Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a New Hampshire

New Hampshire: viaggio nello 'Stato di Granito', New England

Pagina 1/2

Il New Hampshire è uno stato situato nel nord-est degli Stati Uniti, appartenente alla regione del New England ed abitato da quasi 1.300.000 persone. Il nome deriva dall’omonima contea inglese dell’Hampshire, anche se spesso si è soliti chiamarlo “The Granite State”, “Lo Stato di Granito”, un soprannome che allude alle numerose cave di tale materiale presenti sul territorio, ma anche all’attaccamento dello stato ai valori dettati dalla tradizione, per l’appunto solidi e sedimentati come il granito, che si palesano nel motto statale “Live free or die”, “Vivi libero o muori”.

Geograficamente il New Hampshire è identificato dai confini con il Canada ed il Quebec a nord, col Vermont ad ovest e col Massachusetts a sud, mentre ad est, oltre al confine col Maine, lo stato si affaccia anche per qualche decina di chilometri sull’Oceano Atlantico. La morfologia del territorio è prevalentemente montuosa, specialmente per quel che riguarda le contee settentrionali, caratterizzate dalla presenza delle White Mountains, appartenenti al sistema degli Appalachi, che arrivano a toccare i 1917 con la vetta del Monte Washington. Meno aspri ed isolati sono i rilievi nel nord-ovest, alti in media tra i 200 ed i 400 metri, facenti parte delle montagne della Nuova Inghilterra, la cui cima più alta è quella del Monte Monadnock che arriva a sfiorare i 1000 metri.

La storia “moderna” del New Hampshire ebbe inizio nel XVII secolo quando cominciò la colonizzazione del territorio, fino a quel momento abitato solo ed esclusivamente dalla popolazione indigena degli Abenaki. Nel Settecento poi, per l’esattezza il 21 giugno 1788, il New Hampshire fu il nono dei primi tredici stati a ratificare l’Unione, avviando così un cambiamento politico, ma anche socio-economico, che comportò risvolti estremamente positivi su tutto lo stato. Oggi come allora l’economia è in costante mutamento e, dopo essere stata caratterizzata per secoli da attività come coltivazione di ortaggi, cereali e frutta, allevamento bovino, pesca e sfruttamento forestale, sta cominciando ad attribuire sempre più importanza all’industria, prevalentemente tessile, elettrotecnica ed alimentare, ma anche e soprattutto al turismo.

A caratterizzarne il fascino, oltre alla storia e all’attualità, contribuisce fortemente anche il paesaggio, a cominciare dalla regione dei laghi, dominata dal Lake Winni pesaukee e dalla Seacost Region, una zona ricca di belle spiagge, baie scenografiche e tranquille città costiere. Le montagne dello Stato, invece, sono famose per i passi che le separano, sempre di grande impatto, e per le circa duecento varietà di rocce e minerali, come detto su tutte il granito, che vengono estratte dalle loro viscere.

La capitale è Concord, all’incirca 40.000 abitanti, situata nel sud-est dello stato a poche decine di chilometri dall’Oceano e sede della contea di Merrimack. Tra i siti di maggiore interesse turistico spiccano senza dubbio: il New Hampshire State House, costruito tra il 1815 ed il 1818 su progetto dell’architetto Stuart Park; l’Eagle Hotel, chiuso nel 1961 ma per più di cento anni punto di riferimento di molti futuri candidati alla presidenza degli USA, che proprio qui soggiornavano la notte precedente al primo giorno di votazioni delle primarie, storicamente inaugurate proprio dal New Hampshire; ed il New Hampshire Historical Society, dove raccogliere informazioni sulla lunghissima storia dello stato.

... Pagina 2/2 ... Passata in rassegna la capitale, non sono molte altre le città rilevanti del New Hampshire, tra le quali possiamo comunque considerare Holderness, 2.000 abitanti, luogo di villeggiatura molto frequentato nei mesi estivi, affacciato sullo Squam lake. Qui è stato girato “Sul lago dorato”, l’ultimo, romantico, film interpretato dal grande Henry Fonda. Infine Portsmouth, poco più di 20.000 abitanti, da visitare per ammirare lo Strawbery Banke Museum, in piena downtown all’angolo tra Hancock & Marcy street, il quartiere storico che mette in fila quarantadue palazzi datati dal 1695 al 1950.

