Cerca Hotel al miglior prezzo

Come richiedere il rilascio e il rinnovo del passaporto italiano

Quando si pianifica un viaggio all’estero è necessario verificare per tempo quali documenti sono necessari e, una volta individuati, controllarne la validità.
Avere sotto controllo però la data di scadenza dei propri documenti non è sempre immediato e così a volte capita di accorgersi, quasi all’ultimo momento, che qualcosa è prossimo alla scadenza o addirittura è già scaduto. Purtroppo succede un po’ a tutti, soprattutto quando si parla del passaporto, specialmente se non si utilizza spesso.
L’importante, però, è che quest’inconveniente non diventi un problema e che si riescano a trovare in fretta e facilmente tutte le informazioni per rimediare.
Per questo motivo abbiamo deciso di stilare una mini-guida su come ottenere il rilascio e il rinnovo del passaporto seguendo le normative più aggiornate, valide nel 2018.
Qui troverete tutte le risposte alle vostre domande, i link utili alle fonti ufficiali della Polizia di Stato e anche un video che vi spiegherà in sintesi cosa fare per richiedere un nuovo passaporto.

Il passaporto italiano è elettronico e biometrico

Dal 20 maggio del 2010, come indicato dalla vigente normativa europea, il passaporto è diventato elettronico e biometrico e consiste in un libretto cartaceo di 48 pagine dotato di un microchip elettronico sulla sua copertina, non visibile dall’esterno, che contiene, in forma criptata nel pieno rispetto della privacy, sia i dati anagrafici sia quelli biometrici del titolare, ossia le impronte digitali, la foto e la firma. Per biometriche, infatti, s’intendono l’insieme delle caratteristiche fisiologiche (es. impronte digitali e fisionomia volto) e comportamentali (es. firma) che identificano una persona e la rendendo unica. Il passaporto biometrico si distingue perché sulla copertina è presente in basso al centro il simbolo dorato apposito.

I dati anagrafici e la foto del titolare sono presenti anche nella sua seconda pagina, così come la firma digitalizzata ma a eccezione di 3 categorie esenti: i minori di 12 anni, gli analfabeti riconosciuti tali e chi presenta un’impossibilità fisica documentata e accertata per l’apposizione della firma.

Il passaporto per i cittadini italiani maggiorenni ha una validità di 10 anni e alla scadenza, riportata al suo interno, non si rinnova più, ma se ne deve richiedere uno nuovo. Per i minorenni, che devono essere dotati di un passaporto individuale ormai già da diverso tempo, la durata invece varia dai 3 ai 5 anni, a seconda dell’età, ma vedremo in seguito i dettagli nello specifico.

Il passaporto italiano è rilasciato, in Italia, ai cittadini italiani dall’Ufficio Passaporti della questura o commissariato. Agli italiani che vivono all’estero, il passaporto è rilasciato, invece, dalle rispettive rappresentanze diplomatiche e consolari presenti nei territori. Se fate parte di questa categoria, vi consigliamo di consultare il sito del Ministero degli Affari Esteri, dove tra i servizi offerti troverete anche quelli riguardanti il rilascio dei documenti.

Tutti i dettagli sul rilascio del passaporto in Italia, sia per i maggiorenni sia per minorenni sono disponibili sul sito della Polizia di Stato nella sezione dedicata.
Quindi, anche se continueremo ad aggiornarvi sull’argomento, vi consigliamo in ogni caso di tenere sempre monitorato il link della fonte ufficiale.


Cosa fare per il rilascio e il rinnovo del passaporto elettronico: la procedura e le domande frequenti

Veniamo ora alla modalità di rilascio del documento. Di seguito trovate tutti i dettagli, insieme alle domande frequenti, sull’intera procedura che abbiamo voluto riassumervi passo passo.


