Cerca Hotel al miglior prezzo

Bad Gögging (Bad Goegging), vacanze termali in Baviera

Pagina 1/2

Si arriva a Bad Gogging attraverso le foreste e i pascoli della Baviera, fendendo valli e montagne, e si ha la sensazione che non solo gli spazi diventino immensi, sconfinati, ma che anche il tempo si dilati e diventi più umano: trascorrere una vacanza in questo paradiso della Baviera orientale, lungo il corso placido del fiume Abens, a pochi chilometri dal Danubio e dalla città di Neustadt, significa fermare i ritmi frenetici di sempre e ritagliarsi una parentesi di quiete per sé stessi.

Da un lato si percepisce la potenza della natura, maestosa e impareggiabile rispetto a qualunque opera d’arte umana, ma allo stesso tempo si avverte l’abbraccio accogliente del paesaggio, e si ha la sensazione che quella natura abbia a cuore il benessere dei suoi abitanti. Forse se ne accorsero già i romani, che qui, dove il Vallo Retico terminava per cedere spazio al baluardo fluviale del Danubio, fondarono uno dei complessi termali più imponenti a nord delle Alpi. Una porzione minima ma significativa di quello che si nasconde sotto le fondamenta della città è oggi custodito nel Römisches Museum, e nella vicina località di Eining si può fare una bella passeggiata tra i resti dell’antico Castrum Abusina, per assaporare un po’ di atmosfera romana.

Dove un tempo terminava il Vallo, accanto a Hienheim, ancora oggi c’è la zattera che traghetta escursionisti e ciclisti da una riva all’altra del Danubio, e si può ammirare una delle caratteristiche torri di guardia del Limes romano. Ma l’eredità più preziosa, o almeno più piacevole, concessa ai turisti di oggi dagli antichi abitanti della zona, è senza dubbio il centro termale: unico in tutta la Baviera per la varietà dei trattamenti, può contare sui sorgenti sulfuree, fanghi termali e acqua termale minerale. Già i romani utilizzavano l’acqua sulfurea per curare la pelle, le articolazioni e la gotta, e probabilmente già apprezzavano le caratteristiche benefiche dei fanghi.

Dopo una sosta rigenerante si possono scoprire le bellezze architettoniche di Bad Gögging e se ne possono apprezzare le proposte di svago: nel centro cittadino, con le mura di cinta ancora affascinanti e il tipico assetto medievale, ci si può sbizzarrire nello shopping, si può sorseggiare qualcosa di caldo nei graziosi caffè e ci si può incantare di fronte agli scorci più pittoreschi celati nel dedalo di stradine. Si può anche partire in bicicletta alla volta della vicina Neustadt, e ci si può spingere sino ad Abensberg, che nel XVI secolo diede i natali allo storico Johann Turmair, autore della prima cronaca bavarese.

Da non perdere, nei dintorni, Regensburg (Ratisbona) e Ingolstadt, così come il Parco Naturale dell'Altmühltal: qui si può visitare la cittadina vescovile di Eichstätt, un piccolo gioiello di architettura gotica e barocca, e non si può trascurare l’abbazia di Weltenburg e Kelheim, storica capitale del ducato bavarese in cui Re Ludwig I fece erigere il padiglione della liberazione, ‘Befreiungshalle’, per festeggiare la fine delle guerre contro Napoleone.
... Pagina 2/2 ...
Ma Bad Gogging è anche tradizione, in particolare tradizione culinaria: tra le specialità imperdibili, come in gran parte della Germania, c’è senza dubbio la birra, e questa è anche la regione di produzione del luppolo per antonomasia. Non è raro incontrare una festa della birra organizzata in città o nei dintorni, e i germogli di luppolo vengono utilizzati per preparare un’insalata delicata molto buona. Maggio e giugno, invece, sono i mesi degli asparagi, coltivati nelle campagne e portati freschi nelle cucine dei ristoranti, per diventare protagonisti di ricette gustose e leggere. La campagna è anche il regno in cui si allevano oche e anatre, da assaggiare alle sagre paesane cucinate in varie maniere, mentre nei fiumi e nei ruscelli della zona si pescano i lucci e i salmerini, una delizia per gli amanti del pesce. E non mancano i famosi e saporiti canederli, serviti in salsa di birra e accompagnati dall’arrosto di maiale, magari da consumare in una delle caratteristiche birrerie all’aperto, le rinomate Biergarten.

Ad incorniciare il tutto c’è un clima tendenzialmente freddo, che regala nevicate suggestive nella stagione più fredda e atmosfere magiche nel periodo natalizio. Le temperature medie del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di -5°C a una massima di 2°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 12°C ai 23°C ed è piacevole passeggiare nella campagna intorno al paese. A meno che il tempo non sia guastato da qualche temporale, che a dire il vero sono fenomeni piuttosto frequenti: giugno e luglio, con una media di 16 giorni piovosi ciascuno, sono i più colpiti dal maltempo, ma per tutto l’anno le precipitazioni sono abbastanza diffuse.

Per raggiungere Bad Gogging in aereo si può atterrare all’aeroporto di Monaco di Baviera, che dista dalla cittadina un centinaio di chilometri ed è collegato a vari scali italiani, tra cui Milano Malpensa, Roma Fiumicino e Napoli Capodichino. Una volta atterrati si può proseguire coi mezzi pubblici o si può noleggiare un’auto, percorrendo l’autostrada A9 e A93.

loading...
close