Come già detto il New Hampshire non passerà certo alla storia per la fama dei suoi piccoli insediamenti urbani, ma una volta usciti dalle città, ci immergiamo in un paesaggio molto caratteristico, variegato, particolarmente stimolante nei pressi di alcune conosciute mete naturalistiche come: la White Mountain National Forest, che comprende ventidue vette al di sopra dei 1.000 metri tra le quali la cima più alta dello stato, tutte protette all’interno del grande parco attraversato da quasi 2.000 chilometri di sentieri per escursioni a piedi che presentano scorci paesaggistici meravigliosi; l’Old Man of the Mountains, una guglia di granito alta 365 metri che ricorda il profilo di un uomo anziano, situata nel Franconia Notch State Park, quattordici chilometri a sudest di Franconia, via NH 18; ed il Mount Washington, che nonostante la citazione precedente merita una segnalazione a parte poiché vanta la prima ferrovia a cremagliera del mondo, inaugurata nel lontano 1869, ed è percorso da una strada panoramica spettacolare.

Sempre a proposito di strade, viste anche le dimensioni piuttosto ridotte, un modo curioso ma sicuramente gratificante di visitare il New Hampshire è quello di girarlo in automobile, un tour “on the road” che tocchi le principali attrattive dello stato. A riguardo, un itinerario originale può essere quello con partenza sulla State Road 16, nel tratto di 185 chilometri che unisce Union a Errol. La parte meridionale del tracciato attraversa la regione del New Hampshire centrale, piena di laghi e siti turistici, mentre la seconda metà è caratterizzata da paesini pittoreschi, annidati tra boschi di querce ed abeti che si innalzano alle pendici delle alture del Presidental Range. Un tragitto tutto all’interno dei boschi è quello di 34 chilometri che si compie sulla State Road 112, da North Woodstock all’incrocio con la US Highway 302: questa è la parte occidentale della White Mountain National Forest, che presenta il punto più suggestivo nella regione del Lost River, dove il corso d’acqua scompare sottoterra per poi riapparire più a valle.

Il clima è in generale umido continentale; tuttavia le regioni orientali risentono in maniera marcata della vicinanza alle acque dell’Oceano Atlantico, presentando un clima più mite ed umido rispetto a quelle nord-occidentali, decisamente più fredde. In estate le massime toccano un po’ dappertutto valori medi intorno ai 26/27 gradi, per poi scendere di notte anche fino a 12/13 gradi, valori che molto raramente si raggiungono in inverno, quando sono molte le giornate in cui non si sale sopra lo zero, specialmente nei quadranti ad ovest, dove si possono registrare valori anche 10 gradi sotto zero. La media annuale delle precipitazioni è di 1000 mm di pioggia, anche se in inverno cade prevalentemente neve, per un totale medio annuo che varia a seconda della località tra il metro e mezzo e i due metri e mezzo di altezza. In primavera e autunno non sono rari i temporali, che occasionalmente possono presentarsi accompagnati da violente trombe d’aria.

Per quanto riguarda i trasporti, chiudiamo definitivamente il capitolo riguardante le strade riportando le principali vie di comunicazione del New Hampshire, dalle Interstate I-89, I-93, I-95, alle US 1, US 2, US 3 e US 4, fino alle statali 16 e 101. Se si decide di viaggiare in aereo è importante sapere che non sono molti gli aeroporti dello stato, quasi tutti tra l’altro molto piccoli, che suggeriscono di prendere in considerazione anche l’ipotesi di atterrare nei vicini aeroporti delle grandi metropoli degli stati confinanti, come Portland o Boston a seconda delle necessità, sapendo tuttavia che il più importante aeroporto del New Hampshire è il Concord Municipal Airport.
loading...
close