Cerca Hotel al miglior prezzo

Consigli per viaggiare con i cani

L'arrivo di un cane in famiglia è sempre un momento meraviglioso, ma molto complicato. Le priorità cambiano, gli impegni si moltiplicano, le vacanze si accorciano o addirittura spariscono; esattamente come l’arrivo di un figlio, anche se quadrupede. Vero è, però, che non c’è nulla di paragonabile all’amore di un cane, nella vita di una persona.

Dato che l'impegno è grande, ogni aiuto è ben accetto, in particolare quando si parla di elementi delicati come le vacanze: ecco quindi alcuni consigli, da parte dei veterinari di Dogalize, per viaggiare con il proprio cane/gatto, e non precludersi una delle esperienze più belle della nostra vita.

1-L'identificazione

Il microchip sottocutaneo, di semplice installazione e assolutamente NON invasivo, è obbligatorio per tutti i cani a partire dai 4 mesi di vita, ed è fondamentale per il ritrovamento in qualsiasi paese grazie ai lettori (universali), che sono gli stessi presenti dai veterinari di tutto il mondo. Il microchip è peraltro obbligatorio per viaggiare nella UE.

2-Passaporto Europeo per il cane
Un documento fondamentale per viaggiare assieme al proprio cane. Il Passaporto deve riportare: i dati del proprietario, quelli del cane, le vaccinazioni effettuate ed i trattamenti in corso e/o quelli effettuati (alcuni obbligatori come quello contro la Tenia, per viaggiare ad esempio in Gran Bretagna)

3-Ricordati le sue cose

Un cane è quanto di più simile ci sia a un bambino, che si viaggi per molto tempo o che si facciano semplici gite fuori porta. Portarsi dietro un paio dei suoi giochini preferiti (senza esagerare…), una ciotola per l'acqua (quelle pieghevoli sono perfette, e ricordiamoci l’acqua!) e le sue medicine renderà di sicuro il viaggio molto più piacevole. Se i viaggi sono di più giorni è meglio portare anche i suoi croccantini; cambiare il cibo comprando ciò che si trova può creare spiacevoli contrattempi allo stomaco

4-Viaggiare in macchina

Se scegliete di viaggiare con l’auto, NON mettete il cane sull'auto il giorno della partenza e basta. Non potete prevedere come reagirà: abituatelo giorni prima alla macchina, facendolo salire, portandolo a fare giretti sempre più lunghi perché lui si acclimati e stia bene al momento del viaggio. Se per caso dovesse soffrire di crisi di vomito abbastanza frequenti, abbandonate l’idea di andare in macchina, in quanto potrebbe soffrire di chinetosi. Infine, più importante di qualsiasi cosa, mai lasciare il cane in auto sotto il sole; il caldo conduce rapidamente all'ipertermia e alla disidratazione, ed alla morte in pochissime ore, a volte anche in minuti

5-Parametri fisiologici

E' bene stare sempre all'erta per qualsiasi segnale in grado di avvertirci di un malessere del cane, che dovremo essere pronti a cogliere. I parametri basali sono i seguenti, da tenere sotto controllo ogni volta ci pare di scorgere un’anomalia:

-Temperatura rettale: 38-39°C
-Frequenza cardiaca: 70-130 bpm (minore la taglia, maggiore la frequenza)
-Frequenza respiratoria: 10-40 atti/minuto (minore la taglia, maggiore la frequenza)
-Glicemia: 70-130 mg/dl (a digiuno, circa 4-7 mmol/L)

Seguendo queste piccole regole, l'esperienza della vacanza con il cane sarà sicuramente la migliore esperienza mai fatta!

Se vuoi saperne di più, visita il sito Dogalize o scarica l’eBook gratuito Dogalize Veterinari su tutti i principali e-store!
  •  

 Pubblicato da il 21/03/2016 - - ® Riproduzione vietata

close