Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Birmingham

Birmingham (UK), tra canali, universitą e grandiosi edifici

Pagina 1/2

Birmingham (o più semplicemente Brum, come la chiamano i suoi abitanti) è costellata di canali (sono più numerosi di quelli di Venezia) che percorrono la città e corrono tra le vie del centro, e lungo le pareti dei moderni edifici. Birmingham è anche il mix di locali, concerti, boutique alla moda che si susseguono nelle sue strade. Siamo ovviamente in Inghilterra, nella contea del West Midlands, e Birmingham con i suoi 1.100.000 abitanti è la seconda città più popolosa del paese.

La fortuna di Birmingham risale all'epoca della rivoluzione industriale, quando da affermato centro internazionale di commerci si trasformò in uno dei poli dell’industrializzazione. Alla ricchezza accumulata tra l'Ottocento e gran parte del XX secolo, si affiancò però una pessima pianificazione urbanistica; l'immagine di Birmingham rimase dunque compromessa fino a pochi decenni fa, quando venne deciso di riqualificare la città investendo ingenti risorse soprattutto per rendere più attraente il centro e la zona del Bullring con la costruzione di nuove piazze, il restauro di strade storiche e più in generale una trasformazione anche culturale, il cui valore si riflette nei dischi che ricoprono la sinuosa struttura del Selfridges Building, costata oltre 60 milioni di sterline, l'emblema di questo rinnovamento.

Oggi Birmigham è una città moderna e cosmopolita dominata da edifici avveniristici che si mescolano ai resti di un passato secolare. Tutto questo insieme all’intensa vita commerciale e alla ricchezza di locali ed eventi fanno di questa città un il luogo ideale per un viaggio intenso.
Grazie alla recente trasformazione urbanistica, la visita si traduce in un’esperienza visiva che può essere provata passeggiando per le sue vie, lungo i canali e nelle piazze sullo sfondo dei classici mattoni rossi delle case a schiera, tipiche dell’epoca vittoriana.

Gli edifici più antichi di Birmingham sono dell’epoca medioevale e sono la chiesa parrocchiale di St.Martin, risalente al XII secolo, e alcuni pub: l’Old Crown a Digbeth, il Saracen' Head (XV secolo) e l’Old Grammar School a King Norton.

Tutti gli altri edifici sono stati costruiti a partire dal XVIII secolo. Fra questi quelli di maggiore interesse sono certamente la neoclassica cattedrale di San Filippo (Cathedral Church of St. Philip), la chiesa di San Paolo (St Paul's Church, dove pregava James Watt, l'inventore della macchina a vapore) e in particolare la Town Hall, che sorge su Victoria Square: si tratta dell'ex Sala delle Corporazioni risalente al 1834. Oggi ospita spettacoli teatrali e concerti.

L'edificio della Council House si trova anch'esso su Victoria Square, la piazza centrale ristrutturata negli anni Novanta: con i lavori venne aggiunta una fontana dove è visibile una scultura di Dhruva Mistry che raffigura un nudo femminile che i Brummies, gli abitanti di Birmingham, sono soliti chiamare scherzosamente The floozy in the Jacuzzi (la sgualdrina nella Jacuzzi).
Dietro alla Council House (il Palazzo del Consiglio) si trova l'interessante Birmingham Museum & Art Gallery, che ospita oggetti d'arte vittoriana, dipinti, antichi tesori ed è sede di mostre temporanee.

Il Museum of the Jewellery Quarter è invece stato creato per raccontare la storia della Smith & Pepper, una fabbrica di gioielli che ha chiuso i battenti nel 1981. Il museo si trova nel Jewellery Quarter, il “Quartiere dei Gioiellieri”, situato a nord della piazza principale. Dal lato opposto del centro, quindi a sud, oltre il Bullring, si può scoprire con un tour guidato il Birmingham Back to Backs, un insieme di vecchie case riportate in vita dopo il restauro e che si sviluppano attorno a cortile comune: le guide raccontano le storie dei tanti lavoratori che vi abitarono dal 1840 fino al 1970.

... Pagina 2/2 ... Birmingham è una città ricca di musei. Alcuni sono davvero stravaganti come il Sweet teeth dove è possibile sperimentare i piaceri del cioccolato o il Cadbury World, il paese delle meraviglie subacquee, nonché più grande acquario del paese. Il Birmingham Thinktank è il museo della scienza e della scoperta ed è pensato soprattutto per i bambini.
Presso la University of Birmingham, un po' fuori dal centro (4 km in direzione sud) si trova invece il Barber Institute of Fine Art, dove sono esposte opere di grandi artisti come Picasso, Rubens e Schiele. Per visitare questo museo ad ingresso libero occorre muoversi in autonomia, mentre chi si trova in città nella giornata giusta (le date variano di anno in anno, occorre chiedere informazioni presso i musei o l'ufficio turistico) può servirsi di un apposito autobus gratuito, l'Art Bus, in servizio tra un museo e l'altro.

Oltre agli aspetti culturali Birmingham offre numerose possibilità per fare acquisti. In città ci sono interi quartieri dedicati al commercio di un particolare prodotto, come il Jewellery Quarter, ed enormi centri commerciali come il Bullring – diviso tra East Mall e West Mall – e il Selfridges Building, che è ormai un simbolo cittadino.

Birmingham è ovviamente molto di più di quello che vi abbiamo raccontato: l'atmosfera è vivace e ci sono tante occasioni per entrare in contatto con la vita locale. La zona dei divertimenti notturni, ad esempio, è quella che si trova a sud della stazione di New Street, ma sono molti i locali che propongono serate e concerti in tutta la città. Birmingham è considerata anche una città gay-friendly e ospita anche l'evento annuale del Gay Pride a maggio. Il Birmingham Gay Village, un quartiere a forte vocazione LGBT si trova a fianco del Chinese Quarter e si concentra lungo Hurst Street.

Clima
Il clima di Birmingham non smentisce lo stereotipo che descrive l’Inghilterra come un paese freddo e piovoso. Anche se leggermente più temperato rispetto al clima della costa, le temperature in inverno oscillano fra i 5-10°C e raramente scendono sotto lo zero in modo significativo. In estate le temperature si attestano intorno ai 18°C. Le precipitazioni come da copione sono imprevedibili, quindi è sempre meglio avere un ombrello a portata di mano; nonostante sia sostenuta durante tutto l’anno, la piovosità risulta tendenzialmente maggiore nei mesi invernali.

Come arrivare
L’aeroporto internazionale di Birmingham (il Birmingham International Airport) è situato poco lontano dalla città (13 km ad est del centro). Un treno che impiega appena 20 minuti collega lo scalo al centro cittadino e viceversa (stazioni di New Street e Birmingham International). La stazione dell’aeroporto da dove parte il treno è raggiungibile con una navetta gratuita che si prende dal piano superiore.
Dal centro, per raggiungere l'aeroporto si può optare anche per l'autobus (linee 58 e 900 da Moor St Queensway).
Oltre all’aereo è possibile raggiungere la città con tutti gli altri mezzi. La città infatti si trova in una posizione geografica centrale nel paese che la rende un importante nodo sulla rete stradale e ferroviaria. Numerose compagnie di autobus collegano Birmingham alle principali città inglesi come Manchester, Londra, Nottingham e Oxford.
loading...
close