Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Arezzo

Arezzo (Toscana). Visita alla cittą e ai suoi dintorni

Pagina 1/2

Situata alla confluenza di tre ampie valli, il Casentino, il Valdarno Superiore e la Val di Chiana, Arezzo è una città toscana di quasi 100 mila abitanti, capoluogo della provincia omonima nel cuore verde dell’Italia centrale. Dal territorio ampio e vario, il comune comprende una ricca costellazione di borghi minori, e nella sua area si intrecciano corsi d’acqua, pianure, dolci colline e montagne più aspre: dalla Val di Chiana si passa ai rilievi collinari a sud della città, che si impennano nelle cime più elevate a est di Arezzo.

In un paesaggio variegato e multiforme, Arezzo gode di un clima continentale dalle caratteristiche più accentuate rispetto al resto della Toscana, a causa della lontananza dal mare e della particolare collocazione, a metà strada tra il Valdarno e gli Appennini. Le precipitazioni sono irregolari, a seconda che soffino sulla città le correnti umide atlantiche o quelle secche del continente, e l’escursione termica è elevata. Le temperature medie del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di 0°C a una massima di 9°C, mentre in luglio e agosto si va dai 14°C ai 30°C.

Armati di ombrello per eventuali temporali inaspettati, ci si può preparare alla passeggiata nel centro cittadino, attraverso le numerose bellezze aretine. Appena entrati nel vivo di Arezzo vale la pena di visitare la chiesa di San Francesco, dove la struttura antica del XIII secolo convive con un campanile del Cinquecento, e nel corso dei secoli è stata rafforzata da vari rimaneggiamenti. All’interno si possono ammirare opere d’arte di grande pregio, specialmente il meraviglioso ciclo di affreschi realizzati da Piero della Francesca tra il 1453 e il 1466. Poco lontano si snoda il Corso Italia, la storica strada di origine medievale che tuttora costituisce l’asse principale di Arezzo: schierati con portamento elegante, si affacciano alla via numerosi palazzi antichi, tra cui la Chiesa di san Michele, Palazzo Bacci, Palazzo Camaiani e la Torre della Bigazza.

Tra le chiese spicca certamente la Pieve di Santa Maria, l’edificio di culto più bello e maestoso della città e tra i migliori esempi di stile architettonico romanico della regione. Iniziata nel 1140 e modificata più volte, la pieve è stata completata solo nell’Ottocento. Da qui si può proseguire la passeggiata lungo via Cavour, attraversando la suggestiva Piazza Grande, conosciuta anche come Piazza Vasari, per arrivare al cospetto del Duomo: ultimato all’inizio del XVI secolo, l’imponente edificio si erge alla sommità di una scalinata gotica. Romanico-gotico è invece il portale che domina la facciata, e invita i visitatori ad entrare e scoprire le splendide vetrate istoriate di Guillaime de Marcillat, la Cappella Tarlati, l’Affresco della Maddalena di Piero della Francesca e gli altri gioielli inestimabili che la chiesa contiene.

... Pagina 2/2 ... Ad Arezzo non mancano poi i musei e le gallerie d’arte, utilissimi per chi desidera documentarsi al meglio sulla storia locale e la cultura toscana: da vedere il Museo Diocesano, il Palazzo del Comune con la su collezione di dipinti, la celebre Casa Vasari oggi sede del Museo e Archivio Vasariano, e per finire il Museo Archeologico Mecenate, con i reperti rinvenuti nella campagna aretina, i vasi, le ceramiche, le monete e i bronzi di età etrusca e romana. A tanta ricchezza storico-artistica fa eco un’altrettanto viva sensibilità culturale, ben visibile nelle manifestazioni che vengono organizzate ad Arezzo nel corso dell’anno.

La feste per eccellenza sono quella del patrono San Donato, che si tiene il 7 agosto, e quella della Madonna del Conforto, che cade invece il 15 di febbraio. Numerose sono anche le fiere e i mercati, tra cui si ricordano la Fiera Antiquaria e la Fiera di Settembre, e i mercatini di Natale nei weekend dell'Avvento, e non mancano gli eventi musicali: in particolare in autunno prende vita il Festival Internazionale “I Grande Appuntamenti della Musica”, ma la manifestazioni più caratteristica e più attesa è la celebre Giostra del Saracino, rievocazione storica che si svolge in Piazza Grande il penultimo sabato di giugno e la prima domenica di settembre e che vede sfidarsi i 4 quartieri della città. La manifestazione è candidata a diventare uno dei Patrimoni culturali dell'Umanità dell'UNESCO.

Raggiungere Arezzo non è difficile, qualunque sia il mezzo scelto per gli spostamenti. Chi viaggia in auto e proviene da Firenze o Roma deve prendere l’Autostrada A1 e uscire ad Arezzo, quindi percorrere gli ultimi 10 km fino al cuore vero e proprio della città. Ci sono anche collegamenti tramite autobus con tutte le località in provincia di Firenze, Siena e Roma. Chi sceglie di viaggiare in treno troverà la stazione ferroviaria cittadina lungo la linea Firenze-Roma, mentre gli aeroporti più vicini sono l’Amerigo Vespucci di Firenze-Peretola, a 91 km, e il Galileo Galilei di Pisa, a 156 km.

close