Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Barahona

Barahona: in vacanza sulle spiagge selvagge ad ovest di Santo Domingo

Pagina 1/2

Che i Caraibi siano un paradiso in Terra lo sanno tutti, ma la zona di Barahona ha qualcosa di ancor più speciale. Siamo nella parte sud-occidentale della Repubblica Domenicana, verso la punta meridionale di Hispaniola, sul Mar dei Caraibi: qui ad ovest di Santo Domingo mare e montagne danno vita a uno scenario selvaggio, fatto di contrasti drammatici e esaltanti. Deserto, foresta, sorgenti termali, spiagge incontaminate e le sponde di tre laghi (Enriquillo, Oviedo e Rincon) rappresentano habitat e microclimi diversi, popolati da una fauna variopinta che comprende fenicotteri, iguane e coccodrilli.

Barahona, o per meglio dire Santa Cruz de Barahona, si affaccia sulla baia di Neiba. Non è solo un bello scorcio da cartolina: nell'ultimo periodo ha conosciuto un'attenta valorizzazione del turismo sostenibile, e si può dire che Barahona sia ormai una delle principali destinazioni turistiche dei Caraibi, protagonista di uno sviluppo sociale, economico e culturale. Pochi luoghi al mondo offrono una natura così dirompente e, allo stesso tempo, infrastrutture efficienti (porti, aeroporti e autostrade) e strutture ricettive impeccabili, con progetti di rilievo internazionale per il futuro. Senza dimenticare l'eccezionale biodiversità dell'isola, la varietà culturale e gastronomica e la ricchezza della riserva naturale della biosfera Jaragua - Bahoruco - Enriquillo.

Santa Cruz de Barahona è circondata da alte montagne che superano i 1.500 m: sono i rilievi della Sierra de Bahoruco, che si estendono verso occidente fino a raggiungere lo stato di Haiti. I rilevi digradano rapidamente verso il mare e la costa si apre in spiagge incantevoli, mentre a nord di Santa Cruz il paesaggio si appiattisce improvvisamente, con una vasta piana alluvionale dominata dal Lago del Rincon.

Le spiagge più belle si incontrano muovendosi da Santa Cruz di Barahona verso sud, seguendo la strada N°. 44 per Oviedo-Pedernales. La vicinanza delle montagne fa sì che le coste siano spesso ciottolose, e non bianche e sabbiose come vuole il classico immaginario sui Caraibi, ma le pendici ricoperte di bosco alle spalle della spiaggia sono decisamente intriganti. A pochi chilometri da Santa Cruz si trova Playa el Quemaito. Scendendo ulteriormente si arriva a Playa San Rafael. E' molto ampia, con zone ciottolose ma un fondale sabbioso e soffice, e le montagne incombono a pochi metri dal mare: basta muovere pochi passi verso l'entroterra e ci si può godere il getto fresco di una serie di cascate.

Altre spiagge imperdibili sono quelle di Saladillas, Bahoruco, la Bahia de las Aguilas e Los Patos. Presso la foce del rio Los Patos la spiagga è selvaggia e spettacolare, ancora una volta formata più che altro da ciottoli, e le montagne lasciano spazio a una minuscola pianura dove il rio disegna alcune anse prima di sfociare in mare. Vale la pena di fermarsi per qualche giorno ad assaporare la bellezza della playa, ad esempio alloggiando al vicino villaggio Paraiso.

Proseguendo verso sud la costa di Barahona incontra la tranquilla cittadina di Enriquillo, vicinissima alla bella Playa Caiman, mentre circa 5 km più avanti, in direzione di Oviedo, si trova la zona di Bahia Regalada, con una costa frastagliata, mare cristallino e pochissimi turisti. La Laguna de Oviedo, a sud di Barahona, fa parte del Parco Nazionale Jaragua, dove potrete incontrare molte specie di uccelli ma soprattutto un gran numero di iguane.

Gli altri parchi Nazionali intorno a Barahona sono il Parque Nacional la Gran Sabana, il Parque Nacional Sierra de Bahoruco e il Parque Nacional Lago Enriquillo, famoso per le sue importanti zone umide ipersaline, e dove potete ammirare i fenicotteri, aironi e vari tipi di anatre.
... Pagina 2/2 ...
In vacanza a Barahona si possono praticare sport di tutti i tipi, dal wind surf al bike trekking fino alla vela: non mancano scuole per i principianti e strutture apposite in cui noleggiare l'attrezzatura necessaria. I sentieri sono innumerevoli: si addentrano tra le montagne, guadano torrenti, attraversano infinite spianate costiere, e possono essere percorsi a piedi o a cavallo, in autonomia o in compagnia di una guida. Esistono anche tour a tema, come la strada del caffé o quella dello zucchero, che oltre ad attraversare scenari emozionanti regalano uno spaccato della vita e della cultura locali.

A fine giornata, poi, dopo le attività all'aria aperta, ci si può finalmente concedere un po' di relax nei tanti centri benessere disseminati sull'isola, presenti in tutte le strutture ricettive. A proposito: alloggiare a Barahona significa dormire nella foresta o sulla spiaggia, in suggestive capanne o accoglienti appartamenti, e respirare un'atmosfera eccezionale di purezza e essenzialità. L'ospitalità e la buona cucina sono i fiori all'occhiello dell'offerta turistica.

Il meteo e clima di Barahona non è molto dissimile da quello della capitale Santo Domingo, e cioè vede un semestre sostanzialmente umido, da maggio ed ottobre, seguito da un periodo secco e ventilato che va mediamente da novembre ad aprile. Durante la stagione più piovosa, in estate, il tasso di umidità può risultare piuttosto elevato, quindi afa e nuvole che possono diventare un po' opprimenti. Le massime si posizionano intorno ai 31-33 °C, minime sui 22-24 °C e scrosci di pioggia anche intensi. Più rare le tempeste tropicali e i passaggi di Uragani. L'acqua del mare si assesta comunque su gradevolissimi valori di circa 29°C.
In inverno le temp scendono a valori di 29-30 °C come massime, mentre con l'aria più secca le temperature scendono di notte sotto ai 20°C.piove molto meno, mediamente 50-60 mm mese contro i 150-200 mm del sesmestre estivo, e la tempuratura delle acque scende a valaori minimi di 26 °C comunque gradevoli.

Per arrivare nella regione di Barahona si può volare fino all'aeroporto internazionale Maria Montez, che prende il nome dalla celebre attrice che ebbe i natali da queste parti. Il volo da Santo Domingo dura meno di 30 minuti. In automobile i tempi si dilatano (2 ore e 30 di autostrada dalla capitale a Barahona), ma la fatica del viaggio è ripagata dal susseguirsi di paesaggi incantevoli lungo il percorso. In alternativa si può arrivare a Santa Cruz de Barahona via mare con un percorso di circa 90 miglia da Santo Domingo.


close