Cerca Hotel al miglior prezzo

AprirÓ un hotel nella reggia di Versailles? Colpa del taglio dei fondi pubblici

Avete mai desiderato di vivere la meravigliosa vita di un Re,nche solo per qualche giorno? Adesso il desiderio potrebbe diventare realtà, nella stupenda cornice della reggia di Versailles. Proprio così: nel giro di qualche anno, sarà possibile pernottare in una zona dedicata della celeberrima struttura e sentirsi il Re Sole o Maria Antonietta per un qualche giorno.

Il progetto rientra in una strategia di valorizzazione del patrimonio storico, monumentale e culturale dell'amministrazione di Versailles che, in mancanza di fondi per la ristrutturazione e il mantenimento della reggia in seguito ai recenti tagli dei finanziamenti pubblici destinati alla struttura, ha deciso di trasformare alcuni edifici inutilizzati da anni in un hotel di lusso. Un progetto a dire il vero, di cui si parla già dal 2010, come testimonia questo nostro vecchio articolo sull'Hotel du Grand Controle. La reggia sarà così accessibile a una buona fetta di pubblico che desidera viverne i fasti per un po', e non solo a celebrità del calibro di Kim Kardashian e Kanye West, che nel 2013 hanno svolto la cena di prova del loro matrimonio nell'ambitissima location.

È stata appena bandita una gara d'appalto per aggiudicarsi tre edifici appartenenti all'enorme complesso, collocati in un'area non interessata dalle visite turistiche. I tre edifici del XVII secolo, il Petit Contrôle, il Pavillon des premières cent marches e il Grand Contrôle non vengono utilizzati da ben sette anni, e verranno dati in concessione per una durata di sessant'anni. Agli aggiudicatari della gara d'appalto spetterà rimettere gli edifici in funzione, ristrutturandoli e rendendoli nuovamente agibili e pronti alla fruizione da parte degli ospiti.

Questi ultimi accederanno all'hotel da un ingresso secondario, dalla rue de l'Indépendance americane, e una volta occupate le loro camere godranno di una vista spettacolare sull'Orangerie, l'immenso giardino che ospita gli oltre tremila aranci tanto cari a Luigi XIV. Se invece vorranno abbandonare momentaneamente la loro esperienza "regale" e visitare l'edificio principale della reggia, le sue sale opulente e ricche di opere d'arte, la celeberrima Sala degli Specchi, i suoi corridoi e gallerie, invece, potranno farlo attraverso l'ingresso principale, quello preposto alle visite.

Le cifre necessarie per rimettere i palazzi a nuovo, com'è facile intuire, sono tutt'altro che esigue: si parla di ben 4-7 milioni di euro per eseguire i lavori nella parte esterna, mentre per completare il restauro degli interni ce ne vorranno almeno altri 4. Nonostante queste cifre da capogiro, la complessità e la durata stimata per la messa a nuovo degli edifici, all'appello hanno già risposto diverse famose catene alberghiere tra cui AccorHotels.

Ma qual è il motivo che sta alla base di una scelta così insolita, almeno per un bene di proprietà dello Stato? A quanto riferisce Arnaud Upinsky, capo dell'associazione Coordination défense de Versailles, è inconcepibile che un complesso monumentale di tale portata venga lasciato all'incuria, ma soprattutto che stia perdendo il suo primato come luogo-simbolo della Francia, testimonianza di un momento storico cruciale per il Paese. L'opinione pubblica, infatti, ormai identifica la Francia con luoghi come Disneyland, piuttosto che con un emblema della storia francese, che conta ogni anno oltre sette milioni di visitatori da tutto il mondo. È ora, dunque, di restituire la giusta importanza a Versailles e a ciò che rappresenta.
  •  

 Pubblicato da il 19/08/2015 - 2.520 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a CinecittÓ World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close