Cerca Hotel al miglior prezzo

Ingolstadt (Germania): la cittą dell'auto in Baviera

Ingolstadt, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Anche al di fuori della Germania basta pronunciare il nome Ingolstadt e a molti viene immediatamente in mente l'Audi: qui infatti, si trovano sia il quartier generale che gli stabilimenti della celebre casa automobilistica tedesca.

Ingolstadt però è anche molto altro: la vivacità culturale e la ricchezza di monumenti sono quelle tipiche delle grandi città, come dimostrano i suoi quasi 130.000 abitanti, che ne fanno la sesta località più popolosa della Baviera, mentre le atmosfere che si respirano per le strade del centro, però, sono quelle ospitali e incantate dei paesi più piccoli, immersi nella natura e resi ancora più affascinanti dalla montagna.

Queste sono le due anime che pulsano nel cuore di Ingolstadt, città extracircondariale tedesca nel Land della Baviera, appollaiata lungo le rive del Danubio. Le pietre dei palazzi, disposte con maestria a raccontare la storia della città, contrastano dolcemente con il verde brillante del territorio circostante che affascina gli amanti della natura.

Cosa vedere ad Ingolstadt

Sono sempre due anche i simboli immortali del centro: il primo è la Kreuztor, antica porta della città risalente al 1385, costruita in mattoni rossi, che con le sue torrette appuntite emana un indiscusso fascino medievale.
L'altro notevole edificio è senza dubbio la splendida Cattedrale Liebfrauenmünster, iniziata nel lontano 1425 e portata a termine soltanto nel 1504. È certamente una delle chiese gotiche più eleganti e imponenti di tutta la Germania meridionale, costituita da una massiccia struttura in laterizio affiancata da due torri incompiute di dimensioni impressionanti.

Meno imponente, ma altrettanto affascinante, è la Chiesa di Santa Maria de Victoria (Asamkirche Maria de Victoria), situata nel centro storico, priva di torri e dall’aspetto esterno piuttosto semplice. Gli occhi più attenti, in realtà, noteranno che siamo di fronte a una vera perla del rococò bavarese, assolutamente imperdibile se si decide di esplorare il cuore di Ingolstadt. Nel 1732 Cosman Damian Asam, da cui il soprannome di “Asamkirche” con cui si indica familiarmente la chiesa, apportò alcune modifiche alla costruzione e abbellì la volta interna della sala con un enorme, sorprendente affresco. Si tratta di un capolavoro barocco, con un soffitto a trompe l'oeil di 490 m² che lo rendono il più grande affresco al mondo su una superficie piana.

Tra gli edifici civili spicca invece il palazzo del Vecchio Municipio, l’Altes Rathaus, iniziato nel XVI secolo, ma modificato nel corso dell’Ottocento secondo le linee rinascimentali. Sul lato occidentale c’è un porticato che conduce a una chiesa. Dopo aver ammirato con i propri occhi le bellezze del tessuto urbano, ci si può affidare ai numerosi musei cittadini per completare una panoramica storica di Ingolstadt.

L'Audi Forum, Frankestein e i musei di Ingolstadt

Non mancano le gallerie e le esposizioni tematiche, perfette per conoscer le tradizioni del posto e la cultura tedesca: tra le più importanti spicca il Lechner Museum, dedicato a uno dei maggiori scultori del XX secolo, celebre per le sue creazioni in acciaio; da non perdere, inoltre, il Museo dell’Arte Concreta (Museum fur Konkrete Kunst), allestito in un palazzo dall’architettura splendida e costituito da numerose opere pittoriche, spesso accompagnate da concerti musicali, conferenze e giornate dedicate alla poesia.

Molti turisti scelgono di raggiungere la periferia cittadina per vedere con i propri occhi l'impressionante "casa" dell'Audi: non solo gli stabilimenti di produzione, ma anche il moderno Audi Forum, inaugurato nel 2000.
Il complesso ospita l'Audi museum mobile, un centro clienti, sale riunioni, ristoranti, mostre temporanee e anche un programma cinematografico; è ormai uno dei principali luoghi d'interesse turistico di Ingolstadt, tanto da accogliere circa 400.000 visitatori.
Il museo vero e proprio si sviluppa in un edificio di vetro e acciaio su tre piani ed ospita vetture e moto che hanno fatto la storia della casa automobilistica, fin dal 1899. È possibile anche partecipare a visite guidate agli stabilimenti (della durata di circa 2 h) che spiegano il processo produttivo completo di un'automobile.

