa settentrionale della Repubblica Dominicana è composta dalle province di Monte Cristi, Puerto Plata, Espaillat, Maria Trinidad Sanchez e Samanà, zone ad altissimo richiamo turistico, grazie a condizioni naturali che le rendono veri paradisi per gli sport acquatici. Nella parte settentrionale del Paese, al confine con la Repubblica di Haiti, si trova la provincia di Monte Cristi, terra arida in cui cresce l'origano selvatico e lo spincervino, il cui legno viene trasformato dai contadini in carbone vegetale usato per cucinare.

Capoluogo della provincia, San Fernando de Monte Cristi è la culla della cultura, città percorsa da grandi viali che furono costruiti in seguito al boom economico a metà del secolo scorso, quando qui venne stabilita la sede della Grenada Fruit Company e si diffusero bananeti di ottima qualità destinati all'esportazione.

Come arrivare? Caribe Tours effettua un servizio di collegamento per Monte Cristi, con partenze dai terminai di Santo Domingo, Santiago e Dajabon. Se si preferisce viaggiare in macchina, bisogna imboccare l'Autopista Duarte (autostrada n. 1) in direzione nord, praticamente fino al termine della stessa. Da qui, dirigendosi verso il parco centrale della città ci si imbatte nella Torre dell'Orologio, un'originale costruzione francese che risale al sec. XIX, i cui rintocchi ogni 15 minuti accolgono ancora oggi i turisti.

Cosa vedere?
Museo Maximo Gomez e José Marti, con sede nell'edificio in cui venne firmato il programma ideologico di indipendenza da Cuba, conosciuto come il Manifesto di Monte Cristi.
Delta del fiume Yaque del Norte, il più grande del paese.
... Pagina 2/2 ...Parque Nacional de Monte Cristi (Parco Nazionale di Monte Cristi) dove è possibile osservare "il dromedario che dorme", una scultura naturale di roccia che riposa nel mare, conosciuta con il nome di EI Morro, e camminare tra le mangrovie, che ospitano diverse specie di volatili e di piante tipiche della fauna dominicana, tra cui spiccano i pellicani e distese di gigari (una specie di calla selvatica)
Spiagge più belle: Costa Verde; La Granja; Playa Popa; Playa del Morro, con erti banchi, acque profonde e onde alte
Cayos Los Siete Hermanos (Le isole dei sette fratelli), sette isolette vergini che delimitano un'area corallina con un perimetro di più di 30 km, popolata da un'incantevole fauna marina, per la gioia degli appassionati di immersioni.
Per chi ama invece il birdwatching, le isole offrono in maggio uno spettacolo indimenticabile, quando i bubies (una specie volatile) giungono dalla Florida per accoppiarsi.
Da non perdersi la splendida Baia di Manzanillo (da non confondersi con quella messicana), situata all'estremità occidentale della costa settentrionale, un angolo incantevole dove la natura mette in mostra i suoi tesori più preziosi e dov'è possibile riposarsi e contemplare l'ambiente circostante. Con le sue acque cristalline che bagnano un mantello di candide spiagge, Manzanillo viene considerata una zona ad altissimo potenziale turistico, in grado di accogliere progetti orientati a un turismo più interessato al riposo, allo svago e al relax, senza interferire minimamente con i ritmi e l'anima degli ospitali abitanti della zona, che affrontano le difficoltà della vita di tutti i giorni con un perenne sorriso sulle labbra.

Dove mangiare? In uno dei tanti ristorantini, caffetterie economici sparsi per la città. Nei dintorni, è possibile gustare il chivo liniero, (un piatto a base di carne di capra), una delle prelibatezze regionali dal gusto squisito e peculiare, che si deve alla dieta quotidiana della capra a base di origano che rende particolarmente saporita la sua carne.
Fonte: Ente del Turismo Repubblica Dominicana in Italia
loading...
26 Giugno 2017 Estate in Corsica: in viaggio alla scoperta ...

Vicina, selvaggia, affascinante. Non è facile definire la Corsica ...

NOVITA' close