Cerca Hotel al miglior prezzo

Jumbo Hostel di Stoccolma: in arrivo l'ostello nel Boeing 747

Pagina 1/2

In arrivo uno degli ostelli più “trendy” del mondo che sarà senza dubbio una delle più nuove esperienze di pernottamento del mondo! Si chiama Jumbo Hostel un vecchio Boeing 747, che viene convertito in un ostello a 25 stanze, presso l’aeroporto di Stoccolma-Arlanda. Il Jumbo Hostel è attualmente in fase di ultimazione e sarà aperto al pubblico, nel dicembre 2008.

L'idea è nata dalla mente di un uomo d'affari e imprenditore svedese, Oscar Dios, che ha gestito ostelli a Uppsala, in Svezia, negli ultimi cinque anni. I Lavori di modifica dell’aeroplano sono attualmente in corso. Si tratta di un Boeing 747 che nella sua carriera d’aereo trasportava fino a 350 passeggeri. L’apertura del Jumbo Hostel avverrà mese di dicembre e fornirà alloggio per un massimo di 85 ospiti.

Oscar Dios ha spiegato bene alla stampa la sua idea:. "Eravamo alla ricerca di case per espandere l'attività ma era stato più o meno impossibile trovare alloggi a prezzi ragionevoli presso l'aeroporto di Stoccolma. E non si può costruire una nuova casa apposta per la gestione di un ostello, perché diventa troppo costoso", ha dichiarato l’imprenditore svedese.

E' stato nel 2006 che Dios ha sentito parlare del Boeing 747, che era stato messo in vendita. L’aereo aveva precedentemente volato con l’ormai defunta compagnia Transjet Airways, ma poi l’aereo era stato parcheggiato in un hangar di Arlanda e non aveva più volato dal 2002.

"L'aereo era in uno stato terribile quando l’abbiamo visto per la prima volta", ha detto. "Ma abbiamo contattato i proprietari che ci hanno dato un offerta abbastanza, buona." Anche se non ha voluto dire quanto è stato pagato il vecchio Boeing, Dios ha confermato che si tratta di un prezzo a 6 cifre.

Dios ha preso possesso del Boeing 747-200 (costruito nel1976 - uno dei 393 jumbo costruiti fino al 1991) nel giugno 2007 ed entro il mese di dicembre dello stesso anno aveva raggiunto un accordo con le autorità aeroportuali circa il suo posizionamento. Nel mese di agosto 2008, l’aereo è stato finalmente spostato nella sua sede permanente presso l’ingresso principale dell'aeroporto di Arlanda, dove sarà ora ultimato. A parte i motori, che sono stati tolti dalle ali prima dell’acquisto, l'aereo esternamente appare quasi esattamente come un jumbo funzionante.

... Pagina 2/2 ...
L'interno, per ovvi motivi, è una questione diversa. Si è provveduto allo smontaggio e rimozione di tutti i vecchi apparati esistenti, e per le ristrutturazioni ci si è attenuti alle stesse normative edilizie necessarie per una casa. Saranno disponibili due tipi di sistemazione. Una camera base che sarà di circa sei metri quadrati, con spazio per tre adulti ed un costo di € 110 per notte.

Ma se avete voglia di esagerare, è possibile prenotare il ponte superiore, con l'abitacolo suite, che si presenta con un bagno privato e vista panoramica dei decolli e degli atterraggi. Dios prevede che saranno gli sposi ad avvalersi di questa opzione più costosa e romantica, che avrà un prezzo di € 500 a notte

Se non si desidera trascorrere una notte intera a bordo è possibile fare un salto sull’aereo e rilassarsi nella caffetteria suite per un paio di ore a un costo di € 25. Questo darà anche la possibilità di passeggiare sull’ala tenendo una ottima visuale del vivace aeroporto.

Mentre la maggior parte dei grandi aerei commerciali finisce in vasti cimiteri di aeromobili, alcuni, come il Jumbo Hostel, riescono a trovare una nuova vita. Ma esistono ulteriori esempi: lo studio di architetti Lot-Ek di New York, ha prodotto un progetto per creare una biblioteca a Guadalajara, in Messico, con il riciclaggio di 200 fusoliere di Boeing 727 e 737. Il milionario californiano Francie Rehwald ha iniziato a costruire una casa dalle parti di un altro 747 in demolizione.

Fonte: Cnn - Foto sito ufficiale


 Pubblicato da il 22/09/2008 - 4.221 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close