Forse non tutti sanno che la storia di Frankestein, il celebre romanzo pubblicato nel 1818 da Mary Shelley, è ambientato a Ingolstadt.
Per quale ragione?, vi chiederete. La Facoltà di Medicina della locale università era già a quei tempi molto famosa. Nell'Alte Anatomie (la vecchia sala di anatomia) i dottori e i loro studenti erano soliti compiere esperimenti sui cadaveri, e non è difficile immaginare come l'idea abbia potuto evolversi nella fantasia di chi ha inventato Franketein. Oggi l'Alte Anatomie ospita l'interessante Deutsches Medizinhistorisches Museum (Museo Tedesco di Storia della Medicina), che racconta la storia medica attraverso vecchi strumenti, antiche tecniche e veri corpi umani esposti. È importante sapere che il tutto può risultare un po' impressionante, per cui valutate bene quale sia il vostro limite di sensibilità prima di entrare,

Il Danubio e i suoi parchi

Chi non si accontenta di arte e cultura può avventurarsi alla scoperta del paesaggio circostante, ad esempio visitando il Klenzepark e le rive del Danubio, raggiungibile tramite un ponte situato sul Danubio vicino al Nuovo Castello (Neues Schloss), famoso per le fortificazioni erette per volere di Leon von Klenze, l’incantevole lungofiume e il romantico giardino delle rose. Il castello ospita il Bayerisches Armeemuseum (Museo Militare Bavarese), che espone armi antiche e racconta la storia di numerose battaglie. Un'altra ala del museo è ospitata nel Reduit Tily, oltre il fiume, nel Klenzepark, ma l'intero complesso culturale è composto anche dal Museo della Polizia (Bayerisches Polizeimuseum), appena 200 metri ad ovest, nello stesso parco.

Per chi volesse esplorare anche i dintorni della città, è bene sapere che Ingolstadt è immersa nel Parco Naturale della Valle dell’Altmuhl, nato oltre 30 anni fa per proteggere uno degli scenari più belli della Germania: si tratta di un'enorme area di circa 3000 km2 caratterizzata da pendici rocciose ricoperte di alberi secolari, picchi dolomitici, antiche fortezze e rovine che si possono scoprire a piedi, in bicicletta o in battello.

Clima e quando andare

A favorire il contatto con la natura c’è un clima estivo fantastico, caratterizzato da giornate splendenti e fresche, con temperature piuttosto basse che consentono di muoversi senza soffrire l’afa: nei mesi più caldi, luglio e agosto, le temperature medie vanno infatti da una minima di 12°C a una massima di 23°C.
In inverno i valori si fanno ancora più rigidi, rendendo speciale l’atmosfera delle feste natalizie, talvolta rallegrate dalla neve: in gennaio i valori medi variano tra i -5°C e i 2°C.
Le precipitazioni si distribuiscono in modo piuttosto uniforme nel corso dell’anno: piove infatti in media dai dodici ai sedici giorni al mese.

Eventi, sagre e manifestazioni

Un ultimo valido motivo per visitare Ingolstadt sono gli eventi culturali o tradizionali che si organizzano in ogni stagione. Importantissimo e sentito è il Bürgerfest, che in luglio trasforma il centro cittadino in una vivace arena, con artisti di spicco provenienti da tutto il paese.
In autunno si svolgono invece le giornate del jazz, che da tanti anni ormai attraggono in città innumerevoli appassionati ed esponenti del genere.

In inverno si fa spazio la tradizione dei mercatini di Natale tedeschi: il mercatino di Natale (Christkindlmarkt), allestito nel periodo delle feste sulla Piazza del Teatro, pervaso dal profumo di mele al forno e dolciumi tipici. Nello stesso periodo in ogni chiesa di Ingolstadt si possono ammirare i bellissimi presepi.

Come arrivare a Ingolstadt

Raggiungere Ingolstadt non è difficile: chi deve prendere l’aereo si può servire dell’aeroporto di Monaco, a circa 65 km, e quello di Norimberga, a circa 100 km.
Ingolstadt è collegata, dal 2006, con una linea ferroviaria ad alta velocità a Norimberga, ma i collegamenti sono eccellenti anche con tutte le altre località nei dintorni e con le grandi città come Monaco di Baviera.
Per chi si muove con i mezzi pubblici ricordiamo che diversi autobus (i n°10-11-18) collegano il centro con la stazione (Hauptbahnhof).
Chi sceglie l’auto, invece, può raggiungere la meta tramita l’autostrada A9.
  •  

News più lette