Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Bonnieux

Bonnieux (Francia): il borgo della Provenza del film Un'ottima annata

Pagina 1/2

La Provenza francese riassume in sé il concetto di meraviglia paesaggistica che, al di là del corredo naturale a composizione della sua veste, s’impernia sulla presenza ramificata di singolari villaggi e località pienamente integratisi nel contesto ma con un qualcosa in più: la fedeltà al tempo in cui essi sono sorti arricchendo il patrimonio territoriale. Bonnieux, ancella comunale di ca. 1.400 abitanti, s’arrocca sull’altopiano del Luberon specchiandosi sull’egual bellezza che le si pone di fronte, Lacoste.

Tutt’intorno è la Valle Comba di Lourmarin, le cui vestigia romane trovano l’ideale sunto nel Pont Julien, costruito nel 3 a.C. sul fiume Calavon, lungo l’antica Via Domizia. Si può iniziare tranquillamente da qui la visita a Bonnieux poiché questo esempio di ingegneria romana risulta davvero bello e interessante. Non è, infatti, un mero ponte limitato a espletare le sue funzioni, bensì qualcosa di più sfaccettato e artistico: lungo 118 metri e largo 6, si snoda in tre arcate a tutto sesto, la centrale delle quali ha un diametro di 16 metri contro i 10 delle laterali, con due pilastri ad aperture centinate e speroni basali sporgenti (detti avambecchi) per incanalare il corso fluviale.

Funzionante fino al 2005, è oggi un’attrattiva del Parco Naturale Regionale del Luberon, che si presta a far da culla a una fitta foresta di cedri occupante una superficie di 250 ettari e ospitante un caratteristico sottobosco calcabile attraverso il sentier botanique.

Cosa vedere a Bonnieux

Tutte le altre sorprese architettoniche sono prole legittima del periodo medievale, che vide Bonnieux cingersi di solide mura nel X secolo e dal XIV secolo alla fine del XVIII beneficiare della protezione concessa al territorio pontificio annesso ad Avignone. A cuor del borgo sorge l’Eglise Vieille du Haut, una chiesa piuttosto antica che, insieme al rappresentativo Priorato Saint-Symphorien, esalta l’anima pittoresca del luogo facendosi notare da parecchi chilometri di distanza, un sorriso ecclesiastico che ben si concilia con le belle giornate di sole e l’arcata azzurra del cielo qui costantemente terso, cangiante ai poetici bagliori della cittadina sottintesa.

E’ però più corretto parlare di paese, un’identità molto più idonea alla fisionomia di Bonnieux, un abitato plasmato dai canoni romantici di una Francia la cui vocazione ha sempre ambito al lirismo della sua delicata terra. Quando s’alza un docile vento di primavera, fra le case si spande un fragrante profumo di pane, illusione percettiva data da un’attempata dimora adattata a Museo della Panetteria: qui il visitatore può viaggiare nelle trame cronologiche che indagano la storia del prodotto edibile più consumato al mondo, appunto il pane, la cui tradizione e tecnica di preparazione hanno mantenuto il gusto popolare per l’atavica propensione al nutrimento essenziale.
... Pagina 2/2 ...
La tradizione è quanto mai viva anche nell’atteso Marché des Potiers, in cui ogni anno nel fine settimana di Pasqua si danno appuntamento una cinquantina di artigiani specializzati nella produzione e decorazione di ceramiche, porcellane, stoviglie, gioielli e sculture. L’organizzazione ha da diverso tempo improntato un workshop (si chiama così ma non ditelo a un francofono, perché lo tradurrebbe immediatamente in lingua transalpina) di modellazione che conta inoltre un piccolo laboratorio per bambini e adulti che intendono conoscere l’antica arte della ceramica sporcandosi le mani, o forse ingentilendole. Concludono la parte commerciale un punto di ristoro e un fastfood (ci risiamo con l’inglesismo!) animati da tanta musica.

I luoghi del film Un'ottima annata

Bonnieux si è fatto conoscere persino oltreoceano, cosicché un grande regista di Hollywood, Ridley Scott, ha deciso nel 2006 di girarvi alcune scene della commedia romantica “Un’ottima annata”, interpretata da Russell Crowe e Marion Cotillard. Da allora i turisti non fanno che riversarsi nella splendida tenuta di Château La Conorgue, antico casale di proprietà della famiglia Margan, con giardini, 45 ettari di vigneti che lo circondano (si produce dell’ottimo vino come il rosè Syrah e il rosso da uve Carignan) e perfino una piscina scavata nella roccia. Infine, per chi ama i profumi intensi e i colori della natura, si spinga a qualche chilometro dalla località per seguire l’itinerario della lavanda e ammirare i vasti campi del Plateau de Boux, una pianura fra i luoghi più fotografati al mondo per un mare violaceo che si perde all’orizzonte ispirando i sogni più fulgidi di pittori e poeti.

Come arrivare a Bonnieux

Onde evitare troppe complicazioni, si consiglia caldamente di prendere l’aereo e atterrare all’aeroporto di Marsiglia, vicinissimo alla città dalla quale si può prendere l’autobus diretto alle principali località della Provenza; il treno utilizzabile è il Riviera notturno messo a disposizione da Trenitalia che arriva a Nizza, distante però ca. 200 km dalla zona interessata; il paese è attraversato dalla D3 e dalla D194 percorribili in automobile.


loading...
close