Cerca Hotel al miglior prezzo

Vrsar (Orsera): vacanza nella sua baia e nelle sue isole

Vrsar, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Orsera (Vrsar) deve la sua celebrità alla sua magnifica baia, una delle perle d'Istria, con l'isola di Sv. Juraj a fungere da naturale scudo alle onde dell'adriatico, creando un porto naturale che per secoli è stata la ricchezza della città, con una economia totalmente dedita alla pesca. Ora tale paesaggio è diventato attraente per i numerosi turisti che vengono a visitare le coste istriane ed Orsera riesce ad offrire il suo mare limpido, la sua ospitalità, la sua isola di Koversada, frequentata da naturisti, e i suoi tesori architettonici che dimostrano una lunga storia del sito, le cui origini affondano nella notte dei tempi.

Già nella preistoria, in pieno paleolitico, il sito era frequentato da popolazioni locali, come testimoniano i ritrovamenti archeologici di Lim, all'interno della Grotta di San Romualda. Vrsar in quel tempo, grazie al suo porto, era teatro di fitti scambi commerciali tra Grecia e nord Europa, e di qui transitava l'Ambra (elektron) il prezioso minerale che dalle alte latitudini europee aveva come obiettivo finale i mercati ellenici.

Dopo le dominazioni romane e bizantine lungo l'adriatico, Orsera ricadde sotto l'ala proptrettice di Parenzo (Porec) di fatto proteggendo la città dalla onerosa egemonia di Venezia, che pur dominando questi territori, non riuscì ad imporre alla città i suoi pesanti oneri finanziari. In quel periodo la città godeva di una certa importanza anche per le sue celebri cave di pietra, calcari massicci utilizzati in modo massiccio per l'abbellimento di vie, piazze e ponti della Serenissima.
Se per decenni la pesca rimase l'unica fonte stabile di ricchezza per la città, a partire dagli anni'60 e '70 Orsera riacquistò prestigio e fama grazie al boom turistico, e la creazione del villaggio per naturisti, sulla vicina isola di Koversada, ha consacrato questa località come una delle mete più interessanti per il turismo di mare di tutta la costiera istriana.

E' facile arrivare ad Orsera: la località si trova circa a metà strada tra Parenzo e Rovigno, anche se la presenza del Limski Kanal (Canale di Leme), un fiordo lungo circa una decina di chilometri, rende più agevole l'aggesso da Porec. Provenendo dall'Italia da Trieste conviene seguire le indicazioni per Koper (Capodistria), seguendo poi la strada per la Croazia (inizialmente Umago). Una volta entrati sul suolo croato della penisola istriana, seguite il percorso autostradale della A9 per Porec, poi raggiunta la costa si procede verso sud fino a raggiungere, in pochi minuti, Orsera.

Da vedere e scoprire a Vrsar (Orsera).
Il centro storico possiede un classico impatto medioevale, con il villaggio che si arrocca su di una bassa collina con la chiesa che ne costituisce la culminazione superiore, con l'immancabile e classico campanile in stile veneziano, il tutto abbellito da una marina e dal contorno di macchia mediterranea che trapunta il resto della baia. Vrsar era nota per la sua cinta muraria, ora non più visibile, di cui rimane traccia nella porta di accesso orientale, detta la Porta Romanica, che dovrebbe avere un età di circa 900 anni. Da segnalare la piccola chiesa dedicata a S. Antonio da Padova (Sveti Antun) semplice nel suo stile rinascimentale con influssi barocchi, all'interno segnaliamo un altare ligneo ed un affresco raffigurante il Santo.

Koversada si trova invece a sud, a circa 2 km di distanza da Orsera. Questa località, con uno spazio di 120 ettari e la possibilità di ospitare fino a 7000 turisti, è probabilmente il resort naturista più famoso in Europa, ed è sicuramente uno dei più grandi e con una lunga storia, visto che fu fondato nel lontano 1961. Molti naturisti provenienti da tutto il mondo vengono ogni anno a Koversada in cerca del loro paradiso naturale, grazie al clima caldo e il mare limpido e pulito. All'interno del centro vi sono numerosi ristoranti e snack-bar, una pizzeria, due mini-mercati e negozi vari, oltre che un ufficio postale,un ambulatorio, una stazione di rifornimento di gas, un servizio di lavanderia e altre amenità. Gli impianti sportivi includono sport acquatici, ping-pong, campi da tennis, pallavolo e basket . Una parte del campeggio si trova su una piccola isola senza automobili, collegata con un ponte alla terraferma, luogo perfetto per chi vuole rimanere fedele ad un naturismo più essenziale.

La spiaggia di Koversada è rocciosa, nella migliore tradizione istriana, con piattaforme per prendere il sole ed alcune riparate baie coperte di ghiaia. Di fronte l'isola c'è comunque una spiaggia antropica, ricoperta di sabbia, per chi non sa rinunciare al piacere di sport come il beach volley e le bocce. Koversada ha ricevuto il sigillo della Bandiera Blu, una certificazione internazionale per l'alta qualità delle acque di balneazione e delle norme ambientali.

Dal punto di vista climatico Orsera offre un tempo meteorologico tipicamente mediterraneo, caratterizzato da un clima mite tutto l'anno, con un gradevole inverno, mediamente con temperature intorno i 12 °C, e pochissime giornate di ghiaccio, mentre in estate le medie raggiungono i 26 °C con lunghe giornate di sole e rari passaggi temporaleschi. Complessivamente le ore di sole di Orsera ammontano a circa 2.000 l'anno, il che equivale a circa un rapporto di 2 su tre di tempo soleggiato. La temperatura del mare raggiunge valori di circa 24 °C tra luglio ed agosto, invitando i turisti a lunghi bagni nelle acque pulite.

Cortesia foto: http://www.istra.hr/
  •  

 Pubblicato da - 05 Febbraio 2009 - Riproduzione vietata

News più lette

close