Cerca Hotel al miglior prezzo

Punta Prosciutto (Salento), la sua spiaggia bianca e le dune mediterranee

E' il primo lembo della costa ionica della provincia di Lecce, e fino a qualche anno fa era un paradiso dimenticato dal mondo. Oggi grazie ad internet ed al tam tam dei social network, Punta Prosciutto è divenuta una delle spiagge più famose d'Italia, celebre per le sue sabbie bianchissime, e per le acque così turchesi e cristalline come in pochi altri luoghi nel mare di Puglia e in tutto lo stivale.

E se aggiungete il fatto che qui la speculazione edilizia non ha colpito come in altre zone del Salento, Punta Prosciutto diventa l'occasione di vedere come era il mare dello Ionio nel passato, con la macchia mediterranea che s'arrampica sul cordone di dune di sabbia, creando uno scenario che non ha nulla che a invidiare con quelli dei paradisi tropicali del mondo.

Fortunatamente ora la spiaggia fa parte del Parco Naturale Regionale della Palude del Conte, chiamata così per la presenza di antiche paludi costiere, ora visibili solitamente come relitti sparsi, ovvero l'Area Marina Protetta di Porto Cesareo, del cui comune fa parte anche Punta Prosciutto. La zona è carsica, e la presenza di rocce calcaree spiega bene il colore immacolato delle sabbie, La costa presenta una andamento ondulato anche per la presenza di alcune antiche doline, ora ben visibili nella zona di Torre Castiglione, ad est di Padula Fede.

Le spiagge di Punta Prosciutto

La spiaggia di Punta Prosciutto ha una lunghezza complessiva di circa 2.200 metri, serrati dall'omonima punta rocciosa, ad occidente, e le rocce di Padula Fede a oriente. La profondità della spiaggia è in genere compresa tra i 20 e 30 metri, ma in alcuni punti raggiunge e supera i 40 metri di larghezza. Anche i fondali sono sabbiosi, anche se non del tutto continui: a circa 2/3 della lunghezza della spiaggia, partendo dalla Punta Prosciutto, si incontrano anche delle rocce a riva. In genere però qui i fondali sono dolci, con bassa pendenza, e quindi ideali alle famiglie con bambini, dato che anche i più piccoli possono addentrarsi parecchi metri in acqua, senza problema alcuno. Se nella parte occidentale prevalgono i tratti di spiaggia libera, nella parte orientale si può usufrire dei servizi del lido di Riva degli Angeli.

Una seconda spiaggia si trova ad ovest della punta, in direzione di Torre Colimena. Questa baia, larga circa un chilometro è però in genere interessata da abbondanti alghe (posidonia) a riva, e la cosa rende meno attrattiva la spiaggia, anche se può essere una soluzione per chi cerca pace e tranquillità in alta stagione. Qui si può anche praticare lo snorkeling, con le zone migliori che si trovano in corrispondenza della punta rocciosa. E' facile vedere seppie, calamari, aguglie, e anche polpi e murene.

Per fotografare le magiche trasparenze delle acque di Punta Prosciutto, se ci si reca sulla spiaggia il momento migliore è la mattina tra le 8 e le 11, quando il sole illumina perfettamente il mare cristallino regalando tonalità che variano da turchese all'azzurro, e al blu del largo. Belle foto si possono fare al pomeriggio se vi spostate sulla punta rocciosa e guardate in direzione del litorale a sud-est. Per farlo ricordatevi di indossare delle calzature, perchè camminare a piedi nudi sulle rocce non è consigliabile.

Clima e quando andare

Punta Prosciutto gode di una magnifico clima mediterraneo, e quindi può trasformarsi in un perfetto paradiso da metà maggio fino ad inizio ottobre. Tenendo conto di questo, e del flusso turistico del Salento, il periodo migliore per trascorrere una vacanza è quello compreso tra inizio giugno e la prima decade di luglio, e tra il 25 agosto e la prima metà di settembre. Il primo periodo ha il vantaggio di avere giornate molto lunghe, e quindi si può tirar tardi in spiaggia ed ammirare gli spettacolari tramonti sul Golfo di Taranto, il secondo periodo è invece preferito da molti per le temperature più gradevoli delle acque, dato che a giugno, con la tramontana il bagno può risentire delle acque fresche di stagione. Le temperature estive di Punta prosciutto sono in genere compre con minime di 18-20 °C e massime di 28-30°C, e solo in occasione delle sciroccate più intense possono superare i 35°C nei valori massimi.
In estate piove poco, anche se da questi lidi si possono ammirare spettacolari eventi temporaleschi, che però in genere colpiscono le zone più interne del Salento. Le precipitazioni principali si verificano di solito nel tardo autunno e all'inizio dell'inverno, con quantitativi di pioggia intorno ai 90 mm mensili.

Come arrivare a Punta Prosciutto

Anche se ci troviamo in provincia di Lecce, per chi arriva da nord il percorso più breve è quello da Taranto, percorrendo la SS7ter attraverso le località di San Giorgio Ionico, Monteparano, Fragagnano, Sava, Manduria ed Avetrana. Da quest'ultima si deve imboccare la SP 140 con direzione Torre Colimena, da cui si raggiunge in pochi minuti Punta Prosciutto.
In alternativa c'è il percorso spettacolare, ma più lento, della strada litoranea, che si imbocca dalla periferia sud di Taranto e segue il profilo della costa, da Leporano Marina a Campomarino, superando San Pietro in Bevagna, Torre Colimena e arrivando a Punta Prosciutto
  •  

 Pubblicato da - 27 Giugno 2017 - ę Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close