Cerca Hotel al miglior prezzo

Fonni (Sardegna): sciare sul massiccio del Gennargentu

Nel cuore della Sardegna si eleva il massiccio del Gennargentu, grande e selvaggia montagna che supera con due cime i 1800 di metri di quota: il Pizzo la Marmora (1834 m) e il Bruncu Spina (1829 m). In questo territorio di selvaggia bellezza si trova, lungo il versante settentrionale del massiccio, la città di Fonni che con i suoi 1000 metri di altitudine rappresenta il comune più alto dell'isola. Qui tra boschi secolari e montagne che conservano ancora ecosistemi incontaminati, la vacanza assume una connotazione ecoturistica, e durante la stagione invernale è possibile trovare tracciati dove cimentarsi con sci e tavola ai piedi, ed è unica località dell'isola a poter vantare questa opportunità sportiva.

Fonni si trova nella provincia di Nuoro, nella cosiddetta Barbagia, e si raggiunge abbastanza velocemente sia da nord che da sud: provenendo da Olbia, dove potete arrivare sia con il traghetto che con l'aereo, si deve seguire la superstrada per Nuoro e Cagliari (SS 131DCN). Arrivati a Nuoro si imbocca la statale 389 (strada a scorrimento veloce) in direzione di Lanusei e Bari Sardo, ma che si lascia per raggiungere Fonni subito dopo le uscite per Mamoiada. Se si arriva dalla zona di Sassari, e cioè dall'aeroporto Alghero-Fertilia o con il traghetto da Porto Torres si segue inizialmente la superstrada per Cagliari (SS 131). A Macomer si devia verso Nuoro da dove si segue il percorso segnalato in precedenza. Grosso modo stesso percorso per chi invece viene da sud, e cioè da Cagliari, che seguirà la SS 131 per Sassari fino al bivio di Abbasanta-Ghilarza dove si devia per Nuoro fino allo svincolo dells SS 389.

Il nome di Fonni si fa risalire al tempo della dominazione romana: la parola 'fons', fonte sembra una valida spiegazione viste anche le numerose sorgenti che si trovano in questa zona. Il territorio di Fonni porta comunque testimonianze precedenti ai romani, qui si trovano importanti monumenti di età nuragica e prenuragica, specialmente nella zona di Tramassunele. Nella zona sono numerose le testimonianze di dolmen e menhir, mentre il nuraghe meglio conservato si trova presso Dronnoro, mentre un raro esempio di acquedotto nuragico lo si trova nella vicina valle di Gremanu.

Da vedere a Fonni non troviamo particolari monumenti ma comunque una visita risulta piacevole passeggiando nei suoi quartieri più caratteristici, dove si possono ammirare alcuni murales. Il cuore storico cittadino è senza dubbio il rione "su Piggiu" verosimilmente la zona più antica di Fonni, sorta intorno alla chiesa di San Giovanni Battista, la parrocchia più vetusta della città. Gli altri rioni sono il Canio, che si trova nella porzione più meridionale della città, mentre gli altri rioni di Fonni, sono il "Ghinio", il "Pupuai" il "Logotza" e il "Conio". La chiesa più interessante e che merita una visita è la Basilica della Madonna dei Martiri, un edificio religioso risalente al '600, ma profondamente rimaneggiato in epoca tardo barocca. All'interno troviamo opere di Gregorio Are e Piero Antonio, ed un simulacro della Vergine Maria (XVII secolo), che la tradizione vuole si stato creato con osse di martiri frantumate. Tra le escursioni raccomandate segnaliamo la vista al lago di Gusana, oltre che ai sentieri naturalistici che attraversano il massiccio del Gennargentu.

Il comprensorio sciistico di Fonni comprende due stazioni principali: il Monte Spada e Il Bruncu Spina . La prima si trova più vicina a Fonni, e si tratta di una stazione sciistica dotata di un paio di manovie che si arrampicano sul versante nord del Monte Spada (1595 m). Monte Spada presenta pendii piuttosto dolci ed è quindi adatto a sciatori prinicipianti o alle prime armi. È disponibile anche un impianto di innevamento artificiale, a garantire una certa continuità d'esercizio. Attualmente il costo dello skipass giornaliero è di 10 euro. È presente anche un rifugio che provvede pasti caldi e la possibilità di noleggio attrezzatura da sci.

Bruncu Spina si trova più a sud nel cuore del Gennargentu: è la stazione più fornita e quella che presenta le piste più lunghe, per un totale di 4 km di percorsi, suddivisi in 3 tracciati.
Uno skilift lungo più di 800 m porta gli sciatori da quota 1570 fino alla vetta del monte Bruncu Spina a 1820 m di quota: da qui si può scendere al rifugio attraverso due percorsi: una pista azzurra per gli sciatori di livello medio-basso, una rossa per quelli più esperti, ed anche un percorso nero che attraversa un canalone, consigliato agli sciatori più che abili. È anche presente un campo scuola servito da una manovia. Altri due impianti di risalita (sempre manovie) le troviamo anche nella vicina stazione di S'Arena dove si può sciare su pendii non troppo impegnativi, anche qui con dislivelli dell'ordine dei 250 m. Anche in queste due località il pass giornaliero ha un costo di 10 euro. Negli ultimi anni Bruncu Spina ha affrontato alcune vicissitudini burocratiche, con lunghi periodi di inattività, ma sembra che la stazione verrà ristrutturata a breve.
  •  
loading...
close