Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Tibidabo

Tibidabo: la collina più grande di Barcellona, il suo parco e le altre attrazioni

Un bel giorno Gesù decise di fare una bella escursione. Camminò parecchio fino a raggiungere la vetta di una montagna sotto la quale si estendeva uno stupendo e suggestivo paesaggio. Vedeva il mare all’orizzonte da sassù, e qualche casa qua e là, segnale di un’imminente sviluppo sociale e demografico. Si sentiva sereno e rilassato; “l’aria fresca e pulita erano sempre un buon toccasana”, pensò. Ad un tratto, una voce alle sue spalle gli disse: “Tutto questo io ti darò se solo mi adorerai”. Gesù si girò all’istante e riconobbe immediatamente il suo interlocutore. Pronto come nessuno mai, ribatté senza colpo ferire: “Allontanati da me, Satana, di Signore ce n’è uno, e tutto questo è già suo”!.

I fatti di questo leggendario racconto si dice ebbero luogo in una location molto speciale e conosciuta: la montagna del Tibidabo, 512 mt sul livello del mare (la seconda della città assieme al Montjuic), a pochi km dal centro storico di Barcellona. Il nome viene dal latino TIBI che significa TI e DABO che sta per DARO’, da qui la leggenda. Aneddoti e racconti a parte, il Tibidabo è considerata una meta imperdibile durante una vacanza nella capitale catalana. Essendo una zona collinare è l’ideale per chi adora il verde, la natura e ha la passione per le lunghe camminate.

Ci sono percorsi meravigliosi e più in alto salirete migliore sarà il panorama. I meno allenati invece potranno tranquillamente raggiungere la cima prendendo l’autobus (T2) da piazza catalunya (costo 2,95 euro) e passa la paura. Una volta su non vi rimarrà altro che lasciarvi ammaliare dal paesaggio circostante e farvi abbracciare dalla dolce brezza. Barcellona è stupenda e se ancora avevate qualche dubbio, ecco il momento giusto per ricredervi.

Tutta la sommità del monte è pura attrazione, arte e luoghi di culto. Il Tempio Expiatorio del Sagrado Corazón (Sagrat Cor) è considerato uno dei più importanti edifici neo-gotici di Barcellona. Occupa la sommità più alta del Tibidabo ed è caratterizzato da una cripta inferiore che combina uno stile bizantino con elementi neogotici, classici e insieme moderni - chi più ne ha più ne metta - e dalla chiesa che si trova invece nella parte superiore. I due luoghi sacri in questione sono ben distinti l’uno dall’altro. Per esempio le pareti della cripta sono rivestite di mosaici, scene evangeliche in ogni dove, soffitto basso e sculture ovunque, poi entri in chiesa e rimani di stucco. Zero somiglianze. Qui è tutto grigio pietra, un rosone centrale che per fortuna da un pò di colore e punto. Minimal ed essenziale.

Volendo potete anche salire fino alla cima della chiesa prendendo un’ascensore interno, raggiungerete così la vetta delle vette. Da lassù, proprio sotto alla statua gigante del Cristo il vento vi scompiglierà i capelli ma la vista del belvedere vi riempirà il cuore. Il Tempio nel suo complesso assomiglia parecchio alla Basilica del Sacro Cuore di Montmartre a Parigi ed è talmente imponente e maestoso che lo si può ammirare in lontananza da qualsiasi punto della città, basta alzare lo sguardo allinsù. Di notte poi si illumina trasformandosi così in un piccolo gioiellino dorato.

I lavori di costruzione cominciarono nel 1902 e terminarono solo nel 1961, questo perchè durante tanto periodo di stallo ci furono altri progetti che distolsero l’attenzione come la costruzione dell’osservatorio astronomico Fabra tutt’oggi in funzione e altro punto d’interesse della montagna. Si trova su una collina sottostante ed è possibile visitarlo tutte le domeniche e festivi alle 11 e alle 12.30 (non serve previa prenotazione).

Al Tibidabo ci si va anche e soprattutto se si hanno dei bimbi o più semplicemnete se il bimbo che è in ognuno di noi non è ancora diventato adulto. Si perchè nel 1899, fu costruito un parco d’attrazioni incredibile, tutt’oggi riferimento storico della città. Fu il primo parco giochi costruito in Spagna e il secondo più antico d’Europa (dopo il Prater di Vienna). Ovviamente con gli anni si è modernizzato adeguando l’offerta alle nuove generazioni, nonostante questo continua a conservare la sua singolarità. Sito ufficiale: www.tibidabo.cat/en/

Da non perdere. Il Tibidabo è stato terreno fertile per altre attrazioni come la Torre de Collserola, una moderna antenna disegnada da Norman Foster alta 268 mt, il padiglione di Radio Barcelona costruita tra il 1926 e il 1929 interessante perchè è il primo esempio di razionalismo architettonico e allo stesso tempo fu la prima stazione radio spagnola, la Torre Pastor de Cruilles progettata dal famoso architetto Josep Puig i Cadafalch nel 1908 in puro stile modernista e la Torre de les Aigues de Dos Rius - patrimonio architettonico di Barcellona -importante struttura in pietra naturale caratterizzata da una cupula cilindruca contenente un deposito d’acqua di 200 m3.

E voi cos’avreste risposto a Satana? Certo, facile farsi tentare da tale meraviglia. Difficile rispondere no.

 Pubblicato da il 28/10/2015 - 4.944 letture - ® Riproduzione vietata

close