Cerca Hotel al miglior prezzo

San Juan, guida di viaggio alla capitale del Porto Rico

Pagina 1/2

Edificata a partire dal 1521, San Juan (La Ciudad Amurallada) è la seconda città fondata dagli europei nelle Americhe dopo Santo Domingo, nonché la più antica sotto la giurisdizione statunitense. Su un’isoletta che controlla l’ingresso al porto di San Juan sorge l’affascinante Old San Juan (Viejo San ​Juan), in cui si fondono autenticità storica, moderna e vibrante energia, suoni surreali e visioni esotiche, con il ritmo cadenzato della salsa nella vivace San Sebastian, i timidi gatti che corrono sotto le lanterne scintillanti di Plaza de San José e lo sciabordio continuo delle onde dell’Atlantico che si infrangono contro le fondamenta delle fortificazioni cinquecentesche di El Morro che rendono particolarmente suggestiva questa parte della città. Ma, tra le sue mura spesse anche 3 metri, San Juan racchiude molto di più di straordinari edifici coloniali ben conservati; per conoscere al meglio l’imprevedibile capitale, i viaggiatori dovrebbero anzitutto visitare tutti i suoi sobborghi, in continua evoluzione, il tranquillo Ocean Park, con le sue ville eleganti ed i B&B in posizione strategica, e la ricercata Isla Verde, piena di lussuosi resort e luccicanti casinò.

Poco si sa delle popolazioni autoctone della zona. Dai ritrovamenti archeologici pare che i primi abitanti siano giunti dalla Florida su zattere di legno nel I secolo d.C., anche se già nel IV secolo furono soppiantati da un popolo appartenente al gruppo etnico degli Arawak che giunsero dal bacino dell’Orinoco attraverso le Piccole Antille. Trecento anni dopo un altro gruppo di Arawak, i Tainos, sbarcarono sull’isola, che essi chiamarono Borinquen, e vi fondarono una società con una sofisticata organizzazione sociale e mercantile. Durante il XIV e XV secolo i Tainos subirono duri attacchi dal mare da parte dei Caribi, che li costrinsero a volte a ritirarsi dalle coste. Fu forse il timore dei Caribi che spinse il capo dei Tainos ad accogliere come un amico Juan Ponce de Leon, il colonizzatore spagnolo che, a partire dal 1508, colonizzò l’isola alla ricerca dell’oro spazzando praticamente via i suoi vecchi abitanti. Dopo quasi 400 anni di dominio da parte del governo di Madrid, grazie alla sconfitta della Spagna nella guerra ispano-americana del 1898, Puerto Rico si liberò dal giogo dell’impero iberico, anche se solo per cadere nelle mani degli Stati Uniti, prima sotto un regime militare, poi sotto un governatore civile. Solo nel 1948 il congresso americano approvò una legge che garantiva a Puerto Rico e alla sua capitale un governo autonomo.

La maggior parte delle attrattive turistiche di San Juan, compresi i musei e le gallerie d’arte, si trova in Old San Juan, il colorato caleidoscopio di vita, musica, storia e leggenda che si distinguerebbe in qualsiasi posto al mondo. Tra gli edifici simbolo della Viejo San Juan c’è la Casa Blanca, costruita nel 1521 come residenza del primo governatore di Porto Rico, Juan Ponce de Leon, ed attualmente monumento storico e museo, abbellito tra l’altro da bei giardini, diverse fontane ed un cortile interno nello stile di quello dell’Alhambra di Granada, in Spagna. Notevolmente più piccola e più austera, ma comunque da non perdere, la Catedral de San Juan è caratterizzata da linee semplici ed eleganti. Tra i motivi di interesse della cattedrale c’è anche la tomba in marmo di Ponce de Leon ed il corpo del martire San Pio, esposto all’interno della fabbrica in una teca di vetro.

