Cerca Hotel al miglior prezzo

Turismo a Copenaghen: i luoghi della cultura e dove divertirsi nel 2010

Pagina 1/2

Una capitale moderna ma con solide radici nel passato, a misura d’uomo, ricca di cultura, culla del design e secondo il NY Times tra le città più verdi e probabilmente più “cool” al mondo…parliamo di Copenaghen! Seguite il consiglio del prestigioso giornale americano, che posiziona la capitale danese nella TOP 10 delle destinazioni da non perdere nel 2010, e organizzate la vostra visita a Copenaghen. Qualunque sia il motivo del vostro viaggio, la scoperta di nuovi orizzonti, la ricerca di cultura, mostre e eventi, oppure la sete di nuove tendenze, la città soddisferà le vostre aspettative…superandole!

C HAGEN – Open for you
Copenaghen è una città vivace, con un calendario ricco di eventi, una intensa vita notturna e eccellenti locali di musica dal vivo. La capitale danese ha un’atmosfera tutta sua rispetto alle altre grandi città. È piena di energia e vitalità, ma al tempo stesso è rilassata, tutt’altro che pretenziosa ed è la destinazione perfetta per incontrare nuove culture e fare conoscenze interessanti.
Appena arriva la bella stagione i danesi si spostano all’aperto per godere delle lunghe giornate dopo un inverno buio e i parchi e le piazze della città si riempiono di vita. Tra i luoghi preferiti dove godersi il sole in compagnia di amici, il parco Kongenshave nel cuore della città (Parco del Re), dove si può ammirare il castello di Rosenborg, o i giardini di Frederiksberg dove rilassarsi sulle panchine in riva ai canali o contemplare la spettacolare vista sulla nuova residenza degli elefanti, disegnata dall’architetto Norman Foster, all’interno dello Zoo della città. Per spostarsi comodamente in città una buona idea è acquistare la CphCard che dà diritto all’ingresso libero a molte attrazioni e trasporto gratis in tutta la zona della capitale. Oppure si può prendere una delle biciclette comunali (Bycyklen) gratuite, utilizzabili però solo in centro!
Un bar sulla spiaggia non è esattamente quel che ci si aspetta di trovare in una grande città, quando si è alla ricerca di un luogo fresco, qualcosa di buono da mangiare e un po’ di musica come si deve, ma a Copenaghen è senz’altro possibile. Halvandet e Copencabana hanno un mucchio di sabbia e un bel po’ di sdraio – oltre che di una splendida vista sul porto sia di giorno che di sera. Anche nel parco litoraneo Amager Strandpark c’è sempre movimento, mentre si va a tutta birra con un giro al Carlsberg Visitor Center dove è possibile sia visitare la mostra sul fondatore del famoso birrificio sia assaggiare i prodotti... nell'ingresso sono, infatti, incluse 2 birre!
Altro luogo per godersi una birra ghiacciata o un buon aperitivo è la zona dei canali Nyhavn. D’estate Nyhavn è in pieno fermento, soprattutto quando si trasforma in una delle tante scene dell’annuale Copenhagen Jazz Festival all’inizio di luglio, che vanta famosi artisti e gruppi sia danesi sia stranieri. Sempre agli inizi di luglio sono molti gli ospiti internazionali anche al noto Roskilde Festival, il Woodstock danese, dove ogni anno oltre 100.000 amanti del rock da tutto il mondo si radunano per 4 giornate di buona musica e festeggiamenti.
Festa 24 ore su 24 anche durante CPH Distortion, il festival più vibrante della città, una 5 giorni di “mobile party” che mescola generi di ogni tipo, dall’architettura alla gastronomia, dalla moda alla musica, organizzato da icone nazionali e internazionali della cultura “street & club”. Ad agosto un’esperienza da non perdere è Stella Polaris, il più grande evento chill out all’aperto in e completamente gratuito in Danimarca. La postazione DJ vicino al laghetto del parco Østre Anlæg, trasmette dolce musica elettronica dagli altoparlanti disseminati nel parco, avvolgendo la natura circostante e migliaia di persone felici con i suoni “jazzeggianti” e chill-out.
Non è però necessario attendere un evento per scoprire la movida di Copenaghen! La vita notturna comincia piuttosto tardi, solitamente intorno a mezzanotte, in compenso dura fino al primo mattino. Il Vega è una delle migliori scene concertistiche d’Europa grazie anche alla perfetta acustica dello storico night club, con arredi in legno anni ’60. Il Culture box è il locale underground per eccellenza, mentre Kødboderne nel quartiere di Vesterbro vanta il miglior Funktion-one Sound della città. Poco lontano Karriere Bar offre arte, cocktail, cibo biologico e musica fino a tarda notte, tutto sotto lo stesso tetto. Il locale si trova tra l’altro nella zona chiamata Kødbyen (il meat packing di Copenaghen), senza dubbi la zona migliore per fare incontri interessanti. Meta preferita della vita notturna del quartiere di Østerbro, il Barbarellah è dj-set/ristorante/cocktail bar/lounge/galleria d’arte e negozio di abbigliamento, mentre all’interno della città libera di Christiania, Loppen è una delle migliori discoteche e palco concertistico di Copenaghen.
Dopo una notte di festeggiamenti concedetevi un buon riposo in un albergo di design a cinque stelle…ma low cost! A partire da €18 è possibile pernottare al Danhostel Copenhagen City, primo ostello a cinque stelle nel cuore della città. La catena Choice Hotels offre invece un’ampia gamma di opportunità in zone strategiche e a prezzi davvero vantaggiosi!