Dove andare per il rilascio e il rinnovo del passaporto

Come abbiamo detto, il passaporto italiano è rilasciato in Italia dall’Ufficio Passaporti della Questura o del Commissariato di Pubblica Sicurezza ma la domanda può essere inoltrata anche presso la stazione dei carabinieri e in Comune, salvo poi doversi recare in un secondo momento presso gli uffici di polizia per la rilevazione delle impronte. Tenete presente, poi, che se volete richiedere il passaporto in una città diversa rispetto a quella di residenza avrete bisogno del nulla osta della Questura di residenza.


Richiesta del passaporto elettronico online

Grazie al servizio Agenda Online - Passaporto Elettronico è possibile richiedere il passaporto tramite web prenotando ora, data e luogo per la presentazione della domanda, per la consegna di tutta la documentazione e per la rilevazione delle impronte digitali, evitando così eventuali lunghe attese negli uffici preposti. In caso di grande richiesta e di mancanza di date disponibili, uno scenario che potrebbe presentarsi soprattutto in estate, potrete comunque sempre recarvi direttamente o in questura o in commissariato, ma tenete conto dei tempi di attesa.
Il programma Agenda Online è molto comodo perché fornisce anche la possibilità di specificare eventuali urgenze di rilascio.


Quando richiedere il rilascio di un nuovo passaporto

La richiesta di un nuovo passaporto dovrà avvenire in tutti i casi: sia che il vostro passaporto sia scaduto, sia che sia stato smarrito o rubato oppure che le sue pagine siano esaurite o deteriorate. La procedura da seguire sarà comunque sempre la stessa, come la medesima è la documentazione da portare.
In caso di smarrimento o furto, ricordatevi che dovrete esibire anche la relativa denuncia. Se, invece, la vostra domanda di rilascio avviene perché il vostro passaporto è scaduto o deteriorato, sarete contestualmente obbligati a riconsegnare il vecchio che sarà annullato e vi sarà restituito insieme al nuovo. In questo modo potrete così recuperare i visti ancora in corso di validità.


Dove trovare il modulo per il rilascio del passaporto

Il primo documento di cui munirsi per richiedere il passaporto è il modulo apposito per il rilascio, scaricabile dal sito della Polizia di Stato.
Esistono due tipologie di moduli per la richiesta: uno per i maggiorenni e uno per i minorenni. Fate attenzione a compilare e a presentare quello giusto.


I documenti necessari per il rilascio

Insieme al modulo stampato e compilato di richiesta, la documentazione da presentare per il rilascio del passaporto è la seguente:
1) un documento d’identità in corso di validità (dovrete portare con voi, oltre all'originale, anche una fotocopia);
2) Due foto tessera identiche e recenti che vi ritraggono su fondo bianco, con occhi bene aperti e non troppo da lontano (attenzione: non sono ammesse foto con cappelli, foulard o occhiali con lenti scure - sono permessi solo gli occhiali da vista con lenti chiare. In caso, poi, decidiate di stamparvi le foto in autonomia, è raccomandato di non utilizzare carta lucida che potrebbe creare problemi durante la scansione). A questo link trovate degli esempi di foto tessere idonee per il rilascio del passaporto;
3) La ricevuta di pagamento, avvenuto mezzo bollettino postale pre-stampato, di Euro 42,50. Nel caso non trovaste il bollettino pre-stampato, potrete utilizzarne uno generico intestandolo a “MEF Dipartimento del Tesoro - Versamento dovuto rilascio passaporto elettronico”, conto corrente numero 67422808, causale “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
4)Un contrassegno telematico per passaporto di Euro 73,50, da acquistare in tabaccheria o presso una rivendita di valori bollati;
5) La stampa della ricevuta inviata dal sistema dopo la registrazione al servizio Agenda Passaporto Online;
6) Il vostro vecchio passaporto, se ne siete in possesso o la denuncia in caso di smarrimento o furto.

