Cerca Hotel al miglior prezzo

Superbagnères (Francia), la località sciistica pirenaica

Nel dipartimento francese dell’Alta Garonna, nella regione montuosa del Midi-Pirenei, Superbagnères è una meta sciistica rinomata che attira visitatori da tutta Europa: il territorio magico del sud della Francia, a breve distanza dal confine spagnolo, insieme a un repertorio accattivante di usanze e tradizioni, fa di Superbagneres una destinazione perfetta per l’inverno ma affascinante anche d’estate, quando il centro si anima di intrattenimenti e i pascoli fioriscono sotto il cielo mutevole. Ai piedi della località sorge Bagnères-de-Luchon, cittadina idrotermale di 3 mila abitanti, nota per le sue acque benefiche usate contro i reumatismi e i problemi alle vie respiratorie.

Da Bagneres-de-Luchon si intraprende un tortuoso viaggio verso Superbagnères, sino all’altitudine mozzafiato di 1800 metri, imboccando la strada che passa accanto alle terme e si inoltra nel fondovalle per un paio di chilometri. A un certo punto accade una magia: il paesaggio si fa meno popolato, più misterioso, con segni umani sempre più rari, ed è qui che il dislivello aumenta e la salita si fa impegnativa. Ma presto il sentiero torna amichevole, più dolce, quando oltrepassa in più punti il fiume Pique: prima si percorre il Pont de Lapadé, a quota 825 metri, quindi il Pont de Ravi, a quota 870 metri, per poi lasciare la strada asfaltata e raggiungere il noto Hospice de France. Situato a 1380 metri di altitudine, questo antico rifugio incastonato tra Francia e Spagna è diventato un ottimo ristorante, in cui gustare le pietanze dei Pirenei accompagnate da un buon vino ristoratore.

Tratti facili e impervi si alternano ancora fino alla vetta, superando l’abitato di L’Ourson e la località Plan du Lys; da qui ci si addentra nella foresta e si raggiunge La Carrière, sino ad emergere sul grande piazzale in cui sorgono gli impianti turistici della stagione invernale. Le piste, perfette per il fondo, lo sci alpino e lo snowboard, si snodano tra i 1440 e i 2260 metri di altitudine, e dai primi anni del XX secolo rappresentano un vero e proprio paradiso per gli appassionati. Storicamente la stazione sciistica di Superbagnères era collegata alla città da una ferrovia a cremagliera, ma oggi c’è un’efficiente cabinovia che può tenere 4 persone a cabina: la salita alla vetta dura circa 10 minuti, e solitamente, una volta raggiunta la cima, non è possibile sciare giù fino a Luchon, tranne in caso di neve perfetta e abbondante e sciatore esperto, buon conoscitore dei boschi.

Le piste sono 28, e comprendono qualche campo scuola, numerose piste facili, 7 di media difficoltà e 6 nere. A servirle ci sono 15 impianti di risalita, e a mantenerle perfettamente candide ci sono ben 160 cannoni da neve. Non mancano i fun park per gli snowboarder, in cui sbizzarrirsi in evoluzioni e salti, i percorsi escursionistici e i punti di ristoro, in cui gustare una pietanza calda mentre ci si riposa.

A Superbagnères lo sport è protagonista di ogni vacanza: l’inverno è la stagione privilegiata, trattandosi di una stazione sciistica, ma l’estate non è da meno coi suoi paesaggi lussureggianti, i sentieri e i punti panoramici, da raggiungere a piedi, in mountain bike o a cavallo. Per trovare qualche evento culturale o folcloristico vale la pena di scendere a Luchon, dove si svolge all’inizio di febbraio il Festival Internazionale delle Creazioni Televisive, e a metà agosto la Festa dei Fiori.

Il clima è influenzato dalle alte montagne, che lo rendono rigido in inverno e lo mantengono mite in estate. Nei mesi più freddi le minime assolute possono scendere sino a -10°C, e in estate le temperature medie variano tra i 12°C e i 24°C. L’autunno è la stagione più piovosa, ma non mancano le scrosciate improvvise tra aprile e maggio e i classici temporali estivi dei mesi più caldi.

Per raggiungere Bagnères-de-Luchon e Superbagnères dall’Italia conviene percorrere le autostrade del sud della Francia da Marsiglia a Narbonne, poi deviare sull’autostrada A61 verso Tolosa e continuare lungo la A64 fino all’uscita numero 17; a questo punto si procede sulla N125 e si svolta nella D125 fino a destinazione. Gli aeroporti più vicini sono quelli di Tarbes e Tolosa, rispettivamente a 90 e 145 km circa.
  •  

 Pubblicato da - 19 Ottobre 2011 - © Riproduzione vietata

close