Cerca Hotel al miglior prezzo

Senglea (Malta), visita alla Isla, meglio conosciuta come Citta Invicta

Pagina 1/2

Oggi occupa una penisola accarezzata dal Mediterraneo, ben salda alla costa dell’isola di Malta, di cui costituisce una delle città più antiche e suggestive; in passato si trattava di una vera e propria isola a sé stante, e non a caso il nome Senglea deriva da ‘Isla’, ovvero ‘isola’. Senglea resta comunque un gioiello di rara bellezza, le cui meraviglie e vicende storiche si intrecciano con il mare e i suoi colori, le sue insidie e le sue ricchezze. Situata lungo il bordo orientale dell’isola, costituisce insieme alle vicine Cospicua e Vittoriosa un sistema difensivo di tre città, dette proprio ‘Le Tre Città’.

Conosciuta anche come ‘Civita Invicta’, ovvero ‘città vittoriosa’, per la coraggiosa resistenza all’invasione ottomana di metà Cinquecento, Senglea venne collegata alla terraferma durante il dominio dei Cavalieri Ospitalieri. Le forme e le atmosfere di oggi sono diverse da quelle di un tempo, ma si riescono ad assaporare meglio rispetto alle zone più turistiche di Malta: qui gli abitanti locali prevalgono sui visitatori venuti da lontano, e le architetture di gusto mediterraneo rievocano popoli e imprese dimenticate.

Mentre l’isola basa la propria economia sul turismo, in particolare sul patrimonio paesaggistico e sulle vacanze balneari, a Senglea e in generale nelle ‘Tre Città’ l’accento è posta sulla storia e la cultura. Sono infatti numerose le testimonianze antiche, preziose per conoscere il passato e comprendere la realtà presente: tra gli edifici più importanti c’è sicuramente la Basilica di Senglea, dedicata alla Vergine Maria.

È una chiesa ricca, piena di opere d’arte, ricostruita dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e riaperta e riconsacrata soltanto nel 1957. Fortunatamente gli arredi più preziosi e le pitture si sono conservate, e se ne può tuttora ammirare la magnificenza: quando si entra ci si lascia subito incantare dall’Altare Papale, disegnato da Vincenzo Bonello e inaugurato nel 1964, ma sono davvero numerose le opere pregiate.

Particolarmente famosa è la statua miracolosa di Gesù Cristo Redentore, custodita nell’oratorio della Basilica, che a grandezza umana rappresenta Cristo mentre cade sotto il peso insostenibile della croce: si tratta senza dubbio di una delle più antiche e più amate statue dei santuari presenti nell’isola. In realtà fa parte di un gruppo statuario composto da otto sculture raffiguranti diversi stadi della Passione, portate in processione per le strade di Senglea durante i festeggiamenti del Venerdì Santo.
... Pagina 2/2 ...
Un’altra statua celebre è dedicata a Maria, spesso soprannominata ‘Nostra Signora del Centro’ perché in origine si trovava proprio nel cuore del borgo, eretta nel periodo delle epidemie come ringraziamento per aver protetto l’isola e in particolare la città dal contagio che stava colpendo altre aree d’Europa. Oggi anche questa immagine è custodita nella stessa Basilica.

Ma la vocazione culturale di Senglea non si esprime solo attraverso i suoi edifici storici e i suoi monumenti: in paese vengono periodicamente organizzate diverse iniziative, appassionanti per gli abitanti locali ma soprattutto preziose per i turisti, per avvicinarsi alle tradizioni e agli usi dell’isola. Un’importante associazione della cittadina è rappresentata dalla banda musicale, protagonista di numerose feste paesane, e tra gli appuntamenti più attesi ci sono il carnevale, il ‘Freedom Day Regatta’ di fine marzo, le processioni religiose pasquali tra marzo e aprile, il pellegrinaggio sino alla statua di Gesù Redentore in giugno e la ‘Victory Day Regatta’, che si svolge l’8 di settembre in concomitanza con la festa della Nostra Signoria delle Vittorie.

Tutto è incorniciato da un paesaggio selvaggio e magnifico, luminosissimo grazie al sole generoso che il clima mediterraneo regala. Qui le condizioni climatiche sono ideali per vacanze estive all’insegna dei bagni e della tintarella, ma anche per piacevoli passeggiate primaverili e autunnali. Estati calde e soleggiate e inverni dolci sono gli ingredienti irresistibili di Senglea e di tutta l’isola: le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di 10°C a una massima di 14°C, mentre in luglio e agosto si va dai 23°C ai 29°C. Le precipitazioni sono scarse in estate, quasi assenti nei mesi più caldi, mentre si concentrano in autunno e inverno: il mese più piovoso è dicembre, con una media di 13 giorni piovosi.

Per arrivare Malta in aereo si può atterrare all’aeroporto internazionale di Malta, collegato a varie città italiane, ad esempio Catania, Milano, Bologna, Palermo, Reggio Calabria e Roma. Da numerosi porti italiani si può raggiungere l’isola via mare con traghetti o aliscafi, e una volta approdati a Malta un efficiente servizio navetta garantisce collegamenti tra il porto, l’aeroporto, i vari alberghi e il casinò.
loading...
close