Cerca Hotel al miglior prezzo

UNESCO 27 nuovi siti: anche Mantova, Sabbioneta e San Marino

Pagina 1/2

Lunedì scorso a Quebec City, il Comitato del Patrimonio Mondiale, riunito per la sua 32a sessione, ha iscritto 27 nuovi siti alla “World Heritage List” la lista dei patrimoni mondiali dell’umanità.
19 sono di tipo "culturale", mentre 8 sono unicamenete siti di tipo naturale.

Nuovi siti culturali iscritti durante la 32a sessione:

  • Tempio di Preah Vihear (Cambogia)
  • Fujian Tulou (Cina)
  • Pianura di Stari Grad (Croazia)
  • Centro storico di Camagüey (Cuba)
  • Fortificazioni di Vauban (Francia)
  • Berlin Modernism Housing Estates (Germania)
  • Monasteri Armeni in Iran (Iran)
  • Luoghi Sacri Baha’i in Haifa e Galilea Occidentale (Israele)
  • Mantova e Sabbioneta (Italia)
  • La foresta Mijikenda Kaya (Kenya)
  • Melaka e George Town,le città storiche dello stretto di Malacca (Malaysia)
  • La città protetta di San Miguel and il Santuario di Jesús de Nazareno de Atotonilco (Messico)
  • Il paesaggio culturale di Le Morne (Mauritius)
  • Sito Agreste di Kuk Early (Papua New Guinea)
  • Centro Storico di San Marino e Monte Titano (San Marino)
  • Sito archeologico di Al-Hijr (Madâin Sâlih) (Saudi Arabia)
  • Le chiese in legno della parte slovacca dei Monti Carpazi (Slovacchia)
  • Ferrovia Retica nei paesaggi dell’Albula e Bernina (Svizzera e Italia)
  • Chief Roi Mata's Domain (Vanuatu)

Proprietà naturali iscritte durante la 32a sessione:

  • Joggins Fossil Cliffs (Canada)
  • Mount Sanqingshan National Park (Cina)
  • Lagune della Nuova Caledonia: Diversità della barriera ed ecosistemi associati (Francia)
  • Surtsey (islanda)
  • Saryarka - Steppe e lagni delKazakhistan settentrionale (Kazakhstan)
  • Riserva della biosfera della farfalla Monarca (Messico)
  • Area tettonica svizzera di Arena Sardona (Svizzera)
  • Arcipelago di Socotra (Yemen)

Vediamo qui di seguito le descrizioni in dettaglio di alcuni siti aggiunti al World Heritage List:

Con grande soddisfazione vogliamo sottolineare le nuove mete italiane, Mantova e Sabbioneta, le due città padane che hanno legato la loro storia e fama alla dinastia della famiglia Gonzaga. Mantova è una città di straordinario impatto visivo. Tra le nebbie e le foschie padane mantova con il suo magnifico palazzo Ducale e il borgo intero di Sabbioneta sono gioielli unico ed irripetibili del rinascimento, che da soli meritano un viaggio.
Una nota poi sul numero totale di siti: ora l'Italia vanta ben 43 siti iscritti alla World Heritage List, e fortunatamente le Isole Eolie, che rischiavano di essere cancellate dalla lista, sono state mantenute nei patrimoni dell'umanità. Anche la designazione di San Marino, la repubblica più antica del mondo, si dimostra un fatto importante, specie per una zona turistica così vitale come quella della Riviera Romagnola.

Il tempio Preah Vihear (Cambogia)
Gli edifici che compongono il santuario sono dedicati a Shiva. Il tempio risale alla prima metà del 11° secolo d.C. Questo sito è particolarmente ben conservato, principalmente a causa della sua posizione remota vicino alla frontiera tra Cambogia e Thailandia. Il sito è eccezionale per tre motivi: la sua posizione naturale su di un promontorio, con scogliere ripide che dominano una vasta pianura e catene montuose; la qualità della sua architettura adattata sia all'ambiente naturale che alla funzione religiosa del tempio, ed infine, l'eccezionale qualità degli ornamenti del tempio, scolpiti in pietra.

Joggins fossil Cliffs, (Canada)
Un sito paleontologico di 689 ettari, lungo la costa della Nova Scotia, nel Canada orientale). Il sito è stato chiamato da alcuni come “Le Galápagos dell’età del carbone" tale è la loro ricchezza di fossili risalenti al periodo Carbonifero (da 354 a 290 milioni anni fa). Questi includono i resti e tracce di animali molto precoci e la foresta pluviale in cui hanno vissuto, lasciata in “situ”, intatta ed incontaminata. In totale sono rappresentati 96 generi e 148 specie di fossili e 20 gruppi di impronte. Il sito è elencato come contenente straordinari esempi delle tappe principali della storia della Terra.

