Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Middelburg

Middelburg, visita alla Bella addormentata dei Paesi Bassi

Pagina 1/2

Oggi Middelburg ha un’identità ben definita, fatta di tradizioni solide e un passato avventuroso alle spalle, ma a ben guardare la città è un collage di stili architettonici differenti, leggende che si confondono alla verità, e tracce lasciate nei secoli da popoli diversi, provenienti da varie parti d’Europa. Sono quasi 50 mila gli abitanti che popolano la bella località olandese, nel cuore di una penisola che in passato era abbracciata dal mare: è la penisola di Walchren, inconfondibile per il suo labirinto di dighe e le sue dune sabbiose. Middelburg significa proprio ‘borgo di mezzo’, nome che si riferisce alla posizione geografica della città: situata nel sud-ovest dei Paesi Bassi, nella provincia della Zeeland (Zelanda, di cui è capoluogo), ha occupato da sempre un punto strategico per i commerci.

Fondata per contrastare gli attacchi vichinghi, Middelburg fu un villaggio fiorente nel periodo medievale, quando iniziavano a prendere piede i traffici di vino e stoffe, e divenne ancora più prestigiosa con la nascita della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, di cui ospitava una delle sei Camere. Mentre le navi partivano regolarmente dal porto locale, tracciando rotte fra le Fiandre e l’Inghilterra e traghettando migliaia di schiavi neri sulle coste dell’America, il cuore cittadino si arricchiva di monumenti e palazzi eleganti.

Molti edifici andarono perduti durante la seconda guerra mondiale, ma i lavori di ristrutturazione sono stati condotti con maestria, in modo da restituire a Middelburg il suo nobile sapore originario. Oggi ci si incanta alla vista del centro, in parte circondato da un canale sottile, orlato a sua volta di casette e barche ormeggiate. Ai tratti gentili da piccolo borgo si combinano la vivacità e l’intraprendenza di una grande città, con un’ampia piazza centrale in cui si allestisce il mercato, dominata dallo splendido edificio gotico del Municipio. Eretto a metà del Quattrocento per volere della famiglia Keldermans, fu ampliato una cinquantina d’anni dopo con l’aggiunta della Meat Hall, che oggi ospita eventi ed esposizioni d’arte.

Accanto al municipio sorge la prima chiesa protestante di Middelburg, la Oostkerk, progettata a partire dal 1644 con la collaborazione di più architetti oalndesi. A finanziare i lavori di costruzione fu soprattutto la tassa sulla birra, che venne imposta nel Seicento perché a quanto pare tutti, persino i bambini, bevevano questa bevanda in sostituzione dell’acqua, troppo sporca e malsana. La chiesa barocca è sormontata da una spettacolare cupola a pianta ottagonale, che le conferisce austerità e grazia allo stesso tempo.

Risale invece al XVI secolo la Nieuwe Kerk, chiesa a navata doppia compresa nel corpo abbaziale, caratterizzata da una torre campanaria alta ben 90 metri, la Lange Jan. La chiesa ospita i sepolcri degli ammiragli Jan e Cornelis Eversteen e un pregevole organo di fine Ottocento, donatole al momento della ristrutturazione dal Rijksmuseum, creato originariamente per una chiesa di Amsterdam.
... Pagina 2/2 ...
Un’altra costruzione storica, oggi adibita a museo, è l’Abbazia dell’844. Utilizzata sino alla guerra degli Ottant’anni, finché i Paesi Bassi non ottennero l’indipendenza dalla Spagna, in seguito è diventata museo e sede del governo della provincia zelandese. Da vedere anche la cinquecentesca Abbazia di Nostra Signora, appartenente alle Norbertine, semidistrutta sotto i bombardamenti del secondo conflitto mondiale ma in seguito rimessa a nuovo.

Ma la bellezza di Middelburg si respira già nell’aria, di fronte alle semplici case dei pescatori e dei mercanti, ancor prima di aver visitato chiese e monumenti. Le abitazioni caratteristiche, risalenti al XVII e XVIII secolo, hanno i tetti appuntiti che indicano un cielo limpido e si specchiano nel canale della città; insieme al viavai allegro dei passanti e alle bancarelle del mercato creano un’atmosfera familiare, che fa venire voglia ai turisti di conoscere le tradizioni locali. Per fare amicizia con la vera Middelburg non c’è niente di meglio di una visita durante le feste natalizie, oppure nel corso di un evento folcloristico. Da non perdere il Jazz Festival di giugno, che nel 2011 è giunto alla V edizione.

Per raggiungere la città olandese si può contare su una vecchia stazione ferroviaria, tuttora funzionante, che la collega a Vlissingen, Goes, Roosendaal, Rotterdam e Leida, oppure sull’aeroporto di Schiphol di Amsterdam. Middelburg è servita dall’autostrada A58.

Grazie alla vicinanza del Mare del Nord il clima di Middelburg è freddo ma meno rigido di quello che si trova, generalmente, a queste latitudini, con inverni più miti. Le temperature medie di gennaio vanno infatti da una minima di 1°C a una massima di 6°C, mentre in luglio e agosto vanno dai 13°C ai 21°C. Le precipitazioni, scarse in estate, si concentrano specialmente tra l’autunno e l’inverno: in novembre e dicembre piove mediamente per una ventina di giorni al mese.
loading...
close