Cerca Hotel al miglior prezzo

Volare negli Stati Uniti in 3 ore. Torneranno gli aerei di linea supersonici

Novità molto importanti dal settore aeronautico: vi avevamo parlato degli aerei senza finestrini e di quelli trasparenti, ma ora invece è il turno degli aerei superveloci.

E' stato progettato dalla Lockheed Martin, azienda leader nel settore (colosso americano che tra l'altro ha realizzato i tanto discussi F35) un jet supersonico, che potrebbe diventare il nuovo Concorde, denominato N+2, che promette di dimezzare i tempi di percorrenza della tratta New York - Los Angeles. Se oggi per percorrere l'itinerario che va dalla Grande Mela alla importante città della California e viceversa oggi si impiegano 5 ore, con il jet supersonico che è stato presentato nei giorni scorsi, si possono impiegare due ore e mezza.

Una buona notizia per chi percorre questa tratta periodicamente per affari poichè un tempo tale permetterebbe di andare e tornare in giornata. Il prototipo si sviluppa con la portabilità di circa 80 passeggeri. Sembra quindi avverarsi questo sogno a una velocità di oltre 2000 km, con il vantaggio di abbattere ulteriormente il carico acustico inquinante. Questo è un fattore importante perchè negli USA esiste il divieto di volare a velocità supersoniche sul territorio americano, proprio per il problemi causati dal boom supersonico.

I progettisti stanno lavorando a questo e sono orientati nello sviluppare un triplo propulsore, posizionato in alto e sotto le due ali, in modo da distribuire, e così abbattere, le emissioni sonore. Ulteriore buona notizia è che il progetto è destinato a una futura distribuzione commerciale per le compagnie aeree.

Un altro colosso americano, l'Aerion, nel Nevada sta portando avanti il progetto di un jet supersonico, anche questo un novello Concorde, che potrebbe invece percorrere la tratta New York - Londra in tre ore e quella Los Angeles - Tokyo in sei. Sembra fantascienza, ma in realtà siamo prossimi a connettere una città americana con la capitale giapponese in un tempo considerevolmente breve.

La stessa azienda Aerion - che negli anni scorsi lanciò il Concorde - ha affermato‘che Aerion AS2 (il nome che stato dato al jet supersonico) non riuscirà a raggiungere il Concorde che volava a circa 2200 km all’ora, ma si attesterà intorno ai duemila.

A partire dal 2019, quindi, si potrà viaggiare su questo jet supersonico: i ricercatori e i progettisti sono ancora al lavoro per offrire ai passeggeri velocità e comodità a un costo che oggi si stima circa sui 100 milioni di dollari per la produzione.

Due progetti che dimostrano che siamo veramente in un'era globale in cui connettersi non solo virtualmente ma anche fisicamente con l'altra parte del globo è sempre più possibile in tempi sempre più brevi.
  •  

 Pubblicato da il 03/12/2014 - - ® Riproduzione vietata

close