Parco Nazionale del Monte Sanqingshan (Cina)
I quasi 23.000 ettari situati nella zona ovest della catena montuosa Huaiyu nel nord-est della provincia di Jiangxi (Cina centro-orientale) sono stati iscritti per la loro eccezionale qualità scenica, contrassegnata dalla concentrazione di pilastri e picchi fantasticamente scolpiti dalla natura: 48 cime di granito e 89 pilastri di roccia, molti dei quali assomigliano a sagome umane o animali. La bellezza naturale del 1817 metri di altezza Monte Huaiyu è ulteriormente rafforzata dalla giustapposizione dei graniti con la vegetazione e dalle condizioni meteorologiche particolari che creano scenari mutevoli, ricchi di nuvole bianche ed arcobaleni. Qui si trovano anche numerose foreste e cascate, alcune di loro si gettano da 60 metri di altezza, oltre che laghi e sorgenti termali.

Centro storico di Camagüey (Cuba).
Uno dei primi sette villaggi fondati dagli spagnoli a Cuba, Camagüey ha svolto un ruolo di primo piano come centro urbano di un territorio interno, dedicato al bestiame e l'industria dello zucchero. Eretta nella sua attuale ubicazione nel 1528, la città si è sviluppata sulla base di un modello urbano irregolare che contiene un sistema di grandi e piccole piazze, strade serpeggianti, vicoli e quartieri irregolari, cosa altamente eccezionale per una città coloniale latino-americana situata in pianura. La struttura urbana rispecchia l'influenza di numerosi stili attraverso i secoli: neoclassico, eclettico, Art Deco, neo-coloniale, così come alcuni esempi di Art Nouveau e razionalismo.

Le lagune della Nuova Caledonia (Francia)
Dove vengono protetti la diversità del Reef e degli ecosistemi associati. Sei sezioni marine forniscono un habitat per un certo numero di pesci minacciati, tartarughe e mammiferi marini, tra cui la terza più grande popolazione di dugonghi (lamantini) nel mondo. Queste lagune sono di eccezionale bellezza naturale, e contengono scogliere di diversa età, da quelle viventi alle antiche barriere coralline fossili, fornendo una fonte importante di informazioni sulla storia naturale dell’Oceania.

Surtsey (Islanda)
Un'isola vulcanica a circa 32 km dalla costa meridionale d'Islanda. Si tratta di una nuova isola formatasi da eruzioni vulcaniche che hanno avuto luogo dal 1963 al 1967. Essa è tanto più importante per essere stata protetta fin dalla sua nascita, mettendo a disposizione del mondo un laboratorio naturale incontaminato. Libera da interferenze umane, Surtsey ha prodotto informazioni a lungo termine sul processo di colonizzazione delle nuove terre da parte della vita animale e vegetale. Dal momento che gli scienziati hanno cominciato a studiare l'isola, nel 1964, sono stati osservati l'arrivo dei semi trasportati dalle correnti oceaniche, la comparsa di muffe, batteri e funghi, seguita nel 1965 dalla prima pianta vascolare. Ora l’isola è colonizzata da oltre 60 specie di piante vascolari, 75 briofite, 71 specie di licheni e 24 specie di funghi. Ottanta-nove specie di uccelli sono stati registrati su Surtsey, ed anche 335 specie di invertebrati.

Saryarka - steppe e Laghi nel Nord del Kazakistan (Kazakhstan)
Il sito comprende due aree protette: Naurzum e Korgalzhyn due riserve naturali per un totale di 450.344 ettari. È dotato di zone umide di grande importanza per gli uccelli acquatici migratori, tra cui specie globalmente minacciate, tra i quali la rarissima gru bianca siberiana, il pellicano dalmata, l’aquila di mare (Haliaeetus leucoryphus) per citarne solo alcuni. La proprietà comprende due gruppi di laghi d’acqua dolce e salata situati su di uno spartiacque fra i fiumi che scorrono a nord verso l'Artico e verso sud nel bacino Aral-Irtysh.

... Pagina 2/2 ...
Foreste di Mijikenda Kaya (Kenya).
Consistono in 11 siti separati di foresta che si sviluppano su circa 200 km lungo la costa, contenendo i resti di numerosi villaggi fortificati, conosciuti come kayas, del popolo Mijikenda. Le kayas, create a partire dal 16 ° secolo, ma abbandonato dal 1940, sono ora considerate come le dimore di antenati e sono venerate come luoghi sacri e, come tali, sono mantenuti dai consigli degli anziani. Il sito è iscritto come unica testimonianza che porta ad una tradizione culturale e per il suo collegamento diretto ad una tradizione vivente.

Riserva della Biosfera della farfalla Monarca (Messico)
La biosfera di 56.259 ettari si trova nelle aspre montagne boscose circa 100 km a nord-ovest di Città del Messico. Ogni autunno, milioni, forse miliardi di farfalle da vaste aree del Nord America ritornano sul sito e si raggruppano in piccole aree della foresta, colorando gli alberi di arancione e facendo piegare i rami sotto al loro peso. Il modo in cui riescono a trovare la loro strada per il loro viaggio di ritorno al sito, rimane ancora un mistero.

