Cerca Hotel al miglior prezzo

Le spiagge pił belle della Maremma toscana

La Maremma è quella zona che, nell’immaginario comune, risulta (forse) più verace, simpatica, ospitale e genuina di tutta la Toscana. E’ un territorio che comprende i comuni di Scansano, Castiglione della Pescaia, Grosseto (il centro vitale della Maremma), le dolci colline della Valle dell’Ombrone e del Monte Amiata, spingendosi a nord fino al livornese.

Affacciata sul Mar Tirreno, la Maremma toscana è vastissima e dai confini piuttosto indefiniti. Ricca di testimonianze storiche che spaziano da reperti preistorici a etruschi, da romani a medievali e oltre, quest’area della Toscana è stata per secoli terra di briganti, dimora di nobili famiglie e set di film di successo.

Scopriamo insieme quali sono i suoi lidi migliori, alcuni tra le spiagge più belle della Toscana, libere e private, che impreziosiscono questa destinazione unica. Una nota importante: in questo articolo non parliamo del Promontorio dell'Argentario, dato che ne parliamo nell'articolo sulle spiagge più belle dell'Argentario.

Spiaggia di Torre Mozza, Follonica


E’ una delle più belle vicino a Follonica, anche sei si trova al confine orientale del comune di Piombino, oltre che molto famosa e frequentata sia da turisti che da locali. La Spiaggia di Torre Mozza, che prende il nome da una torre di avvistamento eretta contro le invasioni saracene, che sorge sul lido e risale al Cinquecento, è poco distante da Follonica e presenta un passaggio prettamente selvaggio, con dune e canneti, oltre alla classica macchia mediterranea. Composta sia da tratti liberi che da stabilimenti balneari e con, alle sue spalle, due comodi e ampi parcheggi, la spiaggia di sabbia di Torre Mozza è una delle preferite per appassionati di snorkeling e immersioni, per la grande varietà di pesci che abitano i suoi fondali limpidi.
Selezionata perché: a 30 metri dalla riva, sott’acqua, si trova una scogliera che, secondo alcuni, sarebbe in realtà un tratto dell’antica via Aurelia.
Come arrivare: da Follonica prendere la Strada Provinciale Aurelia Vecchia/SP152 per 1,9 km, quindi svoltare a sinistra sulla Strada Comunale di Pappasole. Percorrerla per 900 metri, alla rotonda prendere la 3^ uscita su Viale Italia e parcheggiare l’auto.

Cala Violina, Scarlino


Sita tra Puna Ala e Follonica, questa è una delle spiagge più belle di tutta la Maremma. Inserita nel contesto naturale della riserva delle Bandite di Scarlino, la caletta è incorniciata da folta macchia mediterranea, la sabbia è fatta di minuscoli granelli di quarzo e l’acqua del mare è pura e cristallina. Il nome della cala deriva dal suono particolarissimo che viene prodotto camminando sui granelli di quarzo che assomiglia, per l’appunto, al suono di un violino. La spiaggia è interamente libera, ma nei suoi pressi si trova un piccolo punto ristoro, funzionante solo in estate. La pineta alle sue spalle, poi, è “arredata” con tante panche e tavoli in legno, ideali per simpatici picnic estivi.
Selezionata perché: raramente vi capiterà di calpestare una spiaggia altrettanto particolare.
Come arrivare: Cala Violina si può raggiungere sia in auto che a piedi. Il percorso a piedi è piuttosto faticoso e lungo, poco consigliato alle famiglie con bambini e a chi non è particolarmente allenato alle camminate lunghe. In auto, invece, si percorre la strada provinciale 158 seguendo la segnaletica per Cala Violina che conduce su una strada sterrata, da percorrere per circa 1 km. Qui troverete i parcheggi a pagamento (a numero chiuso, visto che la Cala si trova all’interno di una riserva naturale). La spiaggia si raggiunge percorrendo una stradina lunga circa 1,5 km.

Cala Civette, Scarlino


Selvaggia e incontaminata, Cala Civette è caratterizzata da sabbia bianchissima e fine, mare color smeraldo e una fitta, folta macchia mediterranea che ricopre gentilmente la collina alle sue spalle. A protezione della Cala, in alto, si trova la cinquecentesca Torre Civetta che dà il nome alla spiaggia. Le sue acque, insignite della Bandiera Blu nel 2017, sono ricche di pesci e, per questo, molto amate dagli appassionati di immersioni e snorkeling. Siccome non sono presenti servizi di alcun tipo, questa spiaggia non è adatta dalle famiglie con bambini.
Selezionata perché: qui si possono ammirare i tipici colori maremmani di natura e mare, al meglio.
Come arrivare: imboccare la strada provinciale del Puntone, superare il Puntone di Scarlino e proseguire sulla strada provinciale 158, in direzione strada vicinale di Pian d’Alma. Raggiunta la località di Pian d’Alma, girare al bivio per Punta Ala. Percorrere circa 4 km e, sulla strada vicinale di Torre Civette, parcheggiare l’auto nell’area dedicata (gratuito e per la maggior parte in ombra), che si trova ad appena 100 metri dalla spiaggia.