E’ poi molto importante sapere che un genitore con figli minorenni, anche se sta procedendo alla richiesta di rilascio del proprio passaporto, deve comunque avere il consenso dell’altro genitore (indipendentemente dallo stato familiare in cui si trova) che dovrà firmare l’assenso presso l’ufficio in cui viene presentata la documentazione. Nel caso in cui questi non possa essere presente al momento della consegna dei documenti, sarà necessario allegare una fotocopia del suo documento d’identità, firmata in originale, insieme a una dichiarazione d’assenso sottoscritta (scaricabile a questo link) o, in casi particolari, si dovrà portare il nulla osta del giudice tutelare.

Infine, è bene conoscere che tutta la documentazione in lingua straniera, di cui si è eventualmente in possesso, dovrà essere tradotta in italiano da un interprete ufficiale, presso un consolato italiano o presso l’Ufficio Stranieri di una questura in Italia (tutte le traduzioni effettuate privatamente saranno respinte).


Passaporto: le impronte digitali

Una volta consegnata tutta la documentazione richiesta, è necessario rilasciare le proprie impronte digitali, come detto, presso l’Ufficio Passaporti della Questura o del Commissariato. In caso non abbiate consegnato i documenti direttamente all’Ufficio Passaporti, questa procedura, indispensabile per concludere le pratiche, potrà essere effettuata anche in un secondo momento presso gli uffici preposti.


Costi del passaporto elettronico

Il costo per il passaporto elettronico è pari a Euro 42,50 del bollettino postale e a Euro 73,50 del contrassegno telematico. Per un totale di Euro 116 ma, una volta che vi sarà rilasciato il passaporto, non dovrete pagare più nulla fino alla scadenza del documento riportata al suo interno, quindi addio alla marca da bollo che andava apposta ogni anno sul documento per mantenerlo valido.


Tempi di rilascio e rinnovo del passaporto

I tempi per il rilascio del nuovo passaporto variano in base all’ufficio in cui si presenta la domanda, al periodo e anche alla grandezza del Comune in cui ci si trova. Se decidete di procedere tramite gli uffici della Questura i tempi saranno molto più ridotti (da uno o due giorni, fino a una settimana se il Comune è molto grande). Potrebbe volerci invece da una settimana a un mese se l’ufficio da voi scelto è quello del comune.


Come ritirare o ricevere il nuovo passaporto

Una volta adempiuto a tutte le richieste riguardanti la documentazione da presentare e fatti passare i termini per il completamento della pratica, sarà possibile ritirare il vostro nuovo passaporto presso gli uffici preposti o personalmente o tramite un proprio delegato maggiorenne, munito di un documento di riconoscimento, della fotocopia del documento d’identità del titolare e di una delega in carta semplice ma legalizzata da un ufficiale dell’anagrafe o da un notaio.

Inoltre, grazie a una convenzione con Poste Italiane attiva dal 2014, è possibile farsi recapitare il passaporto a domicilio, solo in Italia, a un costo di Euro 8,20. Per avvalersi del servizio dovrete farne richiesta alla Questura o al commissariato al momento della consegna dei documenti, dove vi sarà fornita una busta da compilare con l’indirizzo del luogo in cui desiderate la consegna. Una volta scritti i vostri dati sulla busta, dovrete restituirla all’Ufficio Passaporti che vi rilascerà una ricevuta contenente il numero utile per tracciare la spedizione sul portale delle poste. In caso di mancata consegna per assenza del destinatario, sarà lasciato un avviso con tutte le indicazioni utili per ritirare la busta entro 30 giorni, scaduti i quali sarà riconsegnata all’Ufficio Passaporti. Lo stesso vale per un indirizzo errato. In caso di smarrimento della busta, invece, Poste Italiane vi rimborserà il valore di Euro 50,00 mentre voi, per ottenere un nuovo passaporto, dovrete ripagare il bollettino di Euro 42,50.