La città protetta di San Miguel e il Santuario di Nazareno de Jesús de Atotonilco (Messico)
La città fortificata, in primo luogo costruita nel 16° secolo, raggiunse il suo apogeo nel 18° secolo, quando molti dei suoi edifici civili e religiosi furono costruiti in stile barocco messicano. Alcuni di questi edifici sono i capolavori dello stile che evolse nel passaggio dal barocco allo stile neoclassico. Situato a 14 km dalla città, il santuario dei Gesuiti, anch’esso risalente al 18 ° secolo, è uno dei migliori esempi di arte barocca e architettura nella Nuova Spagna. È costituito da una grande chiesa, e diverse cappelle più piccole, tutte decorate con dipinti ad olio di Rodriguez Juárez e pitture murali di Miguel Antonio Martínez de Pocasangre. A causa della sua posizione la città di San Miguel de Allende ha agito come un crogiuolo in cui gli spagnoli, i Creoli, e i nativi americani scambiarono le loro influenze culturali, mentre il Santuario di Jesús Nazareno de Atotonilco costituisce un esempio eccezionale di scambio tra culture europee e latino-americane. La sua architettura e l’arredamento degli interni testimoniano l'influenza della dottrina di San Ignacio de Loyola.

Ferrovia Retica nei paesaggi dell’Albula e Bernina (Svizzera / Italia)
Si tratta di due storiche linee ferroviarie che attraversano le Alpi svizzere attraverso due passi. Inaugurata nel 1904, la linea dell'Albula nella parte nord occidentale della area, è lunga 67 km. È dotata di una impressionante serie di strutture tra cui 42 trafori e gallerie coperte e 144 tra ponti e viadotti. I 61 km della linea del Passo del Bernina (fino a Tirano in Italia) presenta 13 trafori, gallerie e 52 tra viadotti e ponti. Il sito rappresenta un esemplare uso della ferrovia per superare l'isolamento degli insediamenti nelle Alpi centrali all'inizio del 20 ° secolo, con un grande e duraturo impatto socio-economico della vita in montagna.

L’arena tettonica di Sardona (Svizzera)
Situata nella parte nord-est del paese copre una zona montagnosa di 32.850 ettari che presenta sette cime che si ergono sopra ai 3000 m di quota. La zona permette di visualizzare un eccezionale esempio di orogenesi con collisione di crosta continentale, presentando eccellenti sezioni geologiche con tipica tettonica a falde, vale a dire il processo mediante il quale le profonde rocce, più anziane, vengono spinte al disopra di rocce più superficiali, quindi più giovani. Il sito si distingue per il chiaro affioramento tridimensionale delle strutture ed è stato un luogo chiave per le Scienze Geologiche fin dal 18 ° secolo. Le Alpi Glarus sono montagne ricche di ghiacciai che s’innalzano drammaticamente sopra strette valli fluviali e sono il sito della più grande frana post-glaciale di tutta la regione alpina centrale.

L'arcipelago di Socotra (Yemen)
Si trova nel nord-ovest dell’Oceano Indiano vicino al Golfo di Aden, è lungo 250 km e comprende quattro isole e due isolotti rocciosi che appaiono come un prolungamento del Corno d'Africa. Il sito è di importanza universale a causa della sua grande biodiversità, con ricche e distinte flore e faune: a Socotra il 37% delle 825 specie di piante, il 90% delle sue specie di rettili e il 95% delle sue specie di lumache terrestri non hanno riscontro nel resto del mondo. Il sito sostiene anche significative popolazioni di uccelli marini e terrestri, tra cui un certo numero di specie minacciate. La vita marina di Socotra è anch’essa ricca di biodiversità, con 253 specie di coralli, 730 specie di pesci costieri e 300 specie tra granchi, gamberi e aragoste.

In più il comitato ha deliberato alcune estensioni su alcune delle località già iscritte alla World Heritage List:
- Diciassette grotte decorate di età paleolitica sono stati iscritti come estensione per la Grotta di Altamira, Spagna, già iscritta nel 1985.
- Sessanta km di fortificazioni sono state iscritte come estensione per il vallo Antonino (Regno Unito), in Scozia. Situato a nord del celebre Vallo di Adriano il muro Antonino è stato avviato da Antonio Pio imperatore nel 142 d.C. come una difesa contro i "barbari" del nord, e costituiva la maggior parte settentrionale del”Limes” romano, e cioè del confine dell’impero.

Fonte: Asia Travel Tips e sito UNESCO


 Pubblicato da il 09/07/2008 - 2.678 letture - ® Riproduzione vietata

close