Cerca Hotel al miglior prezzo

Saint Paul (St. Paul): viaggio nella capitale del Minnesota

Saint Paul, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

  • Minnesota State Capitol
Nel bel mezzo del North Star State, lo “Stato della Stella Polare”, circondata da centinaia di laghi ed attraversata dal più grande fiume degli Stati Uniti, sorge Saint Paul, la capitale del Minnesota, di cui è anche la seconda città più popolosa coi suoi 270.000 abitanti. L’insediamento è situato nel sud-est dello stato, all’interno della contea di Ramsey, attraversato dal 45° parallelo nord, ricordato da una stele di pietra nell’esatto punto di passaggio.

St. Paul, insieme a Minneapolis, è conosciuta come una delle due “Twin Cities”, le città gemelle, sorte specularmente sulle sponde opposte del più grande fiume degli USA, il Mississippi. Fin dalla fondazione il motto della città fu “Where Goodness Inspire Greatness”, ovvero "Dove la qualità ispira la grandezza", un monito riscontrabile passeggiando per le strade del centro, dove ai grattacieli ed ai palazzi di nuova generazione sono stati preferiti, ristrutturandoli e mantenendoli come protagonisti all’interno dello scacchiere urbanistico, meravigliosi edifici costruiti secondo gli stili tradizionali dell’epoca nella seconda metà dell’Ottocento.

La storia di St. Paul ha inizio nel 1819, anno in cui fu avviata la costruzione di Fort Snelling, da cui, negli anni seguenti, cominciarono a diramarsi strade, mulini, campi coltivati, tali da generare in breve tempo un primo piccolo insediamento di modeste dimensioni, ma commercialmente molto attivo, sede di traffici tra indiani e mercanti di pellicce. Le dimensioni del nucleo urbano crebbero rapidamente sotto l’impulso dell’immigrazione dalle fallite colonie canadesi, così da ottenere nel 1849 il titolo di capitale del nuovo territorio del Minnesota, ammesso ufficialmente nell’Unione come trentaduesimo stato solo nove anni dopo, nel 1858. Negli decenni seguenti i traffici commerciali crebbero a dismisura, favoriti dalla creazione della rete ferroviaria che andò progressivamente a sostituirsi alle precedenti rotte dei battelli fluviali, sostenendo un’economia tra le più floride del periodo.

La città è suddivisibile in 15 quartieri ben definiti e fortemente caratterizzati, dalle tinte forti, tanto da ricevere la scherzosa definizione di “quindici piccole città con un solo sindaco”, ognuno dei quali per certi versi merita di essere visto. Uno degli edifici di maggior valore artistico è il Minnesota State Capitol, il Campidoglio del Minnesota, un edificio sede dal 1905 delle più alte cariche governative statali, funzionalmente preceduto prima, da un palazzo risalente al 1853 ma andato distrutto in un incendio nel 1881, poi, da una reggia in stile vittoriano in mattoni rossi, bella ma poco funzionale e di conseguenza abbattuta dopo pochi anni dopo la nascita. La struttura è sormontata da una cupola, quasi interamente realizzata in marmo bianco proveniente dalla Georgia, e sono molti i dettagli e le finiture pregiate a cui hanno lavorato fior fiore di scultori. L’altra costruzione di maggior spessore è la Cathedral of Saint Paul, ultimata nel 1905 dall’architetto francese Emmanuel Masqueray agli ordini dell’arcivescovo John Ireland. Il materiale scelto per buona parte della cattedrale fu il granito, prelevato direttamente da Saint Cloud, presso la collina di Summit Hill, mentre le linee della facciata esterna, inquadrata da torri laterali, ricalcano quelle proprie dello stile neo-rinascimentale, con una terminazione a cupola posta a 93 metri di altezza. La pianta dell’interno è a croce greca, illuminata da venti finestre poste alla base della cupola, realizzabili solo grazie all’ingegnoso artifizio strutturale di far gravare l’enorme peso della struttura su quattro cosiddetti “pennacchi” posti ai quattro spigoli del quadrato circoscritto, e dai rosoni del transetto. Molto belle sono anche le sei cappelle radiali dell’abside, e quelle laterali, completate successivamente tra il 1914 ed il 1933.

