Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Alesund

Alesund (Aalesund), Norvegia. La cittÓ, i fiordi e le vette del Sunnm°re

Alesund è più piccola e meno turistica ma viene spesso paragonata a Bergen, che si trova 236 chilometri a sud, per alcuni scorci graziosi che effettivamente ricordano quelli del capoluogo dell’Hordaland. Incastonata su una stretta penisola a forma di uncino rivolta verso il mare, all’interno della contea di More og Romsdal, nella parte sud-occidentale del paese, Alesund è a misura di bambola: il suo centro è una vera e propria perla, un concentrato di edifici in Jugendstil decorati con torrette, guglie e doccioni, talmente stipati tra loro che oggi la maggior parte dei 15.000 abitanti non vive in centro, ma disseminata tra le vicine isole e penisole.

Dopo il devastante incendio del 23 gennaio 1904, che lasciò ben 10.000 cittadini senza un tetto sotto cui dormire, l’imperatore tedesco Guglielmo II si impegnò a spedire navi cariche di provviste e materiali da costruzione alla popolazione. Gli abitanti, a tempo di record, ricostruirono la loro città nel caratteristico stile Art Nouveau, arricchito da ornamenti e motivi della tradizione norvegese introdotti da un gruppo di giovani architetti norvegesi formatisi professionalmente in Germania. Oggi Alesund pullula di edifici incantevoli, la maggior parte dei quali si sussegue lungo Owregata, Kirkegata, Apotekergata, Lovenvoldgata e soprattutto Kongensgata.

Giunti ad Alesund non dovete fare altro che camminare con lo sguardo all'insù, per osservare le eccentriche architetture del centro. Percorrendo Borgundgavlen si arriva al Sunnmore Museum, leggermente decentrato rispetto alla maggior parte delle altre attrattive, che rappresenta il più importante museo della città. Inaugurato sul sito della vecchia stazione commerciale di Borgundkaupangen, attiva tra l’XI ed il XVI secolo, il complesso consta di una cinquantina di edifici antichi trasferiti qui da altre località norvegesi, contenenti una ricca collezione di oltre 40 imbarcazioni storiche, con tanto di ricostruzioni di navi vichinghe e un vascello mercantile dell’anno Mille. A fianco del Sunnmore Museum c’è il Middelaldermuseet, il “Museo del Medioevo”, che raccoglie decine di reperti rinvenuti nella zona dell’antica stazione commerciale, mentre dalla parte opposta della città c’è l’Alesunds Museum, un eterogeneo museo municipale incentrato sulla storia della caccia alla foca, della pesca, della navigazione, dell’industria e dell’incendio del 1904, nonché sull’occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale e sull’architettura della città. Affiliato al precedente è l’Alesund Fiskerimuseet, che ha sede nel vecchio magazzino Holmbua e ospita mostre sulla pesca attraverso i secoli.

Da non perdere il Jugendstil Senteret, un centro d’arte molto apprezzato da intenditori e non. Varcata la soglia di ingresso ci si imbatte nella “capsula” della Macchina del Tempo, che presenta il documentario intitolato “Dalle ceneri all’Art Nouveau”, incentrato sulla ricostruzione di Alesund dopo il tragico incendio del 1904. Il video è avvincente e ben realizzato. La sezione museale, che espone tessuti, ceramiche e mobili accuratamente selezionati, tutti rigorosamente in stile Art Nouveau, si trova all’interno e al di sopra di una farmacia restaurata, che ha mantenuto la stupenda scala a chiocciola originale e la sala da pranzo al primo piano. Molto bello è anche l’edificio accanto, l’antica sede della Banca di Norvegia, dove Kube, una moderna impresa culturale di Alesund, allestisce interessanti mostre temporanee dedicata all’architettura, all’arte e al design.

All’estremità occidentale della penisola, a circa 3 chilometri dal centro, si trova il Parco dell’Oceano Atlantico che, per essere visitato come merita, vi impegnerà almeno una mezza giornata. Questo parco tematico introduce i visitatori al mondo sottomarino dell’Atlantico settentrionale, enfatizzando l’incredibile ricchezza della flora e della fauna che lo popolano. Adulti e bambini resteranno a bocca aperta dinanzi alle “lumache”, alle conchiglie, alla sezione sugli animali marini più bizzarri e al gigantesco acquario da quattro milioni di litri d’acqua. Non perdete l'occasione di lanciare la lenza per catturare un granchio o dare da mangiare ai pesci della vasca tattile. Spettacolare è il pasto delle 13 che i sommozzatori "servono" ai grandi pesci oceanici.

Per ribaltare il punto di vista sulla città non c’è niente di meglio che concedersi un breve giro del porto in battello sulla Keiser Wilhelm, una motonave che, quattro volte al giorno, compie un giro completo del porto e degli scogli adiacenti in poco più di un’ora. Per una gita più suggestiva potete salire sul Borgundknarren, la copia di una nave commerciale vichinga che propone una crociera di un’ora con partenza dal Sunnmore Museum. Di tutt’altro genere sono gli scorci che si ammirano dalla cima della collina di Aksla, dove si trova il belvedere di Kniven, raggiungibile tramite una scalinata di 418 gradini. Un’escursione più impegnativa è quella che conduce al più ampio belvedere del monte Sukkertoppen (314 metri).

Tanti eventi e manifestazioni ogni anno animano Alesund, come il Big Band Festival di fine maggio - inizio giugno, il Batfestival, una settimana di eventi dedicati al mare e soprattutto alle imbarcazioni di lusso nella prima metà di luglio, e infine il Den Norske Matfestivalen, ovvero il “Festival del Cibo Norvegese”, che l’ultima settimana di agosto attira buongustai da tutta la contea.

Informazioni pratiche: quando andare e come arrivare a Alesund
A differenza del resto della Scandinavia, caratterizzato da inverni molto rigidi, il clima di Alesund e della zona dei fiordi occidentali è mitigato dal mare e presenta temperature più vivibili. In gennaio la media è di circa -4°C, ma già a partire da marzo le massime superano di qualche grado lo zero. Tra giugno e agosto il clima è piacevole, mite, ideale per una vacanza, con l’unica incognita della pioggia... che comunque interessa tutti i dodici mesi dell’anno.

Sulla vicina Isola di Vigra, collegata ad Alesund da un tunnel sottomarino, si trova un piccolo scalo aereo dal quale partono quotidianamente 3 voli per/da Bergen, 2 per/da Trondheim e fino a un massimo di 8 per/da Oslo, mentre almeno due volte alla settimana ci sono collegamenti da Alesund a London Gatwick. Un’efficiente rete di autobus a lunga percorrenza consente di muoversi comodamente e a prezzi abbordabili da Alesund verso le principali località turistiche norvegesi, mentre per spostarsi a Bergen si può prendere anche il battello espresso, che impiega circa 8 ore e mezzo per coprire lo spettacolare tratto di mare che separa le due città.
  •  
01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close