Cerca Hotel al miglior prezzo

Conversano (Puglia): la visita alla cittą delle murge e il suo castello

Conversano, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La città di Conversano, splendido centro a pochi chilometri da Bari, è al giorno d’oggi una delle località più note e apprezzate a livello regionale. Grazie alle sue bellezze artistiche ma anche ai suoi famosi locali notturni e ristoranti, Conversano sta rapidamente conquistandosi un posto importante tra le località più visitate di una Puglia il cui interesse estivo si concentra prevalentemente nel Salento, ma che si sta facendo scoprire nella sua interezza, dando spazio a località che sono veri e propri gioielli di storia, arte e cultura e di cui Conversano è un ottimo esempio.

Il primo nucleo abitato di questo territorio fu l’antica città di Norba, le cui origini risalgono all’età del ferro e che, come conseguenza del declino dell’impero romano, fu interamente devastata dalle invasioni barbariche, per rinascere poi intorno al V secolo come “Casale Cupersanem” e diventare possedimento del normanno Goffredo d’Altavilla, che ne fece il centro della contea comprendente i territori circostanti. La contea passò per diverse mani fino a divenire stabilmente proprietà dei conti Acquaviva d’Aragona, il cui dominio su Conversano perdurò fino al 1806, anno dell’abolizione dei diritti feudali. Con la fine del periodo aragonese, ebbe inizio un risorgimento travagliato che vide la nascita di alcune società di carboneria e di numerose sommosse contro il governo borbonico, che terminarono con l’Unità d’Italia.

Dal punto di vista turistico, ciò che Conversano ha da offrire è dunque un concentrato di affascinante storia e imponente architettura tutte da scoprire, le cui meraviglie confluiscono soprattutto nel bellissimo centro storico, a partire dalle affascinanti Mura Megalitiche, testimoni dell’antica Norba, fino ad arrivare alla splendida pinacoteca di recente insediamento all’interno del Castello, passando per i vicoletti, le scalinate, le piazze e gli angoli nascosti.

Il Castello Acquaviva d’Aragona, uno dei principali gioielli della cittadina, dall’alto della collinetta su cui giace il centro storico domina su tutti i territori circostanti. Quest'imponente fortezza è stata costruita a più riprese a partire dal II secolo con la torre maestra eretta dai Normanni che, insieme alle altre tre torri di cui due quadrangolari e una dodecagonale, regge la struttura. L’ingresso monumentale risale invece al ‘700, quando gli Acquaviva trasformarono questa antica fortezza militare in un castello da favola, i cui appartamenti sono poi stati adibiti a pinacoteca. Tra le tante opere, prende posto in essa un bellissimo ciclo del pittore Paolo Finoglio ispirato alla "Gerusalemme Liberata", e la cui mano si può ammirare anche in un altro splendido edificio del territorio conversanese, la Dimora di Caccia Castel Marchione, elegante tenuta costruita dagli Acquaviva d’Aragona per i loro soggiorni in campagna e dichiarata "Monumento nazionale".

La forza di Conversano risiede anche nelle bellissime chiese, tra le quali spiccano in particolar modo: il Monastero di San Benedetto, di antichissima costruzione e corredato dallo stupefacente campanile normanno; la Chiesa del Carmine, gioiello barocco risalente al XVII secolo; la maestosa Cattedrale, costruita nell'XI secolo in pieno stile romanico pugliese, arricchito nel tempo con preziosi stucchi, colonne, dipinti barocchi e arabeschi, che a oggi la rendono una delle chiese più interessanti della zona.

Conversano è anche folclore e tradizione, ampiamente celebrati grazie ai numerosissimi eventi che animano la vita cittadina durante l’anno. A farla da padrone sono le feste religiose, quali la coloratissima festa della Madonna del Carmine, celebrata ogni 16 luglio con un’imponente processione ma anche con luminarie, musica e divertimento, e la festa patronale della Madonna della Fonte, per la quale si intervallano celebrazioni sacre e festeggiamenti civili, e in cui non può mancare la caratteristica banda musicale di Conversano, rigorosamente presente in tutte le feste di paese e custode di una tradizione centenaria che, grazie anche agli eventi del Festival Bandalarga, allieta le serate estive conversanesi con ottima musica, dal jazz all’opera lirica. In Novembre da non perdere la Festa del Vino Novello al Castello.

Per raggiungere Conversano in aereo, gli aeroporti più vicini sono quelli di Bari e Brindisi. Arrivando in auto da Bari, occorre percorrere la SS 16 e prendere l’uscita Cozze-Conversano; arrivando invece da Lecce e Brindisi, l’uscita da prendere nella SS 16 è quella per Monopoli-Putignano.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close