Spiaggia del Puntone, Scarlino


Sia libera che attrezzata, questa spiaggia sa mettere d’accordo proprio tutti. Con la ampia distesa di sabbia dorata, il mare pulito e trasparente, i fondali bassi, il lido del Puntone è meta prediletta dalle famiglie con bambini. Ma è anche molto amata da chi desidera praticare sport acquatici come windsurf, SUP e kayak, per citarne solo alcuni. Alle sue spalle, poi, si trova una fitta e curata pineta, ideale per trovare refrigerio soprattutto nelle giornate più calde. Dotata anche di chioschi, bar, gazebo attrezzati per il noleggio di attrezzature acquatiche, scuole di windsurf e kitesurf, appena prima della pineta, vicinissimo alla spiaggia, c’è anche un comodo e ampio parcheggio.
Selezionata perché: la Spiaggia del Puntone è dog-friendly e una porzione del lido è stata scelta come dimora dalle tartarughe Caretta Caretta.
Come arrivare: da Follonica, imboccare la strada provinciale delle Collacchie/SP158 e percorrerla per 3,5 km quindi svoltare a sinistra su strada provinciale Puntone. Dopo 3,4 km circa, svoltare a sinistra sulla strada provinciale 135 Vetta/SP135. Dopo 400 metri svoltare a destra, quindi a sinistra. Parcheggiare l’auto.

Spiaggia delle Rocchette, Castiglione della Pescaia


Un mare da 5 Vele Legambiente, pulito e trasparente, sabbia fine e morbida, fondali che digradano dolcemente: la Spiaggia delle Rocchette è certamente una delle più famose e frequentate di tutta la Maremma. Grazie alla presenza di stabilimenti balneari, dotati di tutti i comfort, parti libere e una fitta pineta alle sue spalle, questa spiaggia soddisfa i gusti di tutti. Con l’ampia varietà di specie marine, poi, è un piccolo paradiso per chi ama fare snorkeling.
Selezionata perché: vi si trovano beach bar, locali, un comodo parcheggio a pagamento per le auto e, al tramonto, il panorama si tinge di un arancione mozzafiato che incanta.
Come arrivare: da Castiglione della Pescaia, imboccare la strada statale 322 in direzione Follonica, quindi svoltare a sinistra ai cartelli che segnalano la strada provinciale delle Rocchette. Parcheggiare l’auto nel parcheggio a pagamento e proseguire a piedi.

Spiaggia delle Marze, Marina di Grosseto


Lunga, quasi infinita, e profonda circa un centinaio di metri, la Spiaggia delle Marze ha alle sue spalle la magnifica e fitta Pineta del Tombolo, ottima per le giornate di caldo, soprattutto per chi usufruisce dell’ampio tratto libero. Molto amata dagli appassionati di sport d’acqua per i venti che favoriscono la pratica di windsurf e kitesurf, la spiaggia è costituita da sabbia fine e dorata che, in alcuni punti, forma delle dune alte più di due metri. Tra i servizi che vi si trovano, si ricordano la Bau Beach, tratto pensato per chi non vuole separarsi dal proprio amico a quattro zampe, chioschi e punti ristoro, una comoda pista ciclabile (per chi vuole arrivarci su due ruote), stabilimenti balneari e parcheggi.
Selezionata perché: il mare è pulito, azzurrissimo e cristallino.
Come arrivare: da Marina di Grosseto, imboccare la strada statale 322 che costeggia il mare (e la pista ciclabile). La spiaggia è ben segnalata da indicazioni.

Punta Ala, Castiglione della Pescaia


A nord del paese si trova questo lido molto amato e apprezzato, lungo circa 2 chilometri e interamente libero. Sabbia sottile e morbida, folta vegetazione mediterranea, acque calme e fondali bassi la rendono perfetta anche per le famiglie (ma non con bimbi piccoli) che desiderano provare una spiaggia alternativa, almeno per una giornata. L’ombra è garantita da pini, querce e sugheri, il relax dall’ampiezza della rena, che assicura tranquillità anche nelle giornate di alta stagione. Poco prima di arrivare alla spiaggia, infine, si trova un piccolo chiosco-ristoro, ideale per non arrivare a bordo mare completamente sprovvisti di generi di prima necessità.
Selezionata perché: Punta Ala si trova all’interno della Riserva Naturale Le Costiere ed è stata, in passato, anche la base di Luna Rossa.
Come arrivare: da Castiglione della Pescaia, prendere la strada statale 322 in direzione Follonica, svoltare a sinistra sulla strada provinciale 105 e, quindi, proseguire sulla provinciale 61. Arrivati all’area parcheggio, lasciare l’auto e proseguire a piedi.

