Cerca Hotel al miglior prezzo

Costa Tropical: vacanza sul litorale di Granada e La Herradura

Granada, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La Costa Tropical si stende per 103 km sul litorale, costellato di spiagge e cale dalle acque limpide e cristalline. Questa zona della provincia di Granada è lambita dalle tiepide acque del Mar Mediterraneo che, secoli addietro, fu solcato dalle più importanti civiltà occidentali. Grazie al suo microclima subtropicale, la temperatura media annua supera i venti gradi il che rende possibile la balneazione in tutto l'arco dell'anno. Inoltre, conta ben 320 giorni di sole all'anno.

Tali condizioni climatiche favorevoli hanno reso possibile la proliferazione, lungo le falde che digradano verso il mare, di colture tropicali quali mango, avocado, cerimolia o la papaia. L'intero territorio della Costa Tropical è costellato di torri e belvederi che, nel corso della dominazione araba, funsero da posti di vigilanza marittimi. Nell'arco degli ultimi decenni, si è sviluppato un turismo di qualità come testimonia l'ampia infrastruttura ricettiva di tutti i centri abitati, dell'itinerario. Una delle attrazioni principali della Costa Tropical è la pratica di sport nautici tra cui le immersioni e il parapendio.

La Herradura è un piccolo villaggio di pescatori posto in una baia fiancheggiata dalla collina Gordo e dalla punta della Mona. Nelle immediate vicinanze, si trova la spiaggia naturista di Cantarriján nonché il porticciolo di Marina del Este, uno dei più suggestivi del litorale andaluso. Almuñécar è il Comune più antico della zona meridionale di Granada come testimonia il Museo archeologico, ricavato nella grotta dei Siete Palacios e ove sono esposti reperti e suppellettili risalenti all'epoca fenicia, romana e araba. Il castello di San Miguel è una vecchia fortezza araba, ai cui piedi si adagia l'antico rione. Dal canto suo, il lungomare è sovrastato da una statua in bronzo di Abderramán I che, nell'anno 755, approdò sulla spiaggia di San Cristóbal. Il parco ornitologico e quello del Majuelo sono altrettanti luoghi d'interesse.

La strada N-340 che collega le estremità della Costa Tropical, è particolarmente tortuosa nel tratto che conduce a Salobreña, i cui gruppuscoli di case imbiancate a calce sono sparsi, qua e là, su un rilievo roccioso, coronato da una fortezza araba. I rioni più pittoreschi di Salobreña sono Albayzín, Brocal e Fuente. La chiesa di Nuestra Señora del Rosario, in stile mudéjar, accoglie immagini religiose dei secc. XVI e XVII. Dal canto loro, le spiagge esortano a un bel tuffo nelle sue tiepide acque.

Motril è la seconda città più popolosa della provincia. Conta venti chilometri di litorale e sette spiagge tra cui spicca quella di Poniente, cinta da un lungomare costellato di luoghi per lo svago, assiduamente frequentati sul far della sera. Vi fa spicco il santuario di Nuestra Señora de la Cabeza, eretto sull'antica residenza estiva della sultana Aixa, madre di Boabdil e ai cui piedi si stende il Parque de las Américas. Conta altresì la chiesa maggiore della Encarnación, in stile mudéjar, e la Casa de la Palma, odierno centro culturale comunale, capolavoro musulmano ove venne ricavato il primo museo preindustriale dello zucchero. Verso est, si trova Torrenueva che sorge su uno dei lati del capo di Sacratif. Carchuna e Calahonda sono due piccoli centri estivi nei pressi di Castell de Ferro, località sovrastata da un castello romano. Gli ultimi contrafforti della Sierra de la Contraviesa digradano verso il mare sotto forma di faraglioni. Castillo de Baños, La Mamola, Melicena e la Rábita sono, quattro piccoli centri marinari che conservano tuttora gli usi e i costumi del tempo che fu. In quest'ultimo centro, abbondano cale e piccole spiagge poco frequentate.

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 
  •  

 Pubblicato da - 23 Dicembre 2008 - Riproduzione vietata

close