Altre edifici da non perdere sono: il Landmark Center, costruito nel 1902 ed oggi utilizzato come sala per concerti e spettacoli, preceduto dalla Landmark Plaza, dove si trovano le statue bronzee dedicate ai personaggi dei Peanuts, storiche strisce fumettistiche partorite dalla mente dell’illustre concittadino Charles Shultz; il Sain Paul City Hall and Ramsey County Courthouse, municipio e tribunale della contea di Ramsey, classico esempio di architettura americana verticale degli anni ’30, particolare all’interno vista la decorazione in stile Art Dèco; la Saint Paul Public Library, la biblioteca pubblica cittadina, completata nel 1917 e facente parte del Registro nazionale dei luoghi storici; e Fort Snelling, il fortino da cui nacque St. Paul, restaurato ed aperto al pubblico dal 1960.

Per quanto concerne i musei, i più interessanti sono: il Science Museum of Minnesota, sulle rive del Mississippi in pieno centro cittadino, con quasi 2 milioni di oggetti esposti riguardanti ogni branca del sapere scientifico, dalla paleontologia alla biologia, dall’etnologia all’ecologia fluviale; il Minnesota History Center, aperto nel 1992 con allestimenti riguardanti la storia in senso lato della regione; ed il Minnesota Children’s Museum, fondato nel 1981 con decine di percorsi dove i bambini possono imparare giocando. Altri musei di minore importanza sono il Minnesota Transportation Museum, il museo dei trasporti del Minnesota, il Twin City Model Railroad Museum, il museo del modellino ferroviario della Twin City, ed il Minnesota Museum of American Art, riguardante l’arte americana.

Uno dei più bei parchi della zona è l’Harriet Island Regional Park, istituito su un’isola del Mississippi ora chiamata Harriet Bishop, dal nome della prima insegnate giunta a St. Paul, e ripetutamente danneggiato nei primi anni successivi alla fondazione(1900) dalle piene del fiume, tali da indurre gli organi amministrativi dell’epoca ad un sorta di bonifica del canale che separava l’isola dalla terraferma. Il parco è recentemente stato ristrutturato e mette a disposizione dei fruitori giardini, giochi per bambini, un piccolo zoo e sentieri per escursioni.

Il clima di St. Paul è continentale, tipico dell’Upper Midwest degli Stati Uniti, con inverni gelidi ma secchi, ed estati che ad un caldo moderato accompagnano tassi di umidità piuttosto elevati. Le temperature di conseguenza oscillano tra valori stabilmente qualche grado al di sotto dello 0 in inverno, ai 27/28 gradi che si possono registrare in estate, con un tasso di calore percepito superiore, e vicino ai 32/33 gradi, a causa dell’umidità. Le precipitazioni, distribuite su tutto l’arco dell’anno, si manifestano in forme diverse a seconda del periodo, dalla bufere di neve di gennaio e febbraio, ai forti temporali, talvolta addirittura tornado, dei mesi più caldi, particolarmente frequenti da queste parti a causa della conformazione morfologica del territorio, assolutamente pianeggiante e privo di barriere naturali in grado di contrastare i fronti depressionari.

Il trasporto aereo si snoda attorno al grande Minneapolis-St. Paul International Airport (MSP), collegato alla città dagli autobus del Metro Transit, l’azienda di trasporti che ha in gestione anche gli spostamenti ferroviari di raggio limitato. In centro molti cittadini prediligono muoversi in bicicletta, mentre per arrivare in macchina a St. Paul bisogna necessariamente imboccare una delle due autostrade I-35 o I-94.

Fonte foto, cortesia: Explore Minnesota Tourism
  •  

 Pubblicato da - 21 Novembre 2008 - Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close