Passaporto temporaneo: il rilascio in caso di urgenza

In presenza di determinate condizioni è possibile richiedere il rilascio di un passaporto temporaneo con validità ridotta rispetto all’ordinario (pari o inferiore ai 12 mesi), di 16 pagine e non dotato di micro chip. Il passaporto temporaneo, conosciuto anche come passaporto d’urgenza, è un documento di viaggio di emergenza cui si può ricorrere o nei casi documentati d’impossibilità temporanea alla rilevazione delle impronte digitali (es. fratture ossee o ferite agli arti) oppure in tutti gli altri casi eccezionali (es. per motivi famigliari, di salute, di lavoro ecc.) in cui è urgente ottenere un passaporto e non sia possibile il rilascio di quello ordinario.
Per farne domanda serve:
1)Un documento d’identità in corso di validità;
2) Due foto tessera identiche e recenti;
3) La ricevuta di pagamento, avvenuto mezzo bollettino postale ordinario, di Euro 5,20 su Conto Corrente Postale n. 3810521 intestato a Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento del tesoro, causale "Importo per il rilascio del passaporto elettronico"
4)Il vostro vecchio passaporto, se ne siete in possesso.

Fate attenzione, però, che con il passaporto temporaneo potrete entrare negli Stati Uniti solo se muniti di visto d'ingresso, quindi non potrete utilizzare il programma Visa Waiver Program - Viaggio senza Visto (autorizzazione elettronica - ESTA).

A questo link trovate un fac-simile di un passaporto temporaneo.
Il modulo di richiesta per il passaporto temporaneo è lo stesso che vi abbiamo indicato di utilizzare per quello ordinario come rimangono gli stessi i luoghi preposti alla richiesta.


Cambio di residenza: cosa fare per il passaporto

In caso di cambio di residenza, bisogna fare aggiornare il passaporto, ma solo se a cambiare è il Comune. Non è necessario invece se si cambia solo indirizzo.


Rinnovo del passaporto prima della scadenza

Tenere monitorata la validità del passaporto è importante perché bisogna ricordare che per entrare in quasi tutti i paesi del mondo è necessario che il vostro documento disponga di una validità residua di almeno 6 mesi. Un passaporto in scadenza entro 6 mesi rimane valido solo come documento di riconoscimento ma non per l’espatrio. Per questo motivo, per evitare spiacevoli inconvenienti, è necessario ricordarsi di fare richiesta di rilascio di un nuovo passaporto almeno 7 mesi prima della sua scadenza. Per avere le informazioni sui documenti necessari per l’accesso ai vari paesi nel mondo, potete consultate il sito: www.viaggiaresicuri.it


Posso rinnovare il passaporto anche se scaduto da anni?

Come detto all’inizio del nostro articolo, il passaporto con la nuova normativa vigente non si rinnova più, quindi, è sempre necessario chiedere il rilascio di un nuovo passaporto.


Quali sono i motivi ostativi al rilascio del passaporto?

Forse non tutti sanno che al momento del rilascio del passaporto è prevista una verifica da parte degli organi di polizia di eventuali sanzioni pecuniarie, ammende o multe, non pagate. Per evitare spiacevoli inconvenienti, quindi, prima di richiedere il passaporto, non dimenticate di saldare tutti gli avvisi di pagamento che avete in sospeso anche per semplici contravvenzioni stradali!


Come conservare il passaporto elettronico

Il passaporto elettronico essendo dotato di micro chip deve essere conservato tenendo ben presente che come una carta magnetica o un bancomat possa danneggiarsi o smagnetizzarsi in caso di contatto con particolari fonti di energia. Ricordatevelo.


Passaporto per i minori: come si rilascia e rinnova il passaporto di un bambino

Dal 27 giugno del 2012 la procedura d’iscrizione di un minore sul passaporto del genitore non è più valida. Da questa data, infatti, a tutti i minori è consentito viaggiare all’estero solo se muniti di un proprio documento di viaggio (passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio se il viaggio è in Europa). I passaporti dei genitori su cui ancora si trovano iscrizioni di figli minori rimangono validi, invece, per il solo titolare fino alla scadenza naturale. Così come rimangono validi, fino alla loro scadenza, i passaporti individuali rilasciati ai minori con durata decennale prima della data di entrata in vigore della nuova normativa.