Spiaggia di Marina di Grosseto, Marina di Grosseto


Bandiera Blu e Verde nel 2018, la Spiaggia di Marina di Grosseto è lunga alcuni chilometri e confina con il Parco Naturale della Maremma. Le morbide dune di sabbia soffice e sottile sono punteggiate qua e là dalla vegetazione tipica dell’area. Divisa tra stabilimenti privati e ampi tratti liberi, la spiaggia è frequentata sia da famiglie che da giovani, oltre che da persone accompagnate dagli amici a quattro zampe. Vi si trovano, anche, punti ristoro, bar, ristoranti, noleggio attrezzature per sport acquatici come il kitesurf, il windsurf e la vela. Unica nota dolente: i parcheggi, non particolarmente capienti, e piuttosto costosi.
Selezionata perché: pluripremiata, le acque sono al top così come i servizi per i bambini.

Cala di Forno, Parco Naturale della Maremma


Questa è una di quelle spiagge che va vista, almeno una volta nella vita. Inserita in un contesto naturale unico, la spiaggia di Cala di Forno si trova in un’incredibile insenatura baciata da sabbia finissima, dorata e morbida, lambita da acque paradisiache. In estate, grazie alla fioritura dei gigli marittimi, Cala di Forno dà il meglio di sé. Per raggiungerla, è necessario compiere un percorso a piedi all’interno del Parco Naturale, rigorosamente accompagnati da una guida. Una passeggiata piuttosto lunga che consentirà, però, di ammirare falchi pellegrini, volpi, animali selvatici, natura incontaminata. Ad aggiungere ulteriore poesia alla location, infine, ci pensa la Torre di Cala di Forno, irraggiungibile, che la domina dall’alto. Non sono ovviamente presenti né servizi né punti ristoro direttamente sulla spiaggia.
Selezionata perché: non è insolito che, rilassandosi seduti sulla sabbia, ci si imbatta in daini che passeggiano liberi e si spingono fino all’acqua.

Spiaggia dell’Osa, Orbetello


Lunga circa 8 km, questa spiaggia si trova compresa tra due fiumi, l’Osa e l’Albegna ed è circondata da una fitta pineta, all’interno della quale passa una pista ciclabile. Paradiso naturale, costeggiato di campeggi, la rena è accessibile a tutti, grazie agli ampi spazi liberi. In parte sabbiosa e in parte costituita da scogli, vi si trovano anche servizi come punti ristoro, bar, noleggio sdraio/ombrelloni, utili per chi viaggia con bimbi piccoli. Sulla strada retrostante, infine, si trova anche un parcheggio a pagamento.
Selezionata perché: il mare è praticamente sempre una piatta tavola azzurra.
Come arrivare: da Talamone, prendere la strada provinciale Talamone per circa 4 km, quindi proseguire sulla Via Aurelia per 850 metri. Allo svincolo per Albinia / Orbetello svoltare a sinistra e, dopo circa 280 metri, imboccare la strada statale 1 Via Aurelia/E80. Percorrerla per 1,8 km quindi lasciare l’auto nel parcheggio e proseguire a piedi.

Spiagge di Ansedonia e Capalbio


I litorali di Ansedonia e Capalbio sono caratterizzati da una lunga, infinita distesa di sabbia dal tipico colore grigiastro lambita da acque pulite e popolate da pesci e diverse varietà di flora marina. Sia libere che dotate di stabilimenti balneari, ma anche di punti ristoro e ristoranti “indipendenti”, le spiagge di Ansedonia e Capalbio sono amate e frequentate da famiglie con bambini, anche per i fondali che si mantengono bassi ben oltre la riva. Alle spalle, una fitta e rigogliosa pineta parte della riserva forestale dona ombra e refrigerio nelle giornate più calde, soprattutto a chi vive i lidi non attrezzati.
Selezionate perché: anche nei mesi di super affollamento si riesce comunque a trovare il proprio angolino tranquillo.

Ti piace la Maremma? Leggi il nostro articolo sulle spiagge più belle della Maremma laziale.
  •