Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ornavasso

Ornavasso (Piemonte): la cittą, le feste e la grotta di Babbo Natale

Pagina 1/2

Celebre per i suoi numerosi alpeggi, la località di Ornavasso si affaccia al versante occidentale del Lago Maggiore proponendo uno scenario naturale decisamente suggestivo: situata a un'ora di strada da Milano e a due da Genova, è meta di numerosi visitatori attratti dai suoi alpeggi, i più apprezzati dei quali sono l'Alpe Steit, l'Alpe Bogalti e l'Alpe Breitawong, a più di 1400 metri sul livello del mare.

La storia di Ornavasso

Le radici storiche del borgo sono molto antiche, come confermano le due necropoli che sono state trovate qui alla fine del XIX secolo e che possono essere datate al II secolo avanti Cristo. In tempi più recenti, c'è da segnalare l'invasione di gruppi di coloni walser in arrivo dalla regione del Sempione nel XIV secolo: alla fine del Trecento la località era un'isola linguistica tedesca. La lingua walser (cioè quella tedesca vallesana) è oggi scomparsa, con le ultime testimonianza che si perdono nel corso dell'Ottocento. In occasione della Seconda Guerra Mondiale Ornavasso fu teatro di attività partigiane con la Divisione Valtoce, formazione dal tipico fazzoletto azzurro.

Cosa vedere in città

Tra i monumenti più importanti di Ornavasso c'è il Santuario Madonna del Boden: la leggenda vuole che qui una pastorella che era caduta in un dirupo dopo essere andata alla ricerca delle sue pecorelle abbia chiesto aiuto alla Madonna e, in seguito alla sua preghiera, abbia visto una luce giungere dalla cappelletta del Boden, grazie alla quale avrebbe ritrovato la strada di casa e il suo gregge.

Un altro edificio religioso di grande valore, sia dal punto di vista artistico che dal punto di vista storico, è il Santuario Madonna della Guardia, costruito su progetto di Attilio Arrigoni, architetto che fu anche il padre della chiesa della Rotonda della Besana, a Milano. Nel piazzale di fronte al santuario si trova la torre di guardia, che attualmente è un campanile ma che in passato veniva usata per avvertire le popolazioni della Valle d'Ossola, attraverso l'accensione di fuochi, dell'arrivo di eventuali nemici provenienti dalla Svizzera.

Infine, dalle parti di Ornavasso vale la pena di ammirare anche l'antica cava di marmo, a circa un chilometro e mezzo dal centro: la sua fama è dovuta al fatto che da qui proviene la materia prima che è stata utilizzata per realizzare l'Arco della Pace di Milano, la facciata della Certosa di Pavia e una parte del Duomo di Milano.
... Pagina 2/2 ...

Eventi, feste, sagre e manifestazioni

La Grotta di Babbo Natale e i mercatini natalizi allestiti tra la fine di novembre e per tutto il mese di dicembre rappresentano di sicuro un appuntamento clou nel novero degli eventi che caratterizzano il calendario culturale di Ornavasso, ma ci sono molte altre manifestazioni che meritano di essere segnate in agenda.

A gennaio, per esempio, si tiene ogni terza domenica del mese la festa di San Sebastiano, che è accompagnata dalla consueta benedizione degli attrezzi agricoli, mentre ad aprile è la volta della Festa del Bosco, che viene organizzata nella domenica successiva alla Pasqua. A maggio, tocca a La Vita tra Leponti e Walser, una passeggiata all'insegna della gastronomia tra i cortili del centro storico: un'occasione interessante per gustare i prodotti tipici del posto e per andare alla scoperta degli antichi mestieri.

La festa di San Giacomo, in programma la seconda settimana di luglio, e la festa patronale di San Rocco, prevista per l'ultima settimana di agosto, e la festa del Boden di settembre, testimoniano la devozione religiosa della popolazione locale, con la tradizionale messa e le offerte ai santi. A ottobre, infine, ecco un'altra passeggiata enogastronomica: si tratta della Sagra del Cinghiale di Migiandone, con la Fiera dei Sapori dell'Ossola, per un mercatino che prevede la degustazione di delizie locali e l'esposizione di opere pittoriche.

Come arrivare a Ornavasso

Per arrivare a in auto, è necessario percorrere l'Autostrada A26 Genova Voltri / Gravellona Toce e, dopo avere imboccato l'uscita Ornavasso, proseguire lungo la SS 33 del Sempione Gravellona Toce - Varzo - Passo Sempione. In alternativa, chi preferisce il treno può sfruttare la linea ferroviaria Novara - Domodossola o la linea ferroviaria Milano - Domodossola: entrambe passano per la stazione di Ornavasso.
loading...
close