Con la normativa vigente, la validità dei passaporti di un minore, è, infatti, diversa a seconda dell’età del minore: è triennale da zero a tre anni e quinquennale dai tre ai diciotto anni. Questo per garantire una sicurezza maggiore e una più facile identificazione permettendo un aggiornamento più frequente della foto del minore stesso.

Come fare allora per richiedere il rilascio del passaporto per i vostri figli minorenni? Anche in questo caso è possibile andare sul sito Agenda Online - Passaporto Elettronico e procedere alla richiesta di presentazione della domanda questa volta per i vostri figli minorenni. Il sistema non permette la registrazione di minori quindi sarà necessario che siate voi a procedere alla registrazione. Attenzione però: tutta la documentazione dovrà essere predisposta a nome dei vostri figli minorenni (incluso il modulo di richiesta e il bollettino postale).

Il modulo di richiesta per il passaporto dei minori è diverso da quello per i maggiorenni e lo trovate a questo link.

La documentazione da allegare al modulo è invece la stessa che vi abbiamo indicato per il rilascio del vostro passaporto. Ricapitolando servirà:
1) Un documento d’identità in corso di validità (vi suggeriamo di portare con voi, anche una fotocopia). In alternativa, ai sensi del DPR 445 del 2000 legge Bassanini, è anche possibile per il genitore autocertificare che è il minore è proprio figlio;
2) Due foto formato tessera identiche e recenti (che rispettino le caratteristiche già indicate in precedenza e valide per i maggiorenni);
3) La ricevuta di pagamento, avvenuto mezzo bollettino postale pre-stampato o meno, di Euro 42,50, intestato a “MEF Dipartimento del Tesoro - Versamento dovuto rilascio passaporto elettronico”, conto corrente numero 67422808, avente come causale: “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
4)Un contrassegno telematico per passaporto di Euro 73,50, da acquistare in tabaccheria o presso una rivendita di valori bollati;
5) La stampa della ricevuta inviata dal sistema dopo la registrazione al servizio Agenda Passaporto Online;
6) Il vecchio passaporto, se ne siete in possesso.

La presenza del minore rimane comunque obbligatoria per la legalizzazione delle foto e per il suo riconoscimento.

Infine, come già anticipato, per la richiesta di rilascio di un passaporto di un minorenne è necessario che il minore sia cittadino italiano e che entrambi i genitori siano d’accordo. L’assenso dovrà essere firmato di fronte al Pubblico Ufficiale che ne autenticherà quindi la firma. Nel caso in cui uno dei genitori (italiani o comunitari) sia impossibilitato a esserci, sarà necessario allegare alla documentazione una fotocopia del suo documento d’identità, firmata in originale, insieme a una dichiarazione d’assenso, scritta, per l’espatrio (che è scaricabile a questo link). I genitori extracomunitari, che si trovano in Italia ma in una città diversa della richiesta, dovranno recarsi al commissariato più vicino per rilasciare il proprio assenso di fronte al pubblico ufficiale. Se, invece, non sono in Italia, dovranno recarsi presso l’ambasciata italiana del paese in cui si trovano. In mancanza dell’assenso, invece, sarà necessario il nulla osta del giudice tutelare.

Programmare e prenotare un viaggio cui si pensa da qualche tempo è sempre una bella soddisfazione, ma perché tutto sia perfetto è necessario non dimenticare nulla e arrivare alla fatidica data del decollo muniti di tutte le informazioni utili e sempre ben preparati. Il passaporto, quindi, fa parte di quella lista di cose indispensabili da portare sempre con sé, tenere pronto e soprattutto valido!

Speriamo, allora, che la nostra mini-guida sul rilascio e rinnovo del passaporto, vi abbia chiarito un po’ di dubbi su quanto è necessario fare prima di partire per ottenere un documento valido per l’espatrio.

Non ci resta allora che augurarvi buon viaggio e buona avventura!
  •  

 Pubblicato da il 03/07/2018 - - ® Riproduzione vietata