Cerca Hotel al miglior prezzo

Dove ascoltare Gospel e mangiare Soul Food a New York City

E’ la musica del Vangelo, che scuote l’anima e fa letteralmente rabbrividire per la spiritualità che emana. Il Gospel si cantava nei campi, fra le coltivazioni di cotone diffuse negli Stati del Sud, quando ancora, oltreoceano, la schiavitù era un istituto acquisito. Per gli schiavi, cantare era un modo per non sentirsi così lontani da Dio.

La città di New York City pullula di chiese nelle quali si intonano cori Gospel. Fermarsi ad ascoltarli è una esperienza decisamente emozionante. L’importante è ricordarsi di non essere seduti a teatro ma in una chiesa dove i cori vengono proposti per accompagnare la funzione religiosa. E se al termine, oltre all’anima, l’intenzione è di nutrire anche lo stomaco, la scelta fra i locali che propongono “soul food” di certo non delude.

Se si è in possesso della card turistica New York Pass (www.newyorkpass.com), due sono i tour Gospel inclusi nella card, una passeggiata fra le chiese più importanti, alla domenica mattina, ed una serale al mercoledì. Le chiese spesso hanno orari diversi per le funzioni. Per evitare di andare in quelli sbagliati è opportuno consultare il sito dedicato o chiamare in anticipo. Altra avvertenza: curare abbigliamento e modi. Per ascoltare un coro Gospel si entra comunque in una chiesa, dove è opportuno presentarsi vestiti in modo rispettoso, adottando comportamenti altrettanto educati. Quindi niente infradito e neppure suonerie a tutto volume. Una funzione con cori gospel richiede un’ora e mezza o due. E’ scortese andarsene prima.

Due sono le esperienze da non perdere. Time Square Church al 1657 di Broadway è una chiesa interconfessionale collocata nel ristrutturato Broadway Theater nel cuore di Midtown Manhattan, di cui fanno parte membri provenienti da oltre 100 nazionalità diverse. Al suo interno è possibile ascoltare il canto del Praise Adult Choir per ben quattro volte a settimana. Imperdibile, allo stesso modo, è il Brooklyn Tabernacle, nato 40 anni fa. Nel 2013 è stato chiamato a cantare a Washington DC in occasione dell’insediamento del Presidente. Ogni domenica alle 9, 12 e 15 si rinnova la magia al 17 di Smith Street fra Livingstone e Fulton Street a Brooklyn.

Alcune delle chiese più grandi e visitate dai turisti si trovano ad Harlem come l’Abyssinian Baptist Church sulla 145 strada tra Convento e San Nicola Avenue (212) 234-6767 dove la messa viene celebrata alla domenica alle 9 e alle 11, il Greater Refuge Temple al 2081 di Adam Clayton Powell Jr. Boulevard, le cui funzioni sono programmate alla domenica alle 11, 16 e 19,30, il Mount Neboh Baptist Church al 1883 della stessa via, dove si ascolta il coro Gospel sempre di domenica alle 8 e alle 11 del mattino. Completano la lista la Canaan Baptist Church al 132 Ovest della 116° Strada tra Lenox & 7th Aves (domenica ore 8, 11 e 10 in estate), la First Baptist Church Corinthian al 1912 di Adam Clayton Powell Jr. Boulevard (domenica, ore 8 e 11 ) ed il Bethel Assembly Gospel sulla 120° Strada, tra la 5th Avenue e Madison (domenica, ore 8 e 11,30).

Dopo le funzioni, all’ora di pranzo o di cena, si può restare in tema, approfittando delle gustose possibilità offerte dal Soul Food, il cibo dell’anima, termine che nel 1492 veniva usato per indicare i tagli di carne, considerati scarti, che venivano offerti agli schiavi. Ne facevano parte lo stinco di maiale, le ali di pollo e tacchino, il collo ed il grasso del maiale, alimenti che, con il passare del tempo hanno ribaltato la loro dignità diventando spesso oggetto di desiderio gastronomico e quindi delizia non solo del palato ma anche dell’anima.

L’Amy Ruth 's Restaurant sulla 116th Street (www.amyruthsharlem.com) offre una cucina in stile “sudista” dove il vero piatto speciale è il pollo servito con le cialde. Il Sylvia's Restaurant al 127° Street & Lenox Avenue (www.sylviasrestaurant.com) è stato spesso identificato come “casa del soul food”. La titolare stessa, scomparsa nel 2012, è stata incoronata con il titolo di “Regina del soul food”, riconoscimento che affianca quello attributo ad un altro grande cittadino del South Carolina, James Brown, chiamato “The Godfather of Soul Food”. Poi lo Spoonbread al 137 di Lenox Avenue prende il nome dall’omonimo piatto a base di polenta che assomiglia ad un soufflé, modello pudding. Norma Darden l’ha reso indimenticabile. Ancora il Red Rooster, (www.redroosterharlem.com) al 310 Lenox Avenue sempre ad Harlem. Infine, il dolce, immancabile, al Make My Cake Bakery al 139 Street & Adam Clayton Powell Jr. Boulevard (www.makemycake.com) dove si fanno le torte…da zero. Se siete in cerca di un luogo più turistico e più comodo essendo a Times Square al 42nd Street vi segnaliamo il B.B. King Blues Club & Grill (www.bbkingblues.com).

Maggiori info: www.freetoursbyfoot.com e www.harlemspirituals.com
  •  

 Pubblicato da il 20/01/2015 - - ® Riproduzione vietata

close