Cerca Hotel al miglior prezzo

Le spiagge pił belle della Toscana, ecco la classifica

Poche regioni possono vantare la fama internazionale e l'appeal della Toscana nei confronti dei turisti sia italiani che stranieri. Città d'arte e cultura (Firenze, Pisa e Siena, solo per citarne alcune), splendidi borghi medievali (Certaldo o Montalcino, tra i tanti) e colline talmente incantevoli da sembrare disegnate, richiamano ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo.

La Toscana ha però anche la fortuna di poter contare su una costa straordinaria, dove si susseguono quasi ininterrottamente alcune tra le spiagge più belle d'Italia, come ci testimoniano i recenti risultati delle Bandiere Blu. Abbiamo pensato così di stilare una classifica delle spiagge più belle del mare della Toscana, concentrandoci sul litorale continentale e tralasciando volutamente dall'elenco quelle che si trovano nel variegato arcipelago toscano, come le spiagge più belle dell'Isola d'Elba o quelle dell'Isola del Giglio.

Ecco dunque le nostre preferenze.

Casetta Civinini

Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto, è una località che puntualmente, ogni anno, riceve premi di ogni genere per la bellezza della sua costa e delle sue acque. I premi sono in realtà conferiti anche per la tutela dell'ambiente che le istituzioni mettono in atto. Sono numerose le spiagge che si trovano nel territorio di Castiglione della Pescaia, una più bella dell'altra. Tra queste segnaliamo Casetta Civinini, a nord di Punta Ala. Sei chilometri di sabbia fine affiancata dalla pineta, che a sua volta è attraversata da un sentiero CAI. Alcune torri (Torre Civette e Torre Hidalgo) vigilano dall'alto sullo splendido panorama abbracciato dal Mar Tirreno.

Cala Violina

Rimaniamo in provincia di Grosseto, immediatamente a nord di Casetta Civinini, di cui abbiamo appena parlato. Siamo nella Riserva Naturale delle Bandite di Scarlino, a Cala Violina, una piccola insenatura di sabbia bianca sulla quale, in bassa stagione, ci si può trovare anche completamente soli. Non è accessibile direttamente in auto (il parcheggio si trova a circa 20 minuti a piedi) e questo ha favorito negli anni la conservazione di un ambiente naturale intatto, protetto da una folta macchia mediterranea. Una curiosità: il nome della spiaggia deriva dal suono che si percepisce in condizioni di silenzio quando la sabbia è calpestata.

Cala del Gesso

Ci spostiamo sull'Argentario, alla sua estremità occidentale.
Da Porto Santo Stefano si percorre la strada panoramica costiera e successivamente dalla via dei Pionieri, dove dopo poche centinaia di metri si lascia l'auto prima di proseguire a piedi. Cala del Gesso è considerata una delle più belle in assoluto di tutto l'Argentario, composta da piccoli ciottoli bianchi e una vista privilegiata sulla piccola Isola Argentarola. Date le sue ridette dimensioni, in alta stagione si riempie velocemente.

La Bionda

Ancora sull'Argentario, la spiaggetta conosciuta con il nome di La Bionda è una vera delizia di questo tratto di costa. Si può raggiungere a piedi da Porto Santo Stefano ed è riparata da una fila di scogli che rendono l'acqua della baia particolarmente calma. Sulla spiaggetta si affacciano alcune ville, ma l'accesso è assolutamente libero.

Buca delle Fate

In provincia di Livorno, nei pressi del Golfo di Baratti, si trova un luogo straordinario e incontaminato: è la Buca delle Fate, un tratto di costa rocciosa incastonato nel promontorio di Populonia.
La spiaggia è raggiungibile con un sentiero a piedi attraverso la vegetazione, formata da macchia mediterranea e da un bosco di lecci. È proprio in corrispondenza del bosco che, lungo il percorso, è possibile scorgere anche alcune tombe etrusche.
Una volta superata la vegetazione più fitta, si aprirà davanti agli occhi uno scenario selvaggio e mozzafiato; scesi fino al mare, sarà finalmente il momento di godersi un bagno in questo paradiso.

