Cerca Hotel al miglior prezzo

Joćo Pessoa (Brasile). Capitale della Paraiba, tra storia e spiagge

Joao Pessoa, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

João Pessoa, capitale del piccolo Stato della Paraiba, nel nord-est del Brasile, è una delle città più antiche della nazione, poiché venne fondata nel 1585 dai primi coloni portoghesi giunti nel cosiddetto Nuovo Mondo. La sua fama è dovuta in buona parte ad alcune caratteristiche che la rendono unica; è infatti la città più verde del Brasile (secondo un studio degli anni Novanta, risulterebbe la seconda città al mondo per numero di aree verdi per abitante, alle spalle di Parigi) ed in assoluto una delle più vivibili, come dimostra lo studio sulla qualità della vita dei suoi oltre settecentomila residenti, considerata tra le migliori dell'America Latina.
Se non bastasse la natura presente nel territorio urbano, si potrebbe sempre cercare il proprio angolo di relax nei 40 km di costa atlantica sui quali si affacciano alcune tra le più belle spiagge cittadine del Brasile; tra queste vi sono quelle di Tambau, Bessa, Manaira e Cabo Branco.

Tra i primati che João Pessoa può vantare c'è anche quello di ospitare, all'interno del proprio territorio comunale, il punto più orientale delle Americhe, ovvero la Ponta do Seixas: come ricordano orgogliosamente i suoi cittadini, il Sole sorge qui prima che in qualunque altro luogo d'America.
La fondazione della città servì soprattutto per fini amministrativi e commerciali delle colonie; il suo primo nome fu Povoação de Nossa Senhora das Neves, che venne ripetutamente cambiato nel corso degli anni fino al 1930, quando ricevette la denominazione attuale in onore dell'ex-presidente dello Stato della Paraiba.
La sua vicinanza alla città di Recife, il cui porto era decisamente più importante, causò uno sviluppo tardivo delle infrastrutture urbane; è soltanto a partire dal XX secolo – in particolare dagli anni Settanta in poi – che João Pessoa ha avuto una crescita urbana e commerciale importante, abbandonando quella fisionomia rurale che l'aveva contraddistinta in precedenza.

L'architettura di João Pessoa risente ovviamente del proprio passato coloniale, come nel caso del complesso barocco della Igreja de São Francisco e del Convento de Santo Antônio, o in altre antiche strutture religiose come il Colégio dos Jesuítas (costruito nel 1586 ed oggi Facoltà di Diritto dell'università, classificato come Patrimonio Storico Nazionale nel 1980), la Igreja da Misericórdia o il sobrio ed elegante Casarão dos Azulejos, ricoperto – come suggerisce il nome – dalle famose piastrelle di ceramica famose in tutto il mondo e fatte giungere appositamente dalla città di Porto.

Il sistema del centro storico cittadino si basa sulle numerose piazze che lo compongono; tra queste le più importanti sono la Praça João Pessoa, nota anche come Praça dos Três Poderes, che ospita edifici storici come il Tribunale di Giustizia, il Colégio dos Jesuítas (oggi Facoltà di Diritto), il Palácio da Redenção ed il palazzo dell'Assemblea Legislativa.
Proprio a fianco del Palácio da Redenção sorge la Praça Venâncio Neiva, riconvertita dal presidente João Pessoa in un luogo dallo stile fortemente britannico, con un padiglione centrale creato appositamente per il “té delle cinque”; è proprio per questa ragione che la piazza è conosciuta anche come Pavilhão do Chá (letteralmente: Padiglione del Té) ed è riconosciuta come Patrimonio Storico Nazionale.

Nella Praça Pedro Américo si trovano invece edifici pubblici come il palazzo delle Poste ed il Teatro Santa Roza – costruito sul finire del XIX secolo con uno stile che ricorda da vicino il barocco italiano – oltre ad alcuni esemplari di alberi secolari.
Tra gli edifici più famosi della città si annovera anche la Casa da Pólvora, eretta nel Settecento come magazzino per la polvere da sparo della guarnigione militare ed oggi convertita in museo storico locale.

Ai tanti piccoli musei di João Pessoa (si ricordano, tra gli altri, il Museu Oceanográfico de Cabedelo, la Casa do Artista Popular, il memoriale di Augusto dos Anjos, la cripta di Epitacio Pessoa, laCasa de José Américo e la Fortaleza de Santa Catarina do Cabedelo) si sommano i numerosi scorci del Centro Histórico con i suoi vicoli, le scalinate e le piazze, mentre molti cittadini e turisti amano semplicemente camminare fino al faro per apprezzare la pace della natura circostante e la vista spettacolare sull'Oceano Atlantico.

La costa della Paraíba, come si diceva in apertura, è forse una delle più belle del Brasile nord-orientale; mentre le spiagge di João Pessoa sono attrezzate con i servizi essenziali e sono frequentate da ogni genere di persona – dagli abitanti locali ai surfisti, dai turisti europei a quelli brasiliani – altre più lontane dalla capitale possiedono un proprio fascino selvaggio. Farne un elenco completo sarebbe qui impossibile, ma possiamo ricordare le spiagge urbane e quelle più prossime alla città, in ordine da nord a sud, come le celebri Manaíra, Tambaú, Cabo Branco, Ponta do Seixas e Penha.
Nella zona del litorale sud si trovano le spiagge di Arraial, Camurupim, Sol e Gramame, meno frequentate dai turisti ed amate soprattutto dalla gente del posto; procedendo in direzione sud ed oltrepassando lo scempio edilizio della spiaggia di Jacumã, si giunge a Tambaba, prima spiaggia del nord-est brasiliano ad essere dichiarata ufficialmente Riserva Naturista.

Non ci sono dubbi sul fatto che João Pessoa stia diventando sempre più una località in grado di attrarre visitatori da tutto il mondo, anche se parallelamente sta divenendo una città via via più cara (nonostante in bassa stagione, accontentandosi di una sistemazione semplice, sia possibile contenere le spese). Si tenga presente, a tal proposito, che nel periodo delle vacanze locali – indicativamente tra dicembre e febbraio – i prezzi tendono ad aumentare sensibilmente, così come in occasione del Carnevale, quando possono addirittura triplicare.

João Pessoa è servita dall'Aeroporto Internacional Presidente Castro Pinto, che si trova a 13 km dal centro, e dal porto situato nella località di Cabedelo, immediatamente a nord della città. Il sistema stradale brasiliano consente spostamenti comodi da/per João Pessoa, sia in auto che in autobus tra una città e l'altra; la seconda città della Paraíba, Campina Grande, dista circa 130 km in direzione ovest, mentre la metropoli di Recife, nel vicino stato di Pernambuco, si trova circa 120 km più a sud lungo la costa.
  •  

News più lette

close