Cerca Hotel al miglior prezzo

Ficarazzi (Sicilia), la cittą e il mare. Cosa vedere e sapere

Pagina 1/2

Per ricostruire la nascita di Ficarazzi bisogna viaggiare molto indietro nel tempo, e immergersi in un epoca di aspre battaglie, esplorazioni stupefacenti, scoperte grandiose e personaggi eroici: era il 1100 a.C. quando i Greci di stirpe dorica invasero Creta e i cretesi, determinati a mantenere la propria libertà, scelsero l’esilio sulla costa occidentale della Sicilia, dando vita a nuove fiorenti città.

Tra queste nacque l’odierna Ficarazzi, cittadina siciliana di 12 mila abitanti in provincia di Palermo. Allora si trattava di un piccolo borgo accanto al fiume che nominarono ‘Eleutheros’, ovvero ‘libero’, ‘immune’: era un omaggio all’adorato Giove, che aveva liberato i cretesi dagli oppressori donando loro una nuova terra. Ma a coniare il toponimo ‘Fakarazz’, che significa ‘eccellente’, furono gli arabi, e il primo ad occuparsi dello sviluppo locale fu il viceré Pietro Speciale, attraverso la creazione di piantagioni di canna da zucchero e la costruzione del primo insediamento rurale, protetto da una torre fortificata.

Passato di padrone in padrone col passare dei secoli, acquistato come feudo dal principe Giardina nel 1733, Ficarazzi venne riconosciuto ufficialmente come comune nel 1750 e in seguito crebbe grazie alla vicinanza di Palermo. Molti abitanti del capoluogo preferivano lasciare la città e stabilirsi in un centro di dimensioni più piccole, che assicurasse buoni servizi ma anche quiete e ritmi pacati: gli stessi che vi si trovano tuttora, insieme a un mare splendido e a qualche testimonianza storico-artistica di grande valore.

Chi visita il centro di Ficarazzi scopre alcuni monumenti di rilievo, risalenti soprattutto al periodo medievale: è il caso del Palazzo Giardina, conosciuto più comunemente come Castello, formato dalla una torre quattrocentesca intorno alla quale, con passare degli anni, si raccolse il primo agglomerato urbano. Nata per difendere il litorale dagli attacchi dei pirati, la torre venne completamente ristrutturata nel 1727 per essere trasformata in dimora principesca: ad esempio venne aggiunta una scalinata grandiosa con eleganti balaustre, i saloni furono ampliati e vennero aperte nuove finestre e balconi.

Sul litorale, a breve distanza dal mare, si può ancora ammirare l’antica Torre Cordova, nonostante si presenti piuttosto rovinata rispetto al passato. Costruita a scopo difensivo, ad opera di privati, nel XVI secolo, faceva parte del sistema di 218 torri costiere siciliane e doveva proteggere la foce dell’Eleuterio e le coltivazioni vicine dagli attacchi via mare dei pirati.

Da vedere i due ponti canale ad archi che un tempo attraversavano gli avvallamenti del terreno e trasportavano l’acqua per la città, attingendola a una fonte che dista circa 15 km dai ponti stessi. Il primo, che risale al XV secolo ed è formato da nove archi, portava l’acqua alle coltivazioni di canna da zucchero, mentre il secondo, del XVII secolo, serviva al principe Giardina per rifornire d’acqua i propri poderi.
... Pagina 2/2 ...
Tra gli edifici di culto di Ficarazzi spicca la Chiesa di sant’Anastasio, edificata nel 1722 in stile semplice e austero, con una sola ampia navata incorniciata da quattro cappelle su ogni lato. All’interno ci sono opere d’arte pregiate come un crocifisso ligneo del Cinquecento, realizzato probabilmente da Fra’ Umile da Petralia. La facciata esterna è dominata da un portale in pietra sormontato da una finestra circolare, ma ultimamente è stato aggiunto un orologio, insieme all’aggiunta del campanile e della guglia in rame e ottone.

Non mancano le ville signorili: da vedere la Villa dei Caduti, circondata dal Parco della Rimembranza con la lapide dedicata i caduti in guerra, ma anche la settecentesca Villa Merlo, usata come residenza estiva dal conte Giuseppe Merlo e oggi sede di eventi tradizionali, iniziative culturali e manifestazioni di vario tipo.

Altre manifestazioni si svolgono nelle piazzette e per le vie del centro, per tutto l’arco dell’anno ma soprattutto tra la fine della primavera e l’inizio dell’autunno. La manifestazione più importante di Ficarazzi è la festa del pane e dello sfincione, che si svolge la prima domenica di settembre: da molto tempo, di anno in anno, per l’occasione i panificatori del luogo offrono i loro prodotti tipici, mentre tutto il centro si anima con spettacoli musicali, intrattenimenti e sfilate di coloratissimi carri siciliani.

Ad incorniciare il tutto, e a far venire voglia di un bel bagno o di una passeggiata sulla battigia, c’è un clima mediterraneo a dir poco paradisiaco, con temperature sempre miti e tante ore di sole. I valori medi di gennaio, il mese più freddo, vanno infatti da un minimo di 9°C a un massimo di 14°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 22°C ai 30°C. Le precipitazioni, scarse in estate, si concentrano soprattutto in autunno e il mese più piovoso, con una media di 100 mm di pioggia, è ottobre.

Per arrivare a Ficarazzi si può scegliere tra varie possibilità. La cittadina è servita dall’autostrada A19 che collega Palermo a Catania, è attraversata dalla statale 113 che unisce Trapani con Messina e dalla statale 121 che va da Palermo a Catania. La stazione ferroviaria di riferimento, a 3 km dal centro, è quella di Villabate-Ficarazzelli, e a Palermo ci sono sia l’aeroporto (35 km da Ficarazzi) che il porto marittimo (10 km) più vicini.
close