Bagno delle Donne

Siamo nella cosiddetta Costa d'Argento, nel Parco della Maremma, e per la precisione nel comune di Talamone, in provincia di Grosseto.
Cala Bagno delle Donne è una caletta di ghiaia, circondata da speroni rocciosi, raggiungibile tramite una scalinata al termine di una stradina sterrata.
A colpire i turisti non è tanto la spiaggetta in sé, quanto i colori dell'acqua e il fondale di questo tratto di Mar Tirreno, ricco di fauna marina e di fondali spettacolari ideali per le immersioni.

Cala di Forno

Ancora in provincia di Grosseto e ancora nel Parco Naturale della Maremma, la deliziosa Cala di Forno è una delle perle della Toscana. Per raggiungere questa spiaggia paradisiaca incastonata nel promontorio dei Monti dell'Uccellina occorre percorrere un lungo percorso a piedi (il sentiero A4) che costeggia il litorale.
Siamo nel comune di Magliano, immersi in una natura incontaminata e dominata, dall'alto, da un'antica torre che contribuisce a rendere ancor più suggestivo il panorama.

Collelungo

Nei pressi di Marina di Alberese, sempre nel comune di Magliano (Parco Naturale della Maremma), la spiaggia di Collelungo compare spesso nelle classifiche di Legambiente tra le migliori spiagge d'Italia per una serie di qualità e standard che rispetta.
Caratteristica fondamentale di Collelungo sono le dune di sabbia che abbracciano la spiaggia e la dividono dall'entroterra, ma anche la Torre di Collelungo che domina dall'alto il paesaggio, assieme alla Torre di Castelmarino.
La grande spiaggia di sabbia dorata è accessibile mediante il sentiero A2 Le Torri, lungo quasi 6 km, oppure dalla spiaggia di Marina di Alberese e camminando in direzione sud. Data la sua posizione isolata è generalmente poco affollata anche in agosto.

Bagni di Domiziano

Lo splendido promontorio dell'Argentario vanta una ricca gamma di spiagge, tra le quali ve n'è una che racchiude anche un importante richiamo storico. La spiaggia dei Bagni di Domiziano è un piccolo tratto di costa sabbiosa dove, con la bassa marea, è possibile scorgere antiche vasche per l'allevamento ittico ed è possibile ammirare anche i resti di un'antica villa romana, che secondo gli studi archeologici risalirebbe all'anno 36 a.C. Spiaggia libera, ma con pochi posti auto. Attenzione: è vietato parcheggiare lungo la strada statale.

Rimigliano

Il Parco naturale costiero di Rimigliano si trova nel comune di San Vincenzo (LI). A differenza della spiaggia di San Vincenzo, quella di Rimigliano è ancora in gran parte selvaggia, anche se negli ultimi vent'anni sono stati realizzati alcuni stabilimenti e studiato progetti di riqualificazione che hanno un po' compromesso lo spettacolo naturale offerto da questo tratto di costa tirrenica.
Sperando che le amministrazioni locali invertano quello che è il trend più recente, la spiaggia di Rimigliano, con i suoi 6 km di lunghezza, rimane al momento – almeno nei tratti liberi – una delle più belle spiagge della Toscana.

Feniglia

Concludiamo la lista delle spiagge più belle della Toscana con uno dei più spettacolari tratti di costa italiana: si tratta della cosiddetta Feniglia, la spiaggiona che unisce il promontorio dell'Argentario al continente, in corrispondenza della laguna di Orbetello. La suggestiva posizione geografica, i 6 km di sabbia fine, la pineta, l'acqua pulita e la leggera brezza di Maestrale che soffia al pomeriggio contribuiscono a rendere la spiaggia della Feniglia uno dei luoghi più affascinanti del nostro paese.
Date le sue enormi dimensioni, è dotata sia di stabilimenti balneari che di spiaggia libera; per questo non è mai sovraffollata e consente anche agli amanti del naturismo di trovare il proprio angolo di libertà. Gli ingressi al parco e alla spiaggia sono due: uno dal lato di Porto Ercole e uno da Ansedonia.
Il parcheggio comunale adiacente all'ingresso del parco costa 5 euro al giorno.
  •  

 Pubblicato da il 05/08/2016 - 26.862 letture - ® Riproduzione vietata

close