Cerca Hotel al miglior prezzo

Nuovi siti Patrimonio UNESCO: dalla Siria all'Italia, dalla Spagna alla Turchia

Pagina 1/2

  • Moschea Selimiye
  • Serra de Tramuntana
Aumentano i siti Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO: ieri sono stati inseriti gli antichi borghi del Nord della Siria, i siti culturali di Al Ain (Hafit, Hili, Bidaa Bint Saud e Aree delle Oasi) negli Emirati Arabi Uniti, e il Giardino persiano (Iran). Hanno fatto il loro ingresso il paesaggio culturale della Serra de Tramuntana (Spagna), le palafitte in giro per le Alpi (Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia, Slovenia) e la Moschea Selimiye con il suo Complesso sociale in Turchia. Nuove iscrizioni però verranno aggiunte durante il corso di questa mattinata.

Antichi borghi del Nord della Siria (Siria).
Sono circa 40 villaggi raggruppati in otto parchi, situati nel nord-ovest della Siria e forniscono notevoli testimonianze di vita rurale nella tarda antichità e durante il periodo bizantino. Abbandonati dall'8° al 10° secolo, i villaggi, che risalgono al primo-settimo secolo, dispongono di un paesaggio straordinariamente ben conservato e resti architettonici di abitazioni, templi pagani, chiese, cisterne, bagni ed altre architetture. Il paesaggio, relitto culturale dei villaggi, costituisce anche un esempio importante del passaggio dal mondo antico pagano dell'impero romano al cristianesimo bizantino. Testimonianze che illustrano le tecniche idrauliche, i muri di protezione e offrono una testimonianza della padronanza degli abitanti dell'epoca nella gestione della loro produzione agricola.

I siti culturali di Al Ain (Hafit, Hili, Bidaa Bint Saud) e le Aree Oasi negli Emirati Arabi Uniti, costituiscono una serie di proprietà che testimoniano occupazione umana sedentaria in una regione desertica fin dal periodo neolitico, tra i resti di molte culture preistoriche. Vestigia notevoli nella struttura includono delle tombe di pietra circolare (circa 2500 aC), pozzi e una vasta gamma di costruzioni: edifici residenziali, torri, palazzi ed edifici amministrativi. Hili è caratteristico inoltre per essere uno dei più antichi esempi di un sofisticato sistema di irrigazione di tipo aflaj, che risale all'età del ferro. La struttura offre testimonianza importante del passaggio di culture nella regione, che qui si sono evolute dalla caccia alla raccolta e ad una vita più sedentaria.

Il giardino persiano (Iran).
Il nuovo sito Unesco comprende nove giardini in molte province. Essi esemplificano la diversità dei disegni dei giardini persiani, che si sono evoluti e adattati alle diverse condizioni climatiche, pur mantenendo i principi che affondano le loro radici ai tempi di Ciro il Grande, nel 6 ° secolo aC. Sempre diviso in quattro settori, con l'acqua che gioca un ruolo importante sia per l'irrigazione che come ornamento, il giardino persiano è stato concepito per simboleggiare l'Eden ei quattro elementi zoroastriani e cioè cielo, terra, acqua e piante. Questi giardini, risalenti a periodi diversi a partire dal 6 ° secolo aC, dispongono anche di edifici, padiglioni e pareti, oltre che a sofisticati sistemi di irrigazione. Essi hanno influenzato l'arte del disegno del giardino, anche di nazioni lontane come l'India e la Spagna.

... Pagina 2/2 ...Il paesaggio culturale della Serra de Tramuntana (Spagna) si trova invece tra picchi montuosi nel nord-ovest dell'isola di Maiorca. Millenni di agricoltura in un ambiente con scarse risorse hanno trasformato il terreno e mostrano ora una rete articolata di dispositivi per la gestione delle risorse idriche che ruotano attorno ad una unità agricola di origine feudale. Il paesaggio è caratterizzato da terrazzamenti agricoli e opere d'acqua interconnesse - tra cui mulini ad acqua - così come costruzioni in pietra a secco, e delle fattorie.

Palafitte intorno alle Alpi , in Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia. Questa serie di proprietà di 111 piccoli siti individuali comprende i resti di palafitte preistoriche (o di case sopraelevate), insediamenti nei pressi delle Alpi e costruiti intorno al 5000 al 500 aC sui bordi di laghi, fiumi o paludi. Gli scavi, condotti solo in alcuni dei siti, hanno fornito prove che permettono di comprendere la vita in epoca preistorica,durante l'età neolitica e del bronzo nell'Europa alpina dove le comunità hanno avuto modo di interagire con il loro ambiente. Cinquantasei dei siti si trovano in Svizzera. Gli insediamenti sono un gruppo unico di siti archeologici culturalmente ricchi ed eccezionalmente ben conservati e che costituiscono una delle fonti più importanti per lo studio delle prime società agricole della regione.
In Italia i siti di palafitte inseriti sono una ventina, tra Piemonte, Lombardia zona (lago Maggiore) Veneto (zona lago di Garda) e Trentino.

La Moschea Selimiye e il suo Complesso sociale (Turchia).
Con la sua unica grande cupola ed i suoi quattro esili minareti, domina lo skyline della piazza della Moschea, nella capitale della ex città ottomana Edi dirne. Sinan, il più famoso architetto ottomano nel 16 ° secolo, considerò il complesso, che comprende madrasse (scuole islamiche), un mercato coperto, la casa orologio, il cortile esterno e la biblioteca, come il suo migliore lavoro. La decorazione degli interni, con le piastrelle di Iznik del periodo migliore della loro produzione, testimonia di una forma d'arte che rimane insuperato con questo materiale. Il complesso è considerato l'espressione più armoniosa mai raggiunto del külliye ottomano, un gruppo di edifici costruiti intorno ad una moschea e gestito come una singola istituzione.

Queste le novità Unesco di ieri, ma un totale di 35 nomination, incluse le proprietà naturali, culturali e miste sono in corso di revisione da parte del Comitato, che sta tenendo sua 35a sessione presso la sede dell'UNESCO a Parigi.

 Pubblicato da il 28/06/2011 - 2.452 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close