L’emblema del passato coloniale di San Juan è il Fuerte San Felipe del Morro, una fortificazione realizzata su sei livelli, con un faro turrito in pietra grigia chiamato El Morro che si erge imponente sugli audaci promontori di Old San Juan. Le mura, alcune delle quali spesse fino a 5 metri, risalgono al 1539, tanto che El Morro è considerato il forte spagnolo più antico del Nuovo Mondo. Il secondo grande avamposto fortificato di San Juan è il Fuerte San Cristobal, uno degli edifici militari più grandi tra quelli eretti dagli spagnoli nelle Americhe. Inizialmente, San Cristobal si estendeva su una superficie di 11 ettari, con un labirinto di sei fortificazioni poste a protezione di un nucleo centrale di mura lunghe 50 metri, fossati, ponti levatoi e gallerie. Il monumento è diventato un sito storico nazionale nel 1949 e l’UNESCO lo ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1983.

Sempre in centro si possono ammirare anche: l’Iglesia de San José, situata in Plaza de San José, che è il secondo edificio religioso più antico delle Americhe dopo la cattedrale di Santo Domingo; La Fortaleza, conosciuta anche con il nome di El Palacio de Santa Catalina, che è il più antico palazzo amministrativo ancora in funzione essendo risalente al 1533; il Paseo de la Princesa, un viale del XIX secolo situato appena fuori le mura presso il quale compiere una romantica passeggiata che termina all’altezza della magnifica Fontana Raices; e la Puerta de San Juan, che da accesso ad una galleria nelle mura e che segna il punto conclusivo del Paseo de la Princesa.
... Pagina 2/2 ...
Per quanto riguarda l’aspetto museale, tra le visite più interessanti di San Juan ricordiamo il Museo de las Americas ed il Museo de San Juan, sempre all’interno della città vecchia, ed il Museo de Arte de Puerto Rico. Il primo, ospitato da un edificio costruito nel 1854 come caserma militare, mostra un’eccellente panoramica sullo sviluppo culturale del Nuovo Mondo, mentre il Museo de San Juan, situato in un edificio coloniale spagnolo che domina l’oceano da Calle Norzagaray, offre uno spaccato dei 500 anni di storia della città. Il Museo de Arte de Puerto Rico, invece, è uno dei musei più grandi e interessanti dei Caraibi e, pur trovandosi al di fuori del centro nel quartiere di Santurce, attira ogni anno decide di migliaia di turisti.

San Juan offre alcune delle spiagge comunali più belle dell’isola. Partendo da un chilometro a est di Old San Juan, se ne alternano di tutti i generi, da quella più rustica a quella più alla moda, il tutto nello spazio di 12 chilometri. Il Balneario Escambron è una spiaggia di sabbia in pendenza e riparata a forma di arco che offre buone opportunità agli appassionati di surf, un ambiente piuttosto vivace ed una fortificazione spagnola del XVII secolo, la cui mole scintille in lontananza. Circondate dagli alti edifici degli alberghi e punteggiate da affioramenti rocciosi, le spiagge di Condado sono caratterizzate da grande animazione, rumorose partite di pallavolo e dal fragore delle onde dell’Oceano, mentre i frequentatori entusiasti dei resort vi diranno che Playa Isla Verde è il paradiso di Puerto Rico, nonostante i turisti più astuti prediligano recarsi sulla deserta e splendida spiaggia di Ocean Park.

Il periodo migliore per visitare San Juan va da metà dicembre a fine aprile. In questa stagione il clima è ideale, con molto sole, ma non troppo caldo, e praticamente nessuna probabilità di imbattersi in un uragano, anche se l’affollamento è molto ed i prezzi sono piuttosto salati. Da evitare il periodo degli uragani, che va da giugno a ottobre, mentre gli altri mesi possono comunque essere gradevoli con temperature che non scendono mai sotto i 16/17 gradi.

I voli internazionali fanno scalo all’Aeropuerto Internacional de Luis Munoz Marin (LMM) di San Juan, situato circa 13 chilometri a est del centro storico. Non esiste un sistema di autobus che serva tutta l’isola, così che il principale mezzo di trasporto pubblico di Puerto Rico sono i publicos, ovvero i “taxi collettivi”, che forniscono collegamenti economici tra San Juan e altre località dell’isola, tra cui Ponce e Mayaguez. L’Autoridad Metropolitana de Autobuses gestisce invece il terminal principale degli autobus a Old San Juan, vicino ai moli dove attraccano le navi da crociera, mentre il mezzo di trasporto più moderno e efficiente è il Tren Urbano, che collega Bayamon al centro di San ​Juan raggiungendo anche Sagrado Corazon, a sud di Santurce.
loading...
close