Cerca Hotel al miglior prezzo

Puerto Montt in Cile, il punto di partenza della Carretera Austral

Puerto Montt, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il capoluogo della Regione di Los Lagos (Decima Regione) è Puerto Montt, città di oltre 220.000 abitanti che deve il proprio nome al presidente cileno Manuel Montt Torres (1809-1880). Pur non essendo splendida come altre località della zona, Puerto Montt è un punto di riferimento per tutti i turisti che abbiano intenzione di visitare il Cile meridionale, sia in quanto dotata delle maggiori infrastrutture e di tutti i servizi indispensabili ai viaggiatori, sia perchà da qui si può iniziare la strada più avventurosa e spettacolare del Cile, la mitica Carretera Austral, e visitare l'arcipelago di Chiloe. Puerto Montt, inoltre, è un centro nevralgico dei commerci della regione, una delle più ricche del paese a livello paesaggistico grazie alla presenza di imponenti vulcani, laghi cristallini, montagne e parchi nazionali: di fatto Puerto Montt è la porta d'accesso alla Patagonia Cilena.

Se arrivate infatti in una giornata limpida, noterete alle spalle della città alcune imponenti montagne coniche, ammantate di bianco: sono gli inconfondibili profili degli stratovulcani della regione. Il cono più perfetto e forse il più spettacolare è il vulcano Osorno, che raggiunge i 2.652 mettri di altitudine, e che rimane vicino alla località di Puerto Varas , la sua cima è prennemente ricoperta dalla neve. Più vicino a Puerto Montt troviamo il Volcan Calbuco, di 650 metri più basso e quindi ricoperto di neve solamente nella stagione invernale ed a primavera, più lontano il grande vulcano Puyehue, risvegliatosi nel 2011 e più ad est il profilo del grande Cerro Tronador, al confine con l'Argentina, un vulcano estinto che sfiora i 3.500 metri di altezza.

Melipulli, il primo insediamento sorto laddove oggi si trova Puerto Montt, fu fondato dalla popolazione indigena per via della sua posizione strategica, da cui si ha il controllo di un immenso fiordo riparato dalle tempeste del Pacifico. Tuttavia, la nascita della Puerto Montt che conosciamo è successiva, datata 12 febbraio 1853. All’epoca si decise di intitolare il neo-nato insediamento in nome dell’allora presidente del Cile Manuel Montt, eletto per due volte alla guida del paese tra il 1851 ed il 1861. Fin dai primi anni di vita, la città accrebbe le proprie dimensioni grazie soprattutto agli ingenti flussi migratori di cittadini di origine tedesca, che hanno impresso un carattere distintivo non solo a Puerto Montt, ma anche ad altre città della regione di Los Lagos.

Puerto Montt si trova 1.020 km a sud di Santiago del Cile lungo la Panamericana, che lambisce i margini settentrionali dell’insediamento proseguendo verso Chiloé. Il centro di Puerto Montt corrisponde ad una stretta strada terrazzata alle spalle della quale svettano irte montagne. Il lungolago Av Diego Portales diventa Av Angelmó nel tratto che prosegue a ovest verso il piccolo porto di Angelmó, presso il quale attraccano traghetti turistici e pescherecci. A est Av Soler Manfredini collega il centro alla località balneare di Pelluco, riportando il traffico sulla Carretera Austral.

Come detto in precedenza Puerto Montt non è certo una località particolarmente ricca di attrattive, ma in centro non mancano le cose da vedere e da fare. Anzitutto merita una visita la Iglesia Catedral, la chiesa costruita interamente in legno di alerce nel 1856 che si affaccia su Plaza de Armas; l’edificio è il più antico della città ed il più bello da un punto di vista strettamente architettonico. Per quanto concerne gli spazi espositivi, il Museo Juan Pablo II, in Av Diego Portales, è il punto di riferimento a livello locale, ed attira visitatori anche per la sua pregevole posizione sul lungolago. Al suo interno si trovano collezioni dedicate all’archeologia, alla storia naturale, all’urbanizzazione, alla religione ed alla tradizione marittima della regione, oltre ad alcuni cimeli particolari come i braccialetti della cantante Tilda Tibau ed uno dei primi esemplari di radio Telefunken.

Altrettanto affascinanti sono due gallerie d’arte di dimensioni ridotte: Sala Hardy Wistuba, al primo piano della Casa del Arte Diego Rivera, e Sala Pablo Neruda, proprio accanto al Museo Juan Pablo II. La prima, ospitata dall’edificio ultimato nel 1964 grazie ad una proficua collaborazione cileno-messicana, espone diverse opere sia di artisti cileni che stranieri ed è stata rinnovata di recente mediante l’introduzione di una boutique e di una caffetteria. Sala Pablo Neruda, invece, è teatro di quasi tutte le mostre dei migliori artisti della regione dei laghi e merita una visita non solo per conoscere gli stilemi artistici locali.

Se alla calma dei musei preferite il caos dei mercati locali immettetevi su Av Angelmó e proseguite in auto fino alle prime bancarelle che vendono manufatti artigianali e strampalati prodotti gastronomici. Questa zona di Puerto Montt, in particolare i dintorni del porto di pescatori di Angelmó, è permeata da un’atmosfera coinvolgente e pittoresca, enfatizzata dalla presenza di numerosi ristoranti di pesce dove gustare ottimi mitili affumicati, il celebre curanto e non solo. Da qui partono anche le imbarcazioni dirette all’Isla Tenglo, meta balneare piuttosto frequentata durante l’estate che si staglia a breve distanza al largo di Puerto Montt. Da Puerto Montt, seguendo la strada n°5 si arriva velocemente a Pargua, dove ci si può imbarcare per arrivare nella spettacolare isola di Ciloè., oppure seguendo la N° 7 di fatto si è introdotti nella Carretera Austral, che si chiuderà dopo 1.240 km, prevalentemente sterrati, nel cuore della Patagonia, a Villa O'Higgins.

Il clima è oceanico, caratterizzato da abbondanti precipitazioni che si intensificano d’inverno e temperature tendenzialmente miti per tutto l’anno. Il mese più freddo dell’anno è luglio, quando le temperature oscillano in media tra 10 e 3 gradi, quello più caldo gennaio, contraddistinto da valori compresi mediamente tra 20 e 10 gradi. Tra maggio e luglio l’intera regione è bagnata da piogge frequenti e abbondanti che lasciano un po’ di tregua solo da gennaio a marzo. Significativo è il dato relativo all’accumulo medio di pioggia nel corso di un anno, pari a quasi 1.800 mm.

Puerto Montt è il fulcro dei trasporti della regione. 16 km a ovest del centro si trova l’Aeropuerto El Tepual, collegato dalle compagnie aeree Sky Airlines, Air Comet, Patagonia Airlines e Aerocord a diverse località come Punta Arenas, Chaiten e naturalmente la capitale Santiago. Dal terminal degli autobus che si trova sul lungomare transitano ogni giorno minibus per Puerto Varas (25 minuti), Puerto Octay (2 ore) e Frutillar (1 ora), mentre autobus di dimensioni maggiori fanno la spola con Valparaiso, Vina del Mar e Bariloche, in Argentina. Puerto Montt, inoltre, è il porto principale da cui imbarcarsi alla volta della Patagonia: ci sono escursioni organizzati e vere e proprie crociere che vi possono condurre fino a Puerto Chacabuco e ad ammirare il famoso ghiacciaio San Rafael.
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close