Cerca Hotel al miglior prezzo

Frejus (Francia): visitare la Piccola Pompei della Costa Azzurra

Frejus, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La città di Fréjus si trova a Est del Dipartimento del Var, esattamente nella porzione del quadrante sud della Francia, con le sue preziose testimonianze storiche, i suoi ricchi monumenti e opere architettoniche di grande valore, è uno dei più rinomati centri turistici della Provenza. Il suo passato è ricco di fasti, soprattutto quello ascrivibile all'epoca romana, al punto che Fréjus è conosciuta anche come La Piccola Pompei.

Imperdibili il suo acquedotto, l'anfiteatro e il teatro che attestano con grande forza l'imponenza dell'antica città di Forum Julii. Ma non è tutto, la vicinanza alla costa, la rinomata Costa Azzurra, ne fanno una meta protagonista anche per un turismo prettamente vacanziero e che ama trascorrere le giornate all'insegna del mare, del sole e della ricercatezza di una località esclusiva, ma che offre anche diversi spunti per scoprirne tradizioni, usi e costumi. Diversi sono infatti gli eventi che si susseguono durante il corso dell'anno a Fréjus rendendo ancora più interessante questo territorio.

Forum Julii, questo l'antico nome della città, fu fondata da Giulio Cesare nel 49 a.C. successivamente alla conquista e distruzione di Massalia, l'attuale Marsiglia. Forum Julii divenne un'importante colonia portuale, punto di snodo di un fiorente commercio, grazie alla deviazione del corso del fiume Argens. Fréjus però si trasformò in un'importante porto militare grazie a Ottaviano imperatore Augusto che si servi della città per ormeggiare la sua possente flotta durante il periodo di belligeranza con Sesto Pompeo. Protagonista durante la battaglia di Azio, Forum Julii divenne a pieno titolo il primo porto militare del bacino del Mediterraneo sotto Roma.

Durante il periodo di pace il ruolo principale della città fu quello di snodo commerciale. Distrutta dai Saraceni agli inizi del X secolo, fu ricostruita per volere del Vescovo Ricolfo nel 990, sotto il quale ritrova un po' del suo prestigio e lustro perduto in precedenza. La città viene fortificata e vengono iniziate le opere di costruzione della Cattedrale di Sainte Léonce. La sorte favorevole però dura poco, falcidiata dalla peste e dalle scorribande dei pirati la città conosce un nuovo periodo di declino fino a quando viene, per l'ennesima volta, rimessa in piedi e segue infine le vicissitudini legate alle guerre di religione.

Fréjus ha tantissime prospettive dalle quali partire per la sua scoperta, per cui non c'è che l'imbarazzo della scelta. Se si ama la storia e si vogliono fare interessanti passeggiate alla ricerca delle antiche vestigia romane, basterà fare una visita al Teatro romano, di cui sono ancora visibili l'orchestra, i resti della cavea e delle sotto strutture della scena, esemplare sfondo de "Le notti Aureliane", o al vecchio acquedotto, situato alla periferia della città.

Questo ha alimentato Fréjus per otre 500 anni, a partire dal 31 a.C. poco dopo la battaglia di Azio quindi. Per rendere operativo l'acquedotto si prelevarono le acque dal fiume Siagnole, che dista circa 30 km dalla città. L'acquedotto ha una lunghezza di circa 40 km, si tratta quindi di un'opera davvero impressionante. Da non perdere una visita alla Villa Aureliana, situata in un ricco parco di 24 ettari, in stile neo palladiana, aperta al pubblico durante particolari occasioni quali eventi e mostre.

Tra i monumenti fruibili e di particolare interesse della città, anche la Cattedrale di Saint Léonce col suo chiostro, accessibile durante tutto l'anno secondo gli orari di apertura in calendario, al mattino è sempre aperta. Vale la pena anche il Battistero, uno dei più antichi battisteri di Francia, così come la Pagoda buddista di Hong Hien, realizzata dai vietnamiti nel 1917. Da vedere il Museo delle Arti e delle tradizioni provenzali e il Museo Municipale. Ovviamente ad attirare buna parte dei turisti sono anche le meravigliose coste con le rinomate spiagge, fino alla celeberrima Saint Tropez, la Spiaggia dei Sablettes, la Spiaggia Pacha, ma anche i dintorni della città come il Barrage del Malpasset. Gli amanti della natura, invece, possono scoprire in auto il Parco Zoologico di Fréjus.

Diversi gli eventi di grande interesse che caratterizzano il ricco calendario della città. Durante il periodo natalizio si può fare un giro nel grazioso mercatino di Natale che si tiene dai primi di dicembre ai primi di gennaio nel centro storico. Suggestivo grazie alle luci e all'atmosfera di festa. Le Notti Aureliane, invece, si svolgono a luglio e offrono meravigliose rappresentazioni in una suggestiva cornice nel teatro romano, all'aperto. Tra Luglio e Agosto si svolgono le Notti di Port Fréjus, quando il cielo si illumina di straordinari fuochi d'artificio. Ad agosto è il momento della Festa dell'Uva, curata dal gruppo di Conservazione delle tradizioni Provenzali "Miougrano". Degustazione di vini e balli tradizionali tra le vie del centro storico. Questi sono solo alcuni dei numerosi appuntamenti.

La città di Fréjus può essere raggiunta in vari modi. Via terra in auto mediante l'autostrada A8 con uscita a Fréjus -Saint Raphael, in treno si scende alla Stazione Centrale di Fréjus. In aereo si può atterrare sia all'aeroporto internazionale di Nice Côte d'Azur, che in quello di Saint Tropez, Cannes, Tolone. Via mare Fréjus si raggiunge col traghetto sbarcando nei porti di Saint Raphael e Saint Aygulf collegati a Port Fréjus grazie a un servizio di navette.
  •  

 Pubblicato da - 05 Novembre 2015 - Riproduzione vietata

close