C HAGEN – Open for Culture
Negli ultimi anni Copenaghen ha meritatamente guadagnato la reputazione di essere una capitale che offre una vasta scelta di attività culturali di alto livello. Città cosmopolita con solide tradizioni nell’arte, nel balletto, nell’opera e nel teatro, nella capitale danese la cultura ha sede in veri e propri templi del design e dell’architettura, che contribuiscono a rendere una mostra o un concerto un’esperienza indimenticabile.
L’ultima aggiunta ai palcoscenici della città è la nuova DR Koncerthuset, il cubo magico della musica creato dall’architetto francese Jean Nouvel nella zona di Ørestad. La facciata azzurra fa sì che l’edificio sembri scolpito nel cielo e il vetro semitrasparente riflette l’ambiente, il tempo e gli eventi tutt’intorno. Con questa struttura Copenaghen si è aggiunta alla lista di città che propongono al proprio pubblico musicale la migliore acustica e scenografia moderna disponibili sul mercato.
Acustica impeccabile anche all’ Opera House, una vera delizia dei sensi. Oltre che scena di musica sublime, la creazione del danese Henning Larsen si staglia sul porto di Copenaghen come una vera meraviglia architettonica, mentre una serie di artisti danesi hanno contribuito al decor interno. Sono di Per Kirkeby i quattro rilievi di bronzo nel foyer, mentre Olafur Eliasson ha contribuito con tre sculture di luce.
Grandi firme del design e dell’arte anche per gli interni del teatro di prosa Skuespilhuset sempre sul fronte del porto, proprio di fronte all’Opera. Ancora una volta uno splendido esempio di design e architettura nato dalle penne dei danesi Boje Lundgaard e Lene Tranberg, che hanno impiegato soluzioni sostenibili nello sviluppo del progetto. Grazie alle dimensioni e alla straordinaria funzionalità, il nuovo teatro ospita ogni genere di prosa, da quella classica a quella contemporanea.
Connubi tra arte, design e architettura sono visibili anche in numerosi musei d’arte della capitale. L’Ordrupgaard Museum raccoglie una delle più ampie e rinomate collezioni private d’Europa, che comprende opere degli impressionisti francesi tra cui Cézanne, Courbet, Manet, Monet, Renoir, Degas, Delacroix, Ingres, Gauguin, Sisley, Pissaro e del periodo della Golden Age danese. Dopo un’importante opera di ristrutturazione e ampliamento nel 2005 è stata inaugurata una nuova ala, progettata da una stella dell’architettura mondiale, Zaha Hadid. Il museo fino a maggio ospita la mostra Emil Nolde e la Danimarca, con oltre 50 quadri e 100 studi del famoso espressionista.
... Pagina 2/2 ... Ampilato di recente con nuovi spazi progettati dal rinomato studio d’architettura danese C.F. Møller, anche il celebre Museo d’Arte Moderna Arken. Il museo, che ha l'insolita forma di una nave (da cui il nome Arken, “l'Arca”) affacciata sul mare, oltre all’arte moderna, si ripropone di valorizzare sempre più l’arte contemporanea e al momento ospita sia la mostra Miró – Lavoro come un giardiniere, sia la mostra contemporanea UTOPIA di Katharina Grosse, la seconda parte di un trittico che si completerà nel 2011.
Calendario fitto di eventi per il Museo d’arte Moderna Louisiana, appena fuori Copenaghen, famoso, oltre che per le sue collezioni, anche per la suggestiva posizione: una struttura con grandi vetrate immersa in un grande parco verde che si affaccia sul mare.
L’anno s’inaugura con l’installazione video di Pipilotti Rist – Homo sapiens sapiens, alla quale ai primi di febbraio si aggiunge la mostra Color in Art (Colore nell’Arte), una cavalcata lunga un secolo nell’universo descrittivo del colore con più di 100 opere, provenienti per la maggior parte da una tra le più raffinate collezioni private al mondo, la svizzera Werner & Gabrielle Merzbachers. Una mostra per l’estate con WARHOL AFTER MUNCH, una combinazione unica di due artisti che apparentemente possono essere percepiti come opposti. Infine ad inaugurare l’autunno ANSELM KIEFER Arte e Mito, che conclude il ciclo di mostre del Louisiana dedicate alla “Banda dei quattro” artisti post-bellici tedeschi: Polke, Richter, Baselitz e ora Kiefer.
Una volta soddisfatti la vista e l’udito, anche il palato chiede la sua parte, Copenaghen è la meta perfetta per soddisfare i peccati di gola, infatti, con 14 stelle suddivise tra 13 ristoranti (anche se due al momento rimangono chiusi in attesa di trasferirsi in una nuova location) da anni ormai la capitale danese si conferma indiscussa regina del Nord.
A pranzo non perdetevi l’intramontabile Smørrebrød dalla regina del panino aperto Ida Davidsen o del supereroe bio Adam Aaman. Potete anche optare per la versione modernizzata del classico piatto…lo smushi servito su delicate porcellane Royal Copenhagen al Royal Cafè. Per riposare i piedi durante il pomeriggio concedetevi le vere torte di una volta, speziate con arte e passione alla storica pasticceria La Glace, mentre come aperitivo provate la prima birra CO2 neutrale al mondo al microbirrificio Nørrebro Bryghus. Arrivata l’ora di cena potrete gustare la gastronomia danese in posizioni uniche come alla Custom House con cocktail bar, tre diversi ristoranti, menu e vista sull’acqua, oppure al Ristorante Søren K sempre con vista sul porto, all’interno della spettacolare libreria reale chiamata il Diamante Nero o ancora, cambiando scenario, al Ristorante NIMB con vista sul parco del Tivoli. Se siete in cerca di nuove stelle non perdetevi invece il Ristorante Herman, new entry nel 2009 sia nella Guida Michelin sia nella Condé Nast Traveler Hotlist. Volete di più, il meglio del meglio…allora il ristorante per voi è il pluristellato NOMA, eletto recentemente terzo miglior ristorante al mondo, mentre il suo chef, il giovanissimo Redzepi, si è accaparrato il titolo di miglior cuoco del globo.
Dopo una tale esplosione di sensi, quello che ci vuole è un buon riposo e la proposta alberghiera della città vi offre molte possibilità per rigenerare le forze. A cominciare dalle proposte della catena alberghiera Brøchner: al Kong Arthur potrete ammirare il tramonto sui laghi o rilassarvi nella zona spa che offre trattamenti per coppie. Al Fox Hotel ogni camera è un’opera d’arte…a voi scegliere quella che più si addice alla vostra personalità. All’Ibsen Hotel e all’Hotel Danmark troverete invece cioccolatini e vino a darvi il benvenuto in camera. Al Copenhagen Admiral Hotel potrete ammirare le stelle sul porto di Copenaghen e l’imponente Opera che si staglia di fronte a voi. Uscendo un po’ dalla City potrete invece godervi un meritato momento di relax nella confortevole Yellow lounge dell’Avenue Hotel dove concedersi un drink al ritmo di ottima musica.

C AGEN – Open for cool
La capitale danese, per prendere in prestito le parole di media internazionali come Wallpaper, New York Times, Time Magazine and style.com è “Cool and Happening”. Articoli su articoli lodano Copenaghen e bollano la metropoli scandinava come “da non perdere”, per via della moda vivace e in pieno fermento, il design lineare, l’architettura d’avanguardia, lo shopping sfizioso, i locali alla moda, l’eccelsa gastronomia, l’attenzione per l’ambiente e i suoi abitanti pieni di charme. Inoltre Copenaghen non fa solo finta di essere una città innovativa, lo è realmente", dice il NY Times sottolineando la cultura ciclistica danese, la balneazione nel porto e i quartieri emergenti Østerbro e Nørrebro, tra le ragioni per cui Copenaghen è tra le città più "verdi" e forse anche più cool al mondo.
Nel campo dell’ecologia Copenaghen è una vera pioniera e assoluta trend setter, infatti, ancora prima che fosse di moda, molti cafè e ristoranti della città già si preoccupavano di utilizzare, se possibile, prodotti biologici nei loro menu. Copenaghen probabilmente ha la più alta concentrazione di Delicatessen biologici a est di New York. Tra le zone più servite il quartiere di Østerbro dove non perdere una visita da Gourmandiet. Obbligatoria anche una sana colazione da Emmerys che nei 10 negozi dislocati in città, offre prodotti di forneria biologici di alta qualità, un pranzo da BioM, il primo ristorante biologico danese certificato, e una cena da Karriere Bar arte, cocktail, cibo biologico e musica fino a tarda notte sotto un unico tetto a Kødbyen, il Meat packing district danese nel quartiere di Vesterbro. Poco lontano Fiskebaren, il nuovo ristorante alla moda della città, già luogo preferito della In Crowde di Copenaghen. Ambiente chic e pesce locale freschissimo, oltre al ristorante anche un rawbar e 8 posti intorno al grande acquario da 1000 litri abitato tra l'altro da meduse...che i più temerari potranno assaggiare. Non è un caso che questo nuovo locale sia stato aperto proprio a Kødbyen, infatti, come è accaduto anche nel quartiere di Nørrebro, un flusso di immigranti, studenti, creativi e bohémien, negli ultimi anni hanno contribuito a trasformare Vesterbro da quartiere trascurato e malfamato a zona più cool della città. Tra i primi trasferirsi nella artisti e galleristi, primo fra i quali Bo Bjerrgaard che rappresenta alcuni tra i grandi nomi degli artisti scandinavi. Per proposte più curiose e fuori dal comune gli indirizzi giusti sono invece Art Rebels, una comune di artisti a 360˚, e V1Gallery, tra le tra le gallerie più discusse e trendy della città.
Quartiere della moda, a Øksnehallen si tengono alcuni dei maggiori eventi della Fashion Week che si tiene due volte l’anno a febbraio e agosto. Le migliori offerte si trovano lungo Istedgade: Negozi come Donn Ya Doll, dove trovare tutto l’occorrente per un abbigliamento giusto, street, party o club; Sommerlund, che vende fantastici abiti da sera e per le grandi occasioni, mentre da Ichinen oltre ai vestiti è possibile comprare arredamento e design danese moderno. Per gli appassionati del design tappe obbligatorie da Girlie Hurly e Designer Zoo. Quest’ultimo raduna tra i più innovativi designer di vestiti, gioielli, ceramica e mobili della città in un negozio/laboratorio su due piani. Altro appuntamento imperdibile il vecchio cinematografo nel quartiere di Østerbro, oggi mecca del design e sede della Normann Copenhagen.
La città è una fucina dalla quale scaturiscono senza interruzione nuovi eventi, progetti, iniziative, meraviglie dell’architettura e del design. Persino secondo gli avveniristici standard scandinavi, Copenaghen è un passo avanti e pochi altri luoghi hanno la stessa capacità di lasciare il visitatore a bocca aperta. Con la sua concentrazione di locali avant-garde, una scena gastronomica innovativa e pluristellata e una nuovissima e fresca esplosione della moda, Copenaghen compete senza alcun sforzo con altre capitali europee di dimensioni superiori.
Ovviamente anche il pernottamento è alla moda e a volte combina la possibilità di passare una serata frizzante a due passi da un comodo letto in cui riposare. Albergo di lusso a cinque stelle First Hotel Skt. Petri è il principale albergo design in Danimarca e preferito dall’industria musicale, pubblicitaria, cinematografica e, non ultima, della moda.Ogni week-end il Bar Rouge, all'interno dell'hotel offre musica con un DJ ed eccellenti cocktail, tra i quali “Copenhagen”, il nuovo cocktail ufficiale che i migliori baristi della capitale hanno creato ispirandosi all’atmosfera cool della città.
Sempre albergo di design il Clarion Collection Hotel Twentyseven ha 200 camere disegnate da famosi architetti e designer scandinavi che uniscono il comfort a un’atmosfera intima e seduttiva. Gli ospiti dell’albergo hanno libero accesso ad un esperienza molto “cool” all’ ABSOLUTE ICEBAR COPENHAGEN costruito interamente con ghiaccio proveniente dal fiume Torne in Lapponia.

Fonte: Ente Danese per il Turismo
Dal luned́ al venerd́, dalle 14 alle 17: tel. 02 874803
Visita Visitdenmark.it
 

12 Dicembre 2017 La mostra di Frida Kahlo a Milano, Museo ...

La passione, l’arte, la femminilità, il profondo amore per